Posts tagged ‘Papa’

ottobre 30, 2013

Colpo di scena nel DATAGATE.

Non è solo Obama ad essere preso con le mani nella marmellata, ma anche il fruitore del più famoso lettone del mondo.
Il nostro furbacchione ha regalato – in occasione del G20 – tanti bei gingilli ai suoi colleghi. Peccato che fossero marchingegni per intercettare le loro conversazioni.
Un particolare riguardo al suo amico di dittatura, a cui ha riservato un dono di particolare pregio.

settembre 10, 2013

Preghiera e digiuno di pace.

mauro-prega-guerra-il-manifesto

 

luglio 27, 2013

Un mondo più giusto.

papa-poveri-1

Il Papa nelle favelas.>

luglio 11, 2013

Cicchitto e co. translate.

cicchitto-migranti-translate-il-manifesto

Migranti, Cicchitto corregge il Papa. E Boso: “Spero affondi un barcone“. La vignetta oggi su il manifesto.
Voglio segnalare anche un post di Gilioli e un articolo del Redattore Sociale.

luglio 10, 2013

Il Nano ed il Gigante.

https://i1.wp.com/digilander.libero.it/Blaze_Zen/Image/Dreamer1.jpgFabrizio Cicchitto ex piduista servo in pantofole del più grande delinquente degli ultimi venti anni critica Papa Francesco per essere stato a lampedusa e per le sue parole sull’immigrazione. Che dire? Mi fa pena. Un povero miserabile che pensa di poter dare lezioni ad un papa che si è dimostrato fin dalla sua prima apparizione come un uomo nuovo, che parla alla gente di problmei drammatici in manera semplice indicando la via. Il Papa ha parlato al mondo, Cicchitto parla con la Santanchè.Per fortuna la loro stagione sta volgendo al termine.

luglio 9, 2013

Sant’Europa.

 

europa-migranti-lampedusa-dopo-papa
E mo? Interessante la riflessione su come “intorno all’isola sia nato probabilmente il più grande movimento di massa di disobbedienza civile alle leggi europee e italiane sulla frontiera”.

luglio 9, 2013

Il Papa contro i poteri forti.

Con la visita di ieri a Lampedusa, Papa Francesco ha operato una scelta destinata a cambiare non solo il volto della Chiesa e l’atteggiamento dei cattolici nei confronti degli ultimi, che per lungo tempo erano stati dimenticati, ma soprattutto destinata a cambiare un tipo di cultura che la globalizazione aveva imposto. La cultura del mercato come regolatore della vita di ognuno di noi e l’indifferenza nei confronti degli altri è destinata a scomparire. Non sarà facile, ma un discorso così forte e cosi alto non si era mai sentito. I principi del Concilio Ecumenico Vaticano II° messi  da parte sia da Giovanni Paolo II° che da Benedetto XVI° riaffiorano prepotentemente con questo Papa. Che cosa ha fatto il Papa ieri? Per prima cosa ci ha detto che il fenomeno dei migranti è un fenomeno globale che va affrontato con la solidarietà e con l’umanità con lo spirito crisatiano delle origini. Inoltre ha dimostrato che non sono i politici a dover affrontare e risolvere i problemi, ma noi stessi con la nostra coscienza e con il nostro comportamento. Non possiamo più essere testimoni che girano la testa da un’altra parte e dove c’è sofferenza dobbiamo dare il nostro contributo per alleviarla. La biografia di Papa Bergoglio fa sperare che egli sia sincero e non cambi paradigma. Altra cosa importante  è un avviso ai poteri forti dell’economia egli ha detto che un’economia che pensa solo al profitto è destinata a soccombere perchè l’economia e la finanza sono al ervizio della gente e non viceversa. Poi “intorno all’isola è nato probabilmente il più grande movimento di massa di disobbedienza civile alle leggi europee e italiane sulla frontiera.(Famiglia Cristiana)Infine ha rilanciato in maniera forte il discorso sull’ecumenismo. Parlando a Lampedusa, Francesco ha parlato al mondo arabo,  ai mussulmani  ritornando alla linea di dialogo iniziata da Giovanni XXIII° Francesco vuole parlare alle altre chiese  non dall’alto di un soglio pontificio, ma sul ponte di una barca che guarda all’altra sponda del Meditterraneo. I problemi della Chiesa Cattolica sono tanti e non tutti risolvibili in tempi brevi, come per esempio lo strapotere della Curia Romana, fin troppo compromessa con un potere politico reazionario e conservatore  epoi “il ruolo della donna, l’enciclica Humanae Vitae, e quindi la contraccezione, l’ordinazione di donne, l’ecumenismo con le altre Chiese, l’apertura della Chiesa ai drammi del mondo. Non sarà facile avendo contro il “Potere”, ma il sasso è stato buttato nello stagno e niente sarà come prima.

luglio 7, 2013

Il sangue dei nostri fratelli morti.

 

papa-lampedusa-calice-il-manifestoLunedì il Papa a Lampedusa. E un calice intagliato dal legno dei barconi dei migranti.
La vignetta oggi su il manifesto.
Sempre oggi su il Misfatto de il Fatto Q., la vignetta “FossaItalia”.

luglio 5, 2013

Un grande Francesco.

  Niente tappeto rosso fino alla scaletta. Niente picchetto d’onore. Niente cerimoniale. Un viaggio di penitenza fino all’ultimo lembo di terra d’Europa, dove si intrecciano storie di speranza e di morte per migliaia di migranti, si poteva benissimo fare con un volo di linea. Questa l’idea di papa Francesco, che era pronto a rinunciare all’aereo di Stato pur di non derogare al principio di sobrietà con cui intende consumare la sua visita di lunedì nell’isola di Lampedusa. Infatti, gli sarebbero bastati quattro posti sul volo giornaliero dell’Alitalia, che aveva chiesto di prenotare alla sua segreteria.

Un grande Papa, secondo solo a Giovanni XXIII°.

luglio 5, 2013

Papamobile.

papa-migrante-il-manifestoL’8 luglio il viaggio del Papa a Lampedusa.
La vignetta oggi su il manifesto.