Posts tagged ‘nonuke’

marzo 10, 2013

A Parigi una catena umana contro il nucleare.

L’associazione Sortir du Nucléaire ha organizzato per oggi a Parigi una catena umana contro il nucleare che potete seguire anche via twitter con l’hastag #chainehumaine.

Siamo a due giorni dall’anniversario del terribile incidente nucleare di Fukushima Daiichi.

Continua a leggere: A Parigi una catena umana contro il nucleare

ottobre 8, 2012

Nucleare serve mettere in sicurezza gli impianti.

Dopo aver effettuato gli stress test in tutte le 145 centrali nucleari sparpagliate nel Vecchio Continente, la Commissione Europea per l’Energia ha espresso il proprio giudizio sullo stato di salute del nucleare europeo.

Pur ravvisando che gli standard di sicurezza sono per tutti i reattori “generalmente elevati” la Commissione Ue presieduta da Gunter Oettinger ha stimato il 25-30 miliardi di euro gli investimenti necessari a garantire i migliori standard di sicurezza per tutte le centrali europee, in particolare quelle su suolo francese.

L’innalzamento dei livelli di attenzione sulla sicurezza delle nostre centrali è stato decretato dopo l’incidente di Fukushima: ciò sta portando l’Ue ad elencare una serie di interventi su ciascun reattore per aumentare proprio il livello di sicurezza dello stesso.

Continua a leggere: Nucleare, in Europa urge la messa in sicurezza

Maggio 5, 2012

Giappone: si spegne l’ultimo reattore.

Da questa sera, per la prima volta in 42 anni, il Giappone non avrà più, almeno nell’immediato futuro, energia elettrica generata dall’atomo. La decisione segue la crisi dopo l’incidente alla centrale di Fukushima. La Hokkaido Electric Power, utility dell’isola a nord di Hokkaido, disattiverà l’unità n.3 della struttura di Tomari, l’ultima attiva sulle 54 disseminata nell’arcipelago, con la procedura che partirà dalle 17:00 locali, saranno le 10:00 in Italia, e si concluderà  col blocco totale previsto alle 23:00.

Oggi centinaia di giapponesi sono in marcia per chiedere la fine definitiva dell’utilizzo del nucleare. La folla si è radunata in un parco di Tokyo dicendosi non preoccupata per gli allarmi del governo per possibili mancanze di energia nei prossimi mesi.

aprile 11, 2012

Il Giappone riparte dal sole, al via costruzione del più grande parco fotovoltaico giapponese.

parco fotovoltaico kagoshima giappone

Esplorare le potenzialità su larga scala del fotovoltaico nell’approvvigionamento di energia elettrica. Ci prova il Giappone per ritornare a sperare dopo Fukushima, guarendo le ferite causate da un’energia malata qual è il nucleare. Kyocera ha annunciato la costruzione del più grande parco fotovoltaico giapponese, progetto avviato in collaborazione con l’IHI Corporation e la Mizuho Corporate Bank.

Il parco fotovoltaico da 70 MW sorgerà nell’area sudoccidentale dell’isola di Kyushu, nella città di Kagoshima, su 127 ettari di terre inutilizzate. Il costo totale del progetto si aggira sui 309 milioni di dollari. Si comporrà di 290 mila pannelli solari per un risparmio di emissioni di CO2 annue stimato in 25 mila tonnellate. Stando ai dati diffusi da Kyocera, potrebbe fornire elettricità sufficiente a soddisfare i consumi medi di 22 mila famiglie. I lavori partiranno a luglio ma non si sa ancora quando il parco sarà pronto ad entrare in funzione.

Il Giappone ha fretta di trovare un’alternativa pulita al nucleare, dal momento che lo spegnimento dei reattori ha causato un aumento delle emissioni di CO2, per via di un maggior ricorso alle fonti fossili. Puntare su vento e sole sembra al momento l’unica via d’uscita pulita da una sporca situazione.

marzo 17, 2012

Più energia dalla centrale nucleare di Krsko: lo chiede il Friuli Venezia Giulia.

Il presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Renzo Tondo incontra il presidente della Slovenia Danilo Turk per discutere di energia nucleare e rigassificatore di Trieste

Potenziare la centrale nucleare di Krsko in Slovenia per avere più energia per la Regione autonoma del Friuli Venezia Giulia. E’ quanto chiede Renzo Tondo il presidente che ha il pallino dell’energia nucleare a dispetto del referendum abrogativo di un anno fa;desidera anche un rigassificatore per Trieste. E allora Tondo non molla ed è intenzionato a scendere a Roma per chiedere al Ministro Passera di aiutarlo nel suo progetto.

L’annuncio lo ha fatto lo stesso Tondo (a sinistra nella foto in alto) poche ore dopo aver incontrato Danilo Turk, presidente sloveno al Kulturni Center Bratuz di Gorizia. Si legge nel comunicato stampa della Regione FVG:

Sul nucleare ho ribadito a Turk la mia posizione personale, testarda e finora largamente minoritaria anche in Italia, che tende ad immaginare una collaborazione del nostro Paese con il Governo sloveno sulla centrale di Krsko, con la disponibilità del Friuli Venezia Giulia a partecipare in prima persona a questo percorso. Ne parlerò con il nuovo ministro allo Sviluppo economico Corrado Passera.

Continua a leggere: Più energia dalla centrale nucleare di Krsko: lo chiede il Friuli Venezia Giulia

marzo 12, 2012

Fukushima, un anno dopo nasce Midorinomirai: ecologisti giapponesi.

!5mila giapponesi sfilano a Tokyo un anno dopo Fukushima

Un anno dopo il terremototo e lo tsunami che hanno innescato l’incidente nucleare alla centrale di Fukushima Daiichi, 15mila persone hanno sfilato oggi per le strade di Tokyo contro la presenza di centrali nucleari in Giappone.

La manifestazione è partita dal Parco Hibya e ha attraversato la città. Si tenga presente che in Giappone non esiste proprio la mentalità di manifestare per protestare e dunque anche se 15mila persone possono sembrare una minuscola percentuale, rispetto alla totalità dei 13milioni di abitanti di Tokyo, una sfilata come quella di stamane rappresenta il segnale di un ampio disagio e dissenso vissuto e mostrato.

Tra l’altro, come fa notare Martine Cartone peraltro autrice della foto in al a destra si nota una bandiera con la scritta:

みどりの未来 Midorinomirai

ossia il Futuro della Natura, il neo partito dei ecologisti giapponesi.

Peraltro misurazioni indipendenti sostengono che la città di Tokyo sia contaminata quanto quella di Fukushima che però è stata evacuata.