Posts tagged ‘nea democratia’

luglio 2, 2012

Pd e PDL studiano una legge elettorale truffa.

Per Berlusconi la partita è già chiusa in partenza: comunque vadano le elezioni, noi governeremo.
Bisogna solo studiare una “legge elettorale truffa” che possa garantire questo esito e stabilire i rapporti di forza tra i due grandi partiti: una Grande coalizione PD-PDL che permetta alla casta di restare aggrappata alle poltrone di governo.
Non è altro che l’adozione dello schema politico greco, dove il PASOK (centro-sinistra) e Nuova Democrazia (Centro-destra) si presentano alle elezioni divise, fingono di litigare su alcune questioni, ma poi tutti già sanno che governeranno assieme.
Così come infatti è successo appena due settimane fa.
La riforma della legge elettorale serve appunto a disegnare i confini di questo sistema cartellizzato, in modo da emarginare il più possibile quelli che stanno fuori e favorire i partiti che stanno dentro.  Ne vien fuori la discussione in corso in questi giorni tra gli sherpa del PD, PDL e UDC sul sistema cervellotico misto di 50% di collegi uninominali, con ripartizione provinciale, liste bloccate, preferenze triple e premio di maggioranza.
Notiamo l’ assenza dello scorporo, del recupero dei resti e della scheda a scomparsa, ma siamo sulla buona strada.

E intanto la disoccupazione giovanile è al 36,2%, record storico assoluto.

maggio 7, 2012

In Grecia necessarie nuove votazioni.

ATENE – Il leader di Nea Democratia, Antonis Samaras, ha rimesso questa sera il mandato di formare il governo conferitogli stamani dal presidente della Repubblica ellenica Karolos Papoulias, perché non è riuscito a formare una coalizione di governo. Lo hanno riferito radio di Atene. Samaras ha rinunciato dopo che il leader di Sinistra Democratica Fotis Kouvelis, considerato un possibile partner di una maggioranza insieme ai socialisti del Pasok, ha detto no a un governo di unità nazionale. Kouvelis ha respinto l’offerta del presidente di ND, affermando che non cambia la posizione del suo partito: sì alla Grecia nell’eurozona, ma necessità di rinegoziare il memorandum. Ora toccherà al leader di Syriza Alexis Tsipras tentare di formare un governo. Samaras aveva incontrato oggi anche il leader del Pasok, Evangelos Venizelos, e il leader di Syriza, Alexis Tsipras. Vari analisti ritengono che la Grecia dovrà tornare alle urne probabilmente il prossimo 17 giugno.