Posts tagged ‘monte dei paschi di siena’

marzo 29, 2013

I guai in arrivo delle banche italiane.

wpid-IMAG0699-1

Scandali, crisi di singoli istituti, ipotesi di riforma del sistema finanziario, provvedimenti di Banca d’Italia. Che sta succedendo nelle banche italiane?

di Vincenzo Comito da Sbilanciamoci.info

Continua a leggere »

marzo 22, 2013

Apologia della banca pubblica.

blog-2008-12-22-22-47-51

Con la grande crisi scoppiata nel 2007-8 l’intero sistema finanziario del mondo occidentale è giunto sull’orlo del collasso. È stato salvato dall’intervento dell’autorità pubblica, spesso attraverso l’ingresso dello Stato nel capitale delle banche in difficoltà. Solo in Italia questa opzione è stata sempre esclusa anche solo dal novero delle possibilità. Qui da noi è ancora ben radicato il dogmatismo ideologico che portò alla dissennata stagione delle privatizzazioni degli anni Novanta. È giunto il momento di cambiare rotta.

di Vladimiro Giacchè da MicroMega 3/2013
Continua a leggere »

febbraio 1, 2013

La soluzione dei problemi.

universita-meno-iscritti-meritocrazia

Caporetto Università pubblica. “La cultura non si mangia“, contenti mo?

febbraio 1, 2013

Monte dei Paschi, una privatizzazione disastrosa.

012di Vladimiro Giacché da Liberazione.it

Come spesso accade in Italia, dallo scandalo che ha investito il Monte dei Paschi di Siena si stanno traendo le conclusioni sbagliate. Ed è un vero peccato, perché si tratta di una vicenda emblematica, che ci racconta un pezzo importante della storia di questo paese negli ultimi 20 anni. Proviamo quindi a mettere un po’ in fila i fatti.

Continua a leggere »

gennaio 29, 2013

Proposta indecente.

lenin-giannino

Oscar Giannino nei panni di Lenin, tratto dalla pagina Facebook “Comunisti per Giannino”

Convertire in azioni le obbligazioni del Monte Paschi acquistate dallo Stato, che acquisirebbe così il controllo della banca; risanarla in 2-4 anni; venderla sul mercato, addirittura guadagnandoci.

No, non è la proposta di qualche impenitente statalista. E’ invece il contenuto di un articolo di Oscar Giannino e Michele Boldrin pubblicato sul sito della lista “Fare per Fermare il Declino”.

Continua a leggere »

gennaio 26, 2013

Sempre più difficile votarlo.

montepaschi-derivato-tossico-polis

La vignetta oggi su il manifesto.

gennaio 25, 2013

A sua insaputa.

 

gennaio 25, 2013

Tremonti e il circolo degli Illuminati di Davos

 

Giulio Tremonti su Monte Dei Paschi di Siena a SkyTg24: “Monti ha chiesto la fiducia su Monte Dei Paschi di Siena, adesso lasci il Circolo degli Illuminati di Davos e venga a illuminare il Parlamento”.
E intanto, nel “Circolo degli Illuminati di Davos”, Mario Draghi annuncia che, dopo averla svuotata, si prenderà la nostra sovranità: “Draghi a Davos: rivolete la sovranità? Datecela!“.

gennaio 25, 2013

Monte dei Paschi è solo la punta di un iceberg.

12524-monte-dei-paschi-di-siena
Intervista ad Emiliano Brancaccio: l’interpretazione liberista della crisi del Montepaschi è fuorviante e manichea. il problema non è l’ingerenza della politica, ma l’adesione alla logica speculativa del mercato. Anziché tamponare con prestiti, lo stato dovrebbe avviare un percorso verso la nazionalizzazione.

Intervista di Checchino Antonini da Liberazione.it

giugno 27, 2012

Monti salva il Monte.

Un piano lacrime e sangue, quello del Monte dei Paschi di Siena, la banca in attività più antica del mondo. L’istituto di credito senese si ridurrà di qui al 2015 di 4.600 unità, per effetto delle cessioni di asset, della razionalizzazione del gruppo, dell’esternalizzazione delle attività e dei processi di esodo per coloro che hanno maturato il diritto alla pensione. È tutto nero su bianco, nel nuovo piano industriale 2012-15. Prevista la riduzione dell’organico di 100 dirigenti, pari al 20 per cento del totale, e un taglio del 5 per cento della retribuzione per 12 mesi.

Mps taglierà ma al tempo stesso incasserà 3,4 miliardi di euro in liquidità attraverso i cosiddetti “Tremonti Bond”, ovvero obbligazioni bancarie speciali emesse dagli istituti di credito quotati che siano in sane condizioni finanziarie.
Il Consiglio d’amministrazione ha poi convocato l’assemblea straordinaria per la delega per un aumento di capitale fino a 1 miliardo entro 5 anni.