Posts tagged ‘ministro severino’

luglio 6, 2012

Tribunali si cambia.

«Una svolta epocale». Il ministro alla Giustizia, Paola Severino, descrive così la revisione delle circoscrizioni giudiziarie approvata in Consiglio dei Ministri. «Cambia la geografia giudiziaria del Paese, ferma all’ epoca dell’unità d’Italia, quando si girava con le carrozze e non con i treni ad alta velocità».

SPRECHI IMBARAZZANTI – «Noi tutti, cittadini, magistrati e avvocati, – ha spiegato il ministro – siamo chiamati a contribuire a una giustizia più efficiente. È impensabile e anacronistico mantenere una geografia giudiziaria che risale ai tempi dell’Unità d’Italia: la parcellizzazione e lo spreco delle risorse giudiziarie ha raggiunto livelli talvolta imbarazzanti. Giusto per fare qualche esempio- prosegue-, esistono sezioni distaccate in cui ben cinque unità di personale amministrativo sono impegnate nel corso di un intero anno ad occuparsi di poco più di un centinaio di procedimenti utilizzando strutture che costano ai cittadini per le sole spese vive (utenze per luce, acqua, telefono e ordinaria manutenzione) circa 50.000,00 euro l’anno».

CHE COSA VIENE RIDOTTO – Detto e fatto: proprio le sedi distaccate, da ora, non esisteranno più. Sono 220, vengono tutte cancellate. Le altre cifre principali: accorpamento per 37 tribunali e 38 procure. Vengono abolite 674 sedi di giudice di pace. La mappa degli organici invece non cambia: non è prevista una riduzione di personale.

febbraio 23, 2012

Abolire l’art. 18.

Forse le appartiene “a sua insaputa”, o forse le sembrava già di apparire fin troppo ricca con quella dichiarazione da sette milioni e mezzo di euro guadagnati nel 2010… Sta di fatto che nella “scheda trasparenza” pretesa dal governo il ministro della Giustizia Paola Severino ha clamorosamente “dimenticato” la villa dove abita. E non è una dimenticanza da poco: si tratta di una magnifica villa nella zona dell’Appia Antica dal valore di mercato di almeno dieci milioni di euro.
La villa risulta appartenere alla Sedibel, una società semplice le cui quote però appartengono per il 90% alla Severino e per il 10% alla figlia. Addirittura nella scheda sul sito del ministero la Severino risulta avere la residenza da un’altra parte. Ma perchè!?
Quando è diventata ministro c’è stato un cambio al vertice della Sedibel con la presidenza passata alla figlia (così come ha passato le quote di un’altra società al marito), Ma la proprietà della società e di conseguenza della villa resta rigorosamente sua… Insomma non proprio una bella figura