Posts tagged ‘ministro fornero’

aprile 5, 2013

Non è l’inizio e non sarà la fine.

mi vergogno di essere cittadino italiano….mi sento complice degli assassini…
Mi vergogno di far parte di questo paese. Una nazione che tratta così i suoi figli non può avere futuro.
COME CITTADINO ITALIANO MI VERGOGNO DI QUESTI SUICIDI…SIAMO SOLI…NON ESISTONO PIU’ LE ISTITUZIONI CHE CI POSSONO AIUTARE…SIAMO VERAMENTE SOLI!!!!!
con tanta tristezza Beppe Sarno

novembre 24, 2012

E’ andata bene, per fortuna!

 

manifestazione per la scuola.

novembre 6, 2012

Lettera di una mamma #choosy.

“Non so a chi arriverà questa email… sono una mamma di 3 figlie femmine e vivo in Sicilia… una laureata in ingegneria informatica che ha trovato lavoro in Svezia… ma con enormi enormi sacrifici difficoltà. di lingua di abitudini di alimentazione .. soffre per il clima non essendo abituata alle temperature fredde.. in questo momento che scrivo ha la febbre con placche alla gola ed è sola come un cane! io qui impiegata con un comune stipendio che non posso permettermi di prendere un aereo per starle vicino. La seconda figlia laureata in ingegneria civile con 100  e lode  e dottorato di ricerca completato senza senza lavoro qui non c’è nella neanche come cameriera o pulisci scale… se vuole fare esperienza in uno studio deve essere lei a pagarli… non ho soldi e non posso neanche aiutarla in questo… terza figlia iscritta in ingegneria meccanica… tasse esorbitanti… università con una riforma che non si capisce nulla..orari a comodità di docenti… si porta il pranzo da casa non posso permettermi neanche di pagarle la la menza… dite per favore a quella…. Fornero che maledico lei e tutti quelli che hanno portato il paese alla rovina! Grazie…”

ottobre 24, 2012

giovani schizzinosi.

Choosy, Fornero.

P.s. l’uomo a terra e l’interlocutore/interlocutrice vari/e sta diventando un format interessante.
Tocca dare un nome al tipo.

giugno 28, 2012

Finocchiaro è una grande zoccola!

ANNA FINOCCHIARO ORA VAI IN PENSIONE!
giugno 28, 2012

Riformare il nulla.

Bella frase per un ministro del lavoro.
Passa la riforma.
Un passo in più verso la schiavitù
ed uno in meno verso la civiltà.
giugno 27, 2012

Aveva una fionda. Ma che scherziamo?

Roma stati generali del sociale. carica della polizia in via del Corso. Claudio Tosi del Roma Social pride, ieri portato in questura e accusato di “volantinaggio diffamatorio”, oggi, nonostante fosse accreditato non ha potuto assistere alla conferenza ed è stato poi portato nel commissariato Esquilino. Secondo quanto la polizia ha riferito ad alcuni membri del Social pride, sarebbe stato trovato in possesso di una fionda. De Angelis: “E’ assurdo”

giugno 20, 2012

peggio della Gelmini.

Slasch16 per Informare per Resistere.
Economia,politica,attualità.
Pensavamo di avere toccato il fondo della demenza con l’ex ministro dell’istruzione laureata in Calabria, con la parlata bresciana, quella che aveva detto: nessuna dietromarcia, ed invece scopriamo che una con un curriculum impressionante è più incapace di lei, poi ci chiediamo come mai l’Italia va male e l’Europa pure, Elsa Fornero è ancora più bolsa della Gelmini.
E pensare che ha un storia, un curriculum impressionante. Figuratevi gli altri.

Professore ordinario di Economia politica presso la Facoltà di Economia dell’Università di Torino, insegna Macroeconomia ed Economia del risparmio, della previdenza e dei fondi pensione (in inglese). Le sue ricerche scientifiche riguardano i sistemi previdenziali, pubblici e privati, le riforme previdenziali, l’invecchiamento della popolazione, le scelte di pensionamento, il risparmio delle famiglie e le assicurazioni sulla vita.

È Coordinatore Scientifico del CeRP (Centre for Research on Pensions and Welfare Policies, Collegio Carlo Alberto).

È Honorary Fellow del Collegio Carlo Alberto, Membro del Collegio Docenti del Dottorato in Scienze Economiche dell’Università di Torino e del dottorato in Social Protection Policy presso la Maastricht Graduate School of Governance (Università di Maastricht), di cui è anche docente, membro del Nucleo di Valutazione della Spesa Previdenziale, costituito presso il Ministero del Welfare, membro del Comitato Scientifico dell’Observatoire de l’Epargne Européenne (Parigi), membro del comitato editoriale della Rivista Italiana degli Economisti, editorialista del quotidiano economico e finanziario il Sole 24 ore.

Dal 1993 al 1998 è stata consigliere comunale al Comune di Torino, eletta con la lista “Alleanza per Torino” a sostegno del sindaco di centro-sinistra Valentino Castellani.

È stata Vice Presidente del Consiglio di Sorveglianza di Intesa Sanpaolo (2010-2011)[2][3][4], Vice Presidente della Compagnia di San Paolo (2008-2010)[5], membro del Consiglio direttivo della Società Italiana degli Economisti (2005-2007), membro del Comitato Scientifico di Confindustria (2005-2006), membro della commissione di esperti valutatori presso la World Bank (2003-2004), con l’incarico di valutare il ruolo di assistenza svolto dalla Banca nell’attuazione delle riforme previdenziali di paesi con economie di transizione, membro della commissione di esperti della Task Force su “Portability of Pension Rights and Taxation of Pension Schemes in the EU” costituita presso il CEPS (Center for European Policy Studies), Bruxelles (2001-2003), membro della Commissione Ministeriale di esperti indipendenti per la verifica previdenziale (2001), componente del Comitato Scientifico del Mefop (2000-2003).

Nel 2001 ha ricevuto (ex aequo con Ignazio Musu) il Premio Saint Vincent per l’Economia.

Nel 2003 ha ricevuto (ex aequo con Olivia Mitchell) il Premio INA-Accademia dei Lincei per gli studi in materia assicurativa.

È moglie dell’economista Mario Deaglio con cui ha una figlia di nome Silvia, Professore Associato presso la Facoltà di Medicina di Torino, e un figlio di nome Andrea, regista.
Ministro del Lavoro e delle politiche sociali
Ieri è uscita su tutti i giornali che gli esodati sono 390 mila e non 65 mila, come aveva scritto l’Unità il 16 aprile e come va dicendo la Camusso da mesi subendo gli attacchi di chi, giovane o vecchio che sia, accusa la Cgil di essere una casta in questo gioco al massacro che non risparmia più nessuno.
Tratto da: Molti di noi erano convinti che un ministro più incapace della Gelmini non esistesse, non avevamo ancora scoperto la Fornero. | Informare per Resistere http://www.informarexresistere.fr/2012/06/12/molti-di-noi-erano-convinti-che-un-ministro-piu-incapace-della-gelmini-non-esistesse-non-avevamo-ancora-scoperto-la-fornero/#ixzz1yKqhTVtg
– Nel tempo dell’inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario!

giugno 4, 2012

Licenziamoli tutti.

Licenziamoli tutti.

Ci risiamo. L’inflessibile Elsa proprio non riesce a tenere basso il livello dello scontro e continua a gettare benzina sul fuoco. Questa volta però non si tratta di provvedimenti, proposte o di ipotesi di lavoro. No, questa volta si tratta di un “auspicio”. L’auspicio di uguaglianza fra pubblico e privato. Sul tema della qualità dei servizi? Nel campo delle tutele ai lavoratori? Nell’ambito del superamento delle disparità fra uomo e donna? No, non scherziamo. Uguali ma nella possibilità di licenziare. Licenziare, mandare a casa i dipendenti pubblici, un auspicio soltanto, per carità. Ma si badi bene, non solo i fannulloni. Per loro esiste già una normativa (e per favore risparmiateci ogni considerazione qualunquista e giustizialista…), che è giusto far rispettare in maniera rigorosa. Quello che invece “auspica” Fornero è un’equiparazione sostanziale con il settore privato, per i licenziamenti economici magari. E pazienza se la stessa Fornero sa che si tratta di “mondi” diversi e del tutto non paragonabili. E pazienza se la stessa Fornero non spiega in che modo intenda farlo. Lei è anche ministro delle Pari Opportunità e può auspicare quando e come vuole. In fondo, che sarà mai qualche disoccupato in più?

continua su: http://www.fanpage.it/licenziamoli-tutti/#ixzz1wql75uH4
http://www.fanpage.it

giugno 1, 2012

FORNERO FRA GLI ABBRACCI, SENATO APPROVA RIFORMA LAVORO.

Se credete che finisca qui, vi sbagliate!