Posts tagged ‘ministero dell’economia’

novembre 19, 2013

Piano “Svendita Italia” è pronto, entro la settimana la presentazione



«Questa settimana ci sarà un evento importante, presenteremo il piano di privatizzazioni che viene discusso oggi al ministero dell’Economia». Lo ha detto il presidente del Consiglio Enrico Letta al summit sull’Italia organizzato dal Financial Times. Quello che in molti temono, cioè la svendita dei gioielli di famiglia, tra cui Visualizza altro
giugno 7, 2013

Le mani legate sull’economia


Il Fiscal Compact e i numeri del ministero dell’Economia ci condannano a non poter spendere nulla per attuare politiche anticicliche. Se non si mettono in discussione le fondamenta della politica economica europea, non ci sarà nessuna via d’uscita dalla Depressione

Dopo la fine della procedura di deficit eccessivo per l’Italia, sono in molti a dare segni di ottimisVisualizza altro

ottobre 28, 2010

Ministeri al lavoro per la proroga del 55%.

Il sottosegretario allo Sviluppo economico, Stefano Saglia, durante un convegno dell’Adiconsum conferma che il Ministero dell’Economia e quello dello Sviluppo Economico stanno lavorando dietro le quinte per prorogare la detrazione fiscale del 55%:

Stiamo lavorando con il ministero dell’Economia per dare un futuro a una misura che rappresenta un driver importante per lo sviluppo e la crescita – ha detto il sottosegretario – speriamo di riuscire a prorogare questa misura nonostante le difficoltà di bilancio, magari con regole più selettive”.

ottobre 17, 2010

Come perdere una regione e vivere felici: il caso Campania.

COSTITUZIONE violata, casse svuotate, debiti raddoppiati. È spietato il documento firmato dal Ragioniere generale dello Stato, Mario Canzio, sulla gestione di Antonio Bassolino in Regione. Sette pagine spedite in via Santa Lucia dal ministero dell’Economia guidato da Giulio Tremonti al quale si era rivolto il presidente in carica Stefano Caldoro che, un attimo dopo l’insediamento, si era accorto di aver trovato la Cassa semivuota. Ma gli ispettori sono andati oltre denunciando anche la violazione della Costituzione da parte della precedente giunta. In particolare il comma 6 dell’articolo 119 che vieta di utilizzare risorse provenienti dall’indebitamento per finanziare spese non di investimento. Mutui e bond, in sostanza, sono stati utilizzati per la spesa corrente e non per investimenti ben individuati.

La relazione parte dalla Cassa che si è svuotata: un miliardo disponibile alla fine del 2008, appena 240 milioni di euro il 31 dicembre 2009. Una “progressiva caduta delle disponibilità liquide” che, secondo gli ispettori del ministero del Tesoro, rappresenta il problema più preoccupante nel breve periodo con “il concreto rischio di una impossibilità a far fronte agli impegni nei confronti di fornitori e finanziatori”.
Ampio spazio, ovviamente, al disastro sanità dove la Regione ha causato, tra il 2006 e il 2009, perdite complessive per tre miliardi e 470 milioni. La giunta Caldoro nel frattempo ha approvato un piano di rientro e il 21 ottobre è prevista la prima verifica ministeriale.