Posts tagged ‘michele santoro’

maggio 18, 2012

Quello che i politici non hanno fatto (M.Travaglio a Servizio Pubblico 17 maggio 2012)

Annunci
aprile 27, 2012

Le vignette di Vauro – puntata 21 – Servizio Pubblico

novembre 4, 2011

“Servizio Pubblico”. La libertà sul web fa boom di ascolti

La rivoluzione è un “Servizio pubblico”. Al via la trasmissione di Santoro

Interventi “anticasta” nella prima puntata del programma multipiattaforma del conduttore di Annozero. De Magistris: “Non c’è un’antipolitica, c’è un’anticricca e antimafia”. Lavitola: “Berlusconi disinteressato al potere”

E’ rivoluzione la parola ricorrente della prima puntata di “Servizio Pubblico”, il programma multipiattaforma di Michele Santoro, al debutto con il tema “Azzerare la casta”. La “rivoluzione civile” evocata dal giornalista all’inizio della trasmissione, la “rivoluzione pacifica” auspicata dal sindaco di Napoli Luigi De Magistris, ospite in studio. In collegamento esterno, il latitante del caso escort Valter Lavitola. Mentre Marco Travaglio, in un lungo monologo, si è messo nei panni di un senatore assai gratificato dai privilegi concessi appunto alla casta. 

”Caro Biagi, caro Montanelli, so che siete molto in apprensione”, ha esordito Santoro. “So che siamo molto diversi, ma so che ci seguite. Non se ne può più di resistere, resistere, resistere. Bisogna fare la rivoluzione. Questa è la nostra piccola rivoluzione”.

maggio 20, 2011

Sky cancella Current Italia, Al Gore a Roma per il via a una campagna contro la chiusura.

L’ex vicepresidente americano sostiene che la decisione è stata presa a New York in risposta all’assunzione di un conduttore particolarmente inviso a Murdoch. Ma dal quartier generale milanese precisano: “Non abbiamo rinnovato il contratto perché volevano il doppio dei soldi a fronte di un calo degli ascolti”

Sky ha dato il benservito a Current Italia, il dorso italiano dell’emittente televisiva fondata in America sei anni fa dall’ex vicepresidente Usa Al Gore assieme a Joel Hyat. A luglio verranno infatti interrrotte le trasmissioni del canale che nel nostro paese dal 2008 fanno parte dell’offerta della piattaforma Sky.
“Un abuso di potere”, ha detto lo stesso Al Gore in un’intervista al Guardian. Alla base della decisione della News Corporation, la società di Rupert Murdoch proprietaria di Sky Italia, c’è la decisione di Current Usa di assumere Keith Olbermann, un conduttore liberal spesso protagonista di accese invettive contro il tycoon australiano e il suo impero mediatico.
“La News Corporation è una multinazionale con un programma politico molto preciso – attacca il premio Nobel americano – E quando ci sono voci che contrastano con la linea di Murdoch, lui semplicemente le spegne”.

marzo 1, 2011

Rai, il Pdl vuole imporre l’alternanza tra conduttori.

michele santoro annozero 640

Il Pdl se ne inventa un’altra. Non soddisfatto di remare contro a programmi che fanno milioni di ascoltatori, ora vuole imporre l’alternanza di settimana in settimana tra conduttori di talk show, con diversa formazione culturale, che vanno in onda nelle fasce migliori del palinsesto. Il relatore di maggioranza Alessio Butti, nell’illustrare in Vigilanza la bozza del nuovo testo di atto di indirizzo sul pluralismo presentato dal Pdl, ha spiegato che l’occupare sempre le serate di martedì e il giovedì «è diventata una rendita a vantaggio di alcuni conduttori».

«Tenuto conto dell’attuale distribuzione, durante la settimana, delle diverse tipologie di trasmissioni – si legge nel testo depositato da Butti -, che concentrano nella prima serata del martedì e del giovedì i programmi più importanti di approfondimento politico, onde evitare il determinarsi di una evidente posizione dominante da parte di alcuni operatori dell’informazione rispetto ad altri, la Rai valuti l’opportunità di sperimentare l’apertura di altri spazi informativi e/o di approfondimento affidati ad altri conduttori, da posizionare negli stessi giorni (martedì e giovedì), alla stessa ora (prima serata), sulle stesse reti e con le stesse risorse esistenti secondo una equilibrata alternanza settimanale».

gennaio 28, 2011

La telefonata di Masi ad Annozero!

gennaio 14, 2011

Prima di Annozero 13 01 2011 Tutti uguali?



settembre 24, 2010

nnozero editoriale del 23 settembre 2010

marzo 24, 2010

Elenco tv che trasmettono l’evento RAIPERUNANOTTE

Oltre a SKY24, RAINEW24, CURRENT TV e REPUBBLICA TV
qui di seguito trovate alcune emittenti che trasmettono l’evento.
In puglia ANTENNASUD, in campania NAPOLITV, in Piemonte e VAlle d’Aosta TELESTUDIO, il Liguria e Toscana RTV38, in Lombardia TELELOMBARDIA e ANTENNA3, Nel Lazio TRVOXON, in Emilia E’ TV RETE7,
Nel Molise e Abruzzo e Marche TVCENTRO MARCHE

20
0
Rate This

 

Quantcast

redazione is discussing. Toggle Comments

marzo 16, 2010

Solo domestici.

L’uomo più ricco d’Italia (23 milioni di euro il reddito del 2008, +8 milioni rispetto al 2007: ha ragione a dire che la crisi non esiste. Per lui non esiste) nei ritagli di tempo si occupa compulsivamente delle due o tre trasmissioni di informazione superstiti, in particolare si accanisce con un programma di intrattenimento e di satira, quello di Serena Dandini. Una persona normale non se lo spiega. Cosa gliene importa, a uno che fa esattamente tutto quel che gli conviene e che gli pare, che cambia le leggi e le regole del gioco in corso d’opera, che vive da nababbo, che usa il paese come il suo scendiletto, che stipendia migliaia di persone alle quali comanda il da farsi, si tratti di parlamentari, giornalisti, soci minori in affari o di avvocati anche inglesi, cosa gliene importa insomma a uno come il Caimano se di notte, per una mezz’oretta, Serena Dandini diverte quella quota di italiani che si divertono con lei e poi per fare due parole sul serio intervista anziché Emanuele Filiberto Eugenio Scalfari, per dire? Intendo: capisco che a Berlusconi dispiaccia sentire Scalfari ma potrebbe in questo caso, come chiunque di voi a cui dispiacesse, cambiare canale o spegnere la tv. Fare altro la notte: le risorse non gli mancano le idee sul da farsi, come sappiamo, neppure. L’accanimento su «Parla con me» non è un dettaglio: molto più dell’avversione ad Annozero dà la misura dell’ossessione, del delirio di onnipotenza, della confusione fra gestione del bene pubblico e del proprio capriccio. Berlusconi fa così, se il programma notturno non gli piace: chiama uno di quelli che ha messo in un posto di potere con uno stipendio conseguente e lo insulta, lo minaccia, gli comanda di cancellare all’istante quella macchiolina dalla tovaglia candida di peana servili che gli viene apparecchiata ogni giorno. Come la Regina isterica di Alice: come se tutte le strade, in questo Paese, fossero sue. Diceva ieri Serena Dandini che quando decide la scaletta del programma deve fare uno sforzo di concentrazione per pensare «cosa avrei fatto dieci anni fa» e poi fare lo stesso. Come se non fosse successo niente: è una forma di resistenza all’omeopatico gorgo, un esercizio. Stasera, per esempio, manda in onda di nuovo l’intervista a Scalfari: quella. Così, in replica. Sono «trasmissioni di basso livello», dice Bossi. Decidete voi, no?, il basso livello di chi sia. Vedete, decidete. (fonte:L’unità) Ha detto bene Bersani perchè invece di usare il telefono non usa il telecomando quando c’è una trasmissione che non gli graba?