Posts tagged ‘Merkerl’

ottobre 31, 2013

Stati Uniti contro Germania: «Con le sue politiche indebolisce l’Eurozona». Berlino: «Critiche incomprensibili»

La Germania dipende troppo dall’export e troppo poco dalla domanda interna: il risultato è che esporta deflazione non solo in Europa ma in tutto il mondo. Capita spesso di leggere queste considerazioni nei rapporti delle banche d’affari, ma questa volta l’atto d’accusa è contenuto nero su bianco nel rapporto semestrale del Tesoro americano sulle valute e le politiche economiche dei Paesi concorrenti degli Usa. Una critica definita «incomprensibile» da Berlino. di Gabriele Meoni «L’anemico tasso di crescita della domanda interna in Germania e la dipendenza dall’export – recita il documento diffuso ieri in tarda serata a Washington – hanno ostacolato il ribilanciamento in una fase in cui molte economie dell’area euro sono sotto forte pressione per tagliare la domanda e comprimere l’import. Il risultato è un effetto deflazionistico nell’area euro e nell’economia mondiale». di Gabriele Meoni – Berlino insomma dopo aver imposto ai Paesi del Sud Europa una dura medicina di austerità ora dovrebbe aiutarli a uscire dalla recessione. L’atto d’accusa americano alla Germania aggiunge nuovi motivi di tensione ai rapporti tra i due Paesi già sotto stress per la vicenda dello spionaggio dell’Nsa alla cancelliera Merkel. La risposta di Berlino non si è fatta attendere: «Il surplus commerciale – afferma in una nota il ministero dell’Economia – è il risultato della forte competitività dell’economia tedesca» e le critiche americane sono quindi «incomprensibili». «Incidentalmente – prosegue il comunicato – ricordiamo che per l’Fmi l’avanzo commerciale tedesco non deriva da distorsioni nella politica economica del Governo». In difesa della Germania è intervenuta anche la Commissione europea, che attraverso il suo portavoce l’ha definita «una locomotiva per la zona euro e per la Ue». Il problema è che il treno di Gabriele Meoni – Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/Hk0o9

febbraio 23, 2013

Greece is facing a humanitarian crisis.

 

Gli indici UE sulla povertà mostrano che la Grecia è in crisi. Ma gli stati membri non ammetteranno mai che  i loro ‘salvataggi’ sono da biasimare per questo.

In genere le società europee sono abituate a pensare che le crisi umanitarie avvengano solo in seguito a calamità naturali, epidemie, guerre o conflitti civili. Che una crisi simile possa accadere in un paese europeo, e in particolare in un paese membro dell’Unione europea, per molti di noi sembra un fatto fuori questione.

 

 

CRISI UMANITARIA GRECIA – E tuttavia diversi esperti continuano a sostenere che la Grecia si trova attualmente nel bel mezzo di una crisi umanitaria. Il capo di Médecins du Monde, Nikitas Kanakis, la ONG greca più grande e più importante, è stato il primo a dichiararlo apertamente. In particolare la zona del porto di Perama, vicino ad Atene, è nel bel mezzo di un disastro umanitario. La Società Medica di Atene, la più grande organizzazione professionale di questo tipo, ha anche mandato una lettera formale alle Nazioni Unite con una richiesta di intervento.    http://www.guardian.co.uk/commentisfree/2013/feb/11/greece-humanitarian-crisis-eu

agosto 22, 2012

Tempi duri per i troppo buoni.