Posts tagged ‘mela’

ottobre 23, 2011

Tutti gli alimenti elimina liquidi.

Tra le prime mosse giuste c’è eliminare alcol e tabacco, mangiare alimenti naturali ricchi di antiossidanti e poveri di zuccheri e grassi, bere tanta acqua e fare quotidiano esercizio fisico. Ma è fondamentale seguire una dieta depurativa e disintossicante, e tra gli alimenti che portano beneficio in tal senso troviamo:

Mela: grazie alle capacità assorbenti e all’alto contenuto di fibre è tra i frutti più depurativi che favoriscono la buona igiene intestinale. Il succo aiuta a ridurre il colesterolo.

Crescione: pianta dalle eccellenti proprietà antiossidanti grazie all’alta presenza di vitamine, in particolar modo C, E e betacarotene. Aiuta in presenza di problemi renali ed epatici. Il succo accelera il processo di disintossicazione.

Cipolla: riduce la tensione arteriosa; se si consuma cruda controlla il colesterolo ed evita l’accumulo di grasso nel sangue. Per la sua funzione depurativa favorisce il funzionamento del fegato e della cistifellea; ha proprietà diuretiche e purifica il sangue.

Limone: è rimineralizzante e antiossidante; migliora la qualità del sangue purificandolo dalle tossine. Per le proprietà diuretiche favorisce l’eliminazione delle scorie attraverso l’urina e contribuisce positivamente alle funzioni epatiche.

Sedano: possiede virtù cardiocircolatorie e depurative. Elimina l’acido urico e le tossine, protegge i reni e cistifellea dalla formazione dei calcoli; depura, inoltre, le vie urinarie.

Carciofi: svolge un’importante azione diuretica, combatte la ritenzione idrica e favorisce la disintossicazione epatica.

luglio 2, 2011

Una fragola al giorno leva il medico di torno.

Una al dì per mantenere la salute? Roba vecchia. Uno studio condotto da scienziati del Salk Institute for Biological Studies (Usa) suggerisce che una al giorno, anzi più precisamente 37, non tolgono solo un medico di torno, ma un’intera squadra di ‘camici bianchi’, compreso il neurologo, l’endocrinologo e forse anche l’oncologo.

 

L’indagine, pubblicata sulla rivista ‘Plos One’, spiega che la è finalmente in grado di ‘rubare’ il primato alla grazie ai risultati documentati sulla : si tratta di un presente naturalmente nella frutta, e in quantità particolarmente abbondanti nelle fragole, che riduce le complicanze del e rafforza la , oltre ad avere tutta una serie di altri benefici su numerosi organi umani.

giugno 5, 2011

L’estratto di mela Annurca previene i tumori.

L’estratto di mela Annurca aiuterebbe a prevenire la formazione dei polipi nell’intestino e quindi il tumore al colon. La speranza arriva da una ricerca del Policlinico S. Orsola-Malpighi di Bologna in collaborazione con il Centro di Ricerca Biomedica Applicata, del Baylor University Medical Center e della University of Texas MD Anderson. Lo studio è stato coordinato dal dottor Luigi Ricciardiello e pubblicato su “Cancer Prevention Research”.

L’estratto di mela Annurca, infatti, fornirebbe preziosi antiossidanti in grado di combattere i polipi intestinali, spesso avvisaglie dei tumori al colon.

aprile 28, 2010

Una mela al giorno… figuriamoci due!

Dall’Eden, al borsone della palestra e lo zainetto di scuola: la mela si rivela come un frutto al passo coi tempi. Tanto più che, secondo studi scientifici effettuati in Italia e all’estero, fa bene e fa belli. Un consumo regolare di mele, infatti, pulisce i denti, previene l’invecchiamento e tonifica il viso, toglie la fame, e può aiutare a prevenire le malattie vascolari e alcuni tipi di tumore. Per questo – come sottolineato dal presidente dell’Inran (Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione) Carlo Cannella in un recente incontro promosso a Roma da Assomela – “é auspicabile una campagna informativa per il non abbandono della dieta mediterranea, e della frutta e verdura in particolare nei pasti quotidiani, per abbassare il rischio di patologie oncologiche e preservare gusto e biodiversità”.

. Sulla promozione di un consumo moderno delle mele, compie tre anni la campagna informativa realizzata da Assomela, Interfel e Dutch Produce Association e finanziata per 3,7 milioni di euro con il contributo (50%) dell’Unione europea, di tre Paesi (Italia, Francia, e Olanda) e dei produttori.
Una promozione che, ha detto il presidente di Assomela Ennio Magnani, “ha fatto scoprire i tanti piaceri del gusto fatto a spicchi nelle mense di stabilimenti industriali italiani della Benetton, Volkswagen, Fiat e Magneti Marelli.  Nei ‘Mela point’ e nel road show della campagna informativa approvata dal ministero della Salute – che prosegue nelle città di Pisa e Livorno (dal 8 al 10 aprile), Genova (dal 22 al 24 aprile) e a Bologna (dal 6 al 8 maggio) – si sottolinea come 100 grammi di mela equivalgano a 45-55 calorie. La fibra, oltre a dare senso di sazietà, nutre la flora batterica ‘benefica’ nell’intestino (effetto prebiotico), un lassativo che riduce il rischio che compaiano alcune malattie, come la diverticolosi del colon, e alcune patologie degenerative.

Una ricerca dell’Istituto ‘Mario Negri’ di Milano ha inoltre mostrato, come precisato dalla responsabile del laboratorio di ricerca epidemiologica Eva Negri, che “ad un consumo elevato di proantocianidine, la classe principale di polifenoli della mela, é associato un ridotto rischio di tumore del colon-retto. Quindi due mele al giorno tolgono l’oncologo di torno”. La fibra solubile contribuisce poi al controllo del livello di glucosio del colesterolo nel sangue, mentre il succo di mela fresco ha proprietà rassodanti.