Posts tagged ‘marijuana’

gennaio 31, 2015

Coltivare marijuana a scopo terapeutico: si può!

Andrea Succi – Anche in Italia si potrà coltivare cannabis a scopo terapeutico: ecco il testo legge e gli incentivi.

Secondo quanto ha rivelato l’Ansa, il ministro della Difesa Pinotti e quello della Salute Lorenzin hanno siglato un accordo per cui anche in Italia sarà possibile coltivare e distribuire can Altro…

gennaio 3, 2015

Marijuana, Colorado un anno dopo: meno reati e incidenti, più soldi per l’erario.

Marijuana, Colorado un anno dopo: meno reati e incidenti, più soldi per l’erario

A 12 mesi dalla legalizzazione nello stato americano anche il governatore Hickenlooper riconosce il buon esito del percorso. Per la polizia i principali pericoli sulle strade sono causati dall’alcol, mentre le denunce sono in calo. Intanto nel 2014 oltre 60 milioni di dollari sono finiti nelle casse pubbliche, superando il tetto previsto: scatterà un rimborso ai cittadini

ottobre 11, 2013

Niente carcere per chi coltiva marijuana per uso personale. Ecco cosa (forse) cambia

Niente carcere per chi coltiva marijuana per uso personale. Ecco cosa (forse) cambia

10 Ottobre 2013

La commissione Giustizia del Senato ha approvato oggi un emendamento alla normativa sulle droghe, che punta a escludere la coltivazione di marijuana tra le condotte riconducibili allo spaccio di sostanze stupefacenti. Se la modifica entrerà in vigore, chi coltiva per uso personale non andrà più i…Visualizza altro

— con Luky E Mary Lione

marzo 22, 2013

Coltivare l’ashis per uso personale si può, sentenza storica a Ferrara.

Assolti due giovani arrestati perché avevano quattro piantine e otto grammi di cannabis. La Fini-Giovanardi è illegale [Checchino Antonini]

Non è reato coltivare marijuana a uso personale. Storica sentenza quella emessa ieri dal giudice Franco Attinà del tribunale di Ferrara. In aula c’erano due giovani arrestati dai carabinieri due settimane fa i carabinieri gli avevano trovato in casa quattro piante e otto grammi di marijuana.

Nel rito abbreviato, il loro difensore, Carlo Alberto Zaina di Ravenna, ha sollevato una questione di legittimità sull’art. 73 della Fini Giovanardi visto che gli stessi carabinieri avevano escluso che la detenzione fosse finalizzata alla vendita. La marijuana era destinata esclusivamente all’uso personale. Il sospetto di anticostituzionalità sta nell’equivalenza posta dai due dèmoni del proibizionismo nostrano tra cannabis, oppiacei e cocaina a dispetto delle direttive del Consiglio d’Europa che impediscono l’equiparazione tra droghe pesanti e droghe leggere. Identica questione di legittimità costituzionale è già stata sollevata dalla Corte d’Appello di Roma e sarà presto al vaglio della Corte Costituzionale.

novembre 9, 2012

Elezioni USA 2012: i referendum “verdi” non passano.

Chiuse le consultazioni Usa, che hanno concesso a Barack Obama quei “four more years” per chiudere e concretizzare le promesse del 2008, in numerosi stati si conteggiano anche le ultime schede sui vari referendum proposti agli elettori dei singoli stati.

Marijuana, matrimonio omosessuale, preservativo obbligatorio nei film hard non sono gli unici quesiti referendari inglobati nell’election day americano: gli elettori della California ad esempio hanno respinto, con il 57,3% dei voti, la Proposition 37 per l’etichettatura specifica di tutti gli alimenti contenenti Ogm, nonostante le associazioni ambientaliste e anti-Ogm si ritenessero pressocchè sicure della riuscita del referendum.

Continua a leggere: Elezioni USA 2012: i referendum “verdi” non passano

 

agosto 29, 2012

Cannabis: assunta in età adolescenziale abbassa quoziente intellettivo e capacità apprendimento.

cannabis

 La dipendenza da marijuana o il suo uso continuato prima dei 18 anni provoca danni durevoli a carico di intelligenza, attenzione e memoria. A dirlo, una ricerca della…

Leggi tutto »

luglio 1, 2011

Lecito coltivare marijuana in casa “Un reato che non procura danni”

Una buona notizia per chi ama l’erba infatti coltivare una piantina di marijuana in casa può essere lecito, trattandosi di “un reato che non procura danni alla salute pubblica”. Lo ha stabilito la Cassazione. Secondo la suprema corte la coltivazione di una sola pianta di canapa indiana “non è idonea a porre in pericolo il bene della salute pubblica o della sicurezza pubblica”. Di conseguenza è stato bocciato il ricorso della Procura di Catanzaro che chiedeva la condanna di un giovane per avere coltivato sul balcone di casa una piantina di cannabis.

Secondo la Corte, la “modestia dell’attività posta in essere emerge da circostanze oggettive di fatto”, in questo caso la coltivazione di una piantina in un piccolo vaso sul terrazzo di casa con un principio attivo di mg 16, è un comportamento da ritenere “del tutto inoffensivo e non punibile anche in presenza di specifiche norme di segno contrario”.

giugno 24, 2011

Shakespeare fumava marijuana?

Una pipa rinvenuta nel giardino di casa di William Shakespeare riporterebbe tracce di cannabis: tanto è bastato ad alcuni studiosi per sollevare il dubbio. “Il popolare drammaturgo elisabettiano era un regolare consumatore di cannabis”, dicono ora gli studiosi, arrivati al termine di una ricerca durata 10 anni.

MARIJUANA – Secondo gli scienziati del Sudafrica che portano avanti questa ricerca, il ritrovamento sarebbe suffragato da tracce di una tendenza, all’interno dei testi shakespeariani, di appunto voli pindarici che suggerirebbero l’uso di oppiacei e allucinogeni da parte del noto drammaturgo.

ottobre 23, 2010

Posti esauriti.

In Messico bruciate 134 tonnellate di marijuana. I posti sottovento sono andati a ruba.

ottobre 8, 2010

La cannabis calma i dolori e migliora il sonno.

Secondo uno studio scientifico canadese, fare uso di cannabis riduce il dolore e migliora anche il tono dell’umore e del sonno in pazienti sofferenti per lesioni al sistema nervoso, ad esempio dopo un incidente o dopo un’operazione chirurgica.

La ricerca è stata condotta da scienziati della McGill University Health Centre (MUHC) e della McGill University su 23 pazienti di 45,4 anni di età media sofferenti di diverse forme di dolore neuropatico cronico, i quali hanno ricevuto 25 mg. contenenti diverse concentrazioni (2,5%, 6% e 9,4%) del principio attivo traidrocannabinolo (THC) o un placebo.

I partecipanti hanno inalato la marijuana da una pipa tre volte al giorno in cicli di cinque giorni intervallati da periodi in cui veniva somministrato un diverso dosaggio in modo che tutti i pazienti ricevessero, a rotazione, tutte le dosi di cannabis che venivano testate, ivi compreso il placebo.

La quantità più elevata di cannabis (9,4% di THC) è quella che ha determinato una riduzione del dolore più intensa, migliorando anche la qualità del sonno, i sintomi depressivi e i livelli di ansia.

Attraverso la valutazione di una scala a 11 punti, la media del dolore è risultata pari a 6,1 per i pazienti trattati con la cannabis alle dosi più elevate, verso un punteggio di 5,4 ottenuto con il placebo (differenza di 0,7 IC95% 0,02-1,4).