Posts tagged ‘Margaret Thatcher’

maggio 2, 2020

GRANDI SPERANZE DELUSE…

di Fabio Cannizzaro

Per coloro a cui fosse sfuggito 23 anni fa, oggi, il 2 maggio del 1997 il leader del Labour Party, Tony Blair diventava Primo ministro del Regno Unito.

La sua nomina interrompeva il lungo periodo di governo conservatore inaugurato nel 1979 da Margaret Thatcher.

La speranza di molti in quelle ore era che quel quarantenne laburista cambiasse le cose dopo quel lungo periodo di conservatorismo politico e liberismo economico.

Era un’attesa che andrà complessivamente delusa.

L’azione di governo di Blair si ispirerà alla sua idea di laburismo, che del resto già dal 1994 sviluppava nel partito. Il suo slogan era quello del “New Labour”, inteso come una “Terza via” che nell’accezione di Blair andava letta come superamento della tradizionale vicinanza ai lavoratori e alle loro organizzazioni nonché come allontanamento dalla tradizionale concezione del socialismo.

La stagione di governo blairiana durerà due lustri e sarà caratterizzata anche da qualche scelta apprezzabile come penso, ad esempio, alla devoluzione dei poteri al Parlamento scozzese e alle Assemblee di Galles ed Irlanda del Nord.

Il suo laburismo e la sua azione di governo, tuttavia, è restato sempre nelle linee teoriche come nelle scelte un laburismo al traino del neoliberismo imperante dando l’impressione che la sua azione politica non potesse e non volesse emanciparsi dal “Model” thatcheriano.

In politica estera la sua fu una linea di forte appoggio agli USA e in particolare all’Amministrazione Bush.

Durante il suo governo il Regno Unito partecipò in prima linea, prima nel 2001, alla guerra in Afghanistan e poi, nel 2003, a quella in Iraq.

Il Labour in quegli anni ha vissuto una stagione complessa, difficile che ha influenzato anche ampi settori del socialismo continentale europeo senza che mai mancasse rispetto alle scelte di Blair la fiera opposizione della sua sinistra interna.

Sinistra che alla fine prevarrà chiudendo definitivamente, irreversibilmente la stagione blairiana con l’elezione a leader laburista di Jeremy Corbyn.

Ricordare oggi la traiettoria di Tony Blair e delle sue idee serve a non dimenticare che il socialismo ha poco senso, peso e prospettiva quando rinuncia e/o prova a modificare i suoi valori piegandoli ad interessi liberistici e liberali.

Socialismo Sempre!

L’immagine può contenere: 1 persona

aprile 14, 2013

La prossima bolla immobiliare sarà made in UK.

Cameron meets Thatcher

David Cameron, l’erede di Margaret Thatcher, ha un piano molto chiaro per far tornare il Regno Unito a crescere: creare una grande bolla immobiliare.
Continua a leggere »

aprile 12, 2013

La strega non era una gnocca.

Come sapete l’onorevole pdl Michaela Biancofiore ha ufficialmente lanciato la battaglia per “Silvio Berlusconi presidente della Repubblica“: il sito web, imperdibile, tra sondaggi patacca e bio da romanzo cuore. Interessante anche la foto del Cavaliere con Margaret Thatcher, da poco scomparsa, didascalia che è tutta un programma. Nel 2007 lui diceva di lei, “fosse stata una gnocca me ne ricorderei“, ora sono “amici di ferro“, e poi via di lapsus freudiano.
aprile 9, 2013

Margaret.

thatcher-e-diavolo

Leader. La Thatcher, seconda solo al mitico Sceriffo di Nottingham.

aprile 9, 2013

Krugman: “Quali sarebbero i meriti della Thatcher?”

308979-margaret-thatcher-ronald-regan

di Paul Krugman

Ci saranno presumibilmente molti commenti su Margaret Thatcher nel corso dei prossimi giorni, anche se probabilmente non come il “Reagasm” [gioco di parole tra “Reagan” e “orgasm”, ndt] del 2004. E ci saranno, in particolare, molte affermazioni circa il fatto che la Thatcher ha trasformato la moribonda economia britannica. Ma è giusto?

Continua a leggere »

settembre 24, 2012

Il timbro “liberal” non assolve la politica.

di Guido Rossi da “Il Sole 24 Ore” del 23 settembre 2012

La confusione della politica e il conseguente smarrimento dei cittadini, che sovente provoca attrazioni verso il populismo o verso derive sociali, sono in questo periodo al centro della crisi e della inefficienza dei governi incapaci di risolverla. La prossimità di competizioni elettorali riempie i media di dichiarazioni scomposte e spesso contraddittorie, mentre rimangono sullo sfondo i maggiori mali delle democrazie, che non paiono trovare se non rimedi sempre più lontani nel tempo.
Continua a leggere »