Posts tagged ‘manovra finanziaria’

ottobre 15, 2013

Crepi l’avarizia.

Riassunto” della bozza di manovra finanziaria che il Governo Letta ci sta proponendo:

1) Taglio del Cuneo fiscale irpef: in media 50 (28 netti) euro al mese lordi in busta paga.
2) Trise=IMU-20%. Dazio a Berlusconi ed ai fessi che l’hanno votato.
3) Tari=(Tarsu + 60%)+(IMU -80%). Perchè diventa obbligatorio che i Comuni coprano il 100% del servizio col gettito fiscale. A Roma il gettito copre il 40%. A Napoli il 43%.
4) Rendita finanziaria diretta tassata dal 20 al 22% (sai che sforzo!)
5) 4,15 miliardi di tagli lineari alla sanità (dico….alla SANITA’!)

Detta in soldoni ed in termini accessibili a tutti:

– stangata per tutti sulla tassa dell’immondizia, con qualcosa in più sulle spalle degli inquilini.
– Qualche spicciolo in meno alle famiglie proprietarie di prima casa
– Enormi sconti ai grandi proprietari di patrimoni immobiliari.
– 3 (dico tre) lire in busta paga in più ai dipendenti pubblici.

Questa sarebbe la manovra “di sviluppo” del Governo Letta?
Io vedo l’ennesima manovra che carica i lavoratori dipendenti e le fasce più povere.

Mario Francese

settembre 8, 2011

Niente più Province.(forse)

 Il Consiglio dei Ministri ha approvato il disegno di legge costituzionale per la soppressione delle Province e la creazione delle “citta’ metropolitane”. Il provvedimento, in otto articoli, stabilisce che “dall’attuazione della presente legge costituzionale deve derivare in ogni Regione una riduzione dei costi complessivi degli organi politici ed amministrativi”. Le disposizioni previste da questa legge costituzionale si applicheranno anche alle Province delle Regioni a statuto speciale, fatta eccezione per quelle autonome di Trento e Bolzano. Il disegno di legge dovrà seguitre un iter molto lungo e complesso per l’approvazione e la conseguente modifica della Costituzione.Il Consiglio dei ministri ha inoltre approvato il disegno di legge costituzionale per l’introduzione del principio del pareggio di bilancio nella Costituzione. Oggi a Francoforte cruciale riunione del Consiglio direttivo della Bce, che deve decidere sugli acquisti di titoli di Stato, che da un mese finanziano Italia e Spagna.

agosto 26, 2011

Firma la petizione per non cancellare la festa della Repubblica.

NON CANCELLATE
IL GIORNO DELLA LIBERAZIONE DEL NOSTRO PAESE
IL GIORNO DEL LAVORO
IL GIORNO DELLA REPUBBLICA
FIRMA ANCHE TUFIRMA LA PETIZIONE

Onorevoli parlamentari,

i sottoscritti cittadini chiedono che il Parlamento cancelli il comma 24, art.1, del Decreto Legge 13 agosto 2011, n. 138, “Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo”, nel quale si prevede per tre importanti ricorrenze civili (25 aprile; I maggio; 2 giugno) una diversa collocazione o l’accorpamento ad una domenica.

Questa scelta è sbagliata perché si colpiscono giornate che celebrano i tratti costitutivi, l’identità, la memoria del nostro Paese; discriminatoria perché il numero maggiore di festività infrasettimanali sono di carattere religioso ed il nostro Paese è fra quelli che ha meno ricorrenze civili e laiche; strumentale perché produce un beneficio economico irrilevante a fronte di un costo civile e democratico particolarmente consistente; irragionevole perché non corrisponde ad alcun criterio di equità politica e sociale.

Vail al link sottosegnato e potrai firmare la petizione.

http://www.cgil.it/petizione/default.aspx

luglio 14, 2011

Si salvi chi può!

Nel presentare la nuova manovra fiscale (più pesante di quella precedentemente ipotizzata) il Ministro Tremonti afferma che “come sul Titanic la prima classe non si salva”. Sarà vero?

luglio 11, 2011

Prodi: Se fossi ancora Premier parlerei al Paese.

Se fossi il presidente del Consiglio parlerei al Paese e presenterei alcune misure urgenti che aggiustino le finanze pubbliche distribuendo in modo equo i pesi e dicendo al paese che queste sono misure d’emergenza che successivamente possono essere cambiate. In secondo luogo ripristinerei lo spending review per tenere sotto controllo la spesa pubblica”. Lo ha detto l’ex presidente del Consiglio, Romano Prodi, a Focus Economia su Radio 24. “Deve essere immediatamente indetta – ha sollecitato l’ex Presidente della Commissione Ue- una riunione con la Banca d’Italia e la direzione del Ministero del Tesoro per dare la sicurezza al mercato che le proposte sono realistiche e i conti sono seri per far capire che dietro al mercato c’è un Paese forte e coeso.”

berlusconi non può parlare al Paese perchè è un ladro, un delinquente, un corruttore ed è il principale responsabile dello stato in cui ci troviamo. Per tale motivo nessuno potrebbe credergli, nemmeno quelli che gli svolazzano intorno per poter continuare a rubare e depredare l’Italia.

Mag 16, 2011

Dopo le elezioni riparliamo di spiagge.

buriedtremonti.png
luglio 16, 2010

Quanto costano le multe per le quote latte?

Secondo il “Post” le multe per le quote latte che non pagheranno i produttori padani   valgono quattro miliardi di euro cioè come dice il Post “Per capire quanti sono quattro miliardi di euro, si può provare a metterli in relazione ad alcuni provvedimenti contenuti nella manovra finanziaria approvata ieri dal senato. Quattro miliardi di euro sono quasi metà dei soldi tagliati alle regioni, che dicono che per questo saranno costrette a restituire al governo le deleghe sui trasporti e i servizi sociali. Quattro miliardi di euro sono più del doppio dei soldi tagliati al Servizio Sanitario Nazionale nei prossimi due anni. Quattro miliardi di euro sono i soldi chiesti dal ministero dell’ambiente per risolvere i problemi idrogeologici dell’intero territorio nazionale.”Questa somma è stata già pagata dall’Italia all’Unione europea come sanzioni per le violazioni delle quote latte da parte degli allevatori. Che pagheremo noi, perchè la manovra finanziaria dell’integerrimo Tremonti contiene un emendamento, fortemente voluto dalla Lega,  che sospende il versamento delle multe delle quote latte, scaduto il 30 giugno, e lo proroga fino al 31 dicembre 2010.  Continuate a votare PDL, vi troverete bene.

giugno 9, 2010

Una colpevole dimenticanza.

Dato che le tabelle del ministero della Sanità riconoscono alle persone con sindrome di Down un’invalidità pari al 75%, la norma che alza all’85% il grado di invalidità previsto per ricevere l’assegno mensile rischia di escludere le persone affette da tale sindrome da un sistema di welfare che già di per sè lascia molto a desiderare. Infatti, solo se alla sindrome è associato un ritardo mentale grave il grado di invalidità riconosciuto è pari al 100%.

Cosa ne pensa  il Partito Democratico?

Mag 28, 2010

Berlusconi:come si fa ad avere fiducia di uno così?

1. L’ottimismo di Berlusconi: “Questa crisi non è un dramma” (panorama.it 21 gennaio 2009)
2. G8, Berlusconi: “la crisi è ormai alle spalle” (notizie.tiscali.it 8 luglio 2009)
3. Berlusconi: ”La crisi è alle spalle”. (adnkronos.com 29 ottobre 2009)
4. Berlusconi: “La crisi è alle spalle, 
è iniziata la risalita, ma è lenta” (repubblica.it 11 marzo 2010)
5. Berlusconi: cavalcare l’ottimismo per uscire dalla crisi. (tg24.sky.it 11 marzo 2010)
6. Berlusconi: “Crisi? segni
 inducono all’ottimismo” (leggo.it 19 maggio 2010)
7. Berlusconi: “Sulla crisi sono ottimista”
(blitzquotidiano.it 23 maggio 2010)
8. Manovra, Berlusconi: sacrifici inevitabili. (ilmessaggero.it)
9. In acqua nuovo yacht di Piersilvio Berlusconi: 37 metri, 18 milioni. (blitzquotidiano.it)

Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, e’ ancora “sopra il 60% di apprezzamento degli italiani”:

1. Crisi. Tremonti: “E’ come un videogioco” (leggo.it)
2. Anche i videogiochi sono in crisi. (corriere.it)

Mag 26, 2010

Impiegati pubblici: cosa riserva la manovra finanziaria.

 Per gli anni 2010, 2011, 2012 e 2013 il trattamento economico complessivo dei singoli dipendenti, anche di qualifica dirigenziale, compreso il trattamento accessorio, non può superare il trattamento in godimento nell’anno 2009. Fino al 2013 i trattamenti economici complessivi dei singoli dipendenti, anche di qualifica dirigenziale, delle amministrazioni pubbliche, superiori a 90mila euro lordi annui sono ridotti del 5% per la parte eccedente il predetto importo fino a 130mila euro, nonché del 10% per la parte eccedente 130mila euro. I rinnovi contrattuali del personale dipendente dalle pubbliche amministrazioni per il biennio 2008-2009 e i miglioramenti economici del rimanente personale in regime di diritto pubblico per il medesimo biennio non possono determinare aumenti retributivi superiori al 3,2 per cento. Estensione per ulteriori due anni della limitazione al turn over personale. L’organico degli insegnanti di sostegno per l’anno 2010-2011 deve rimanere invariato rispetto all’a.s. 2009/2010. Possibilità per il personale in soprannumero di essere impiegato presso uffici che presentono vacanze organiche. Limitazione alla possibilità per le amministrazioni dello Stato di avvalersi di personale a tempo determinato o con convenzioni o con contratti di collaborazione coordinata e continuativa. Utilizzo delle risorse stanziate negli anni precedenti per il riordino delle carriere del personale del comparto sicurezza – difesa al fine di concorrere alla realizzazione degli obiettivi di indebitamento netto delle pubbliche amministrazioni e dei saldi di finanza pubblica. Per agevolare la riduzione degli assetti organizzativi i trattenimenti in servizio possono essere disposti esclusivamente nei limiti consentiti dalla proroga delle limitazioni al turn over. Le risorse destinabili a nuove assunzioni in base alle predette cessazioni sono ridotte in misura pari all’importo del trattamento retributivo derivante dai trattenimenti in servizio. Soppressione della posizione di stato di ausiliaria conseguentemente il personale militare in servizio permanente delle Forze armate, compresa l’Arma dei carabinieri, e del Corpo della Guardia di finanza, all’atto della cessazione dal servizio per qualsiasi causa è collocato direttamente nella categoria della riserva. Abrogazione conservazione trattamento economico in caso di mancata riconferma del dirigente: le pubbliche amministrazioni che, alla scadenza di un incarico di livello dirigenziale, non intendono confermare l’incarico conferito al dirigente, conferiscono al dirigente un altro incarico, anche di valore economico inferiore. Riduzione delle risorse per la contrattazione integrativa del personale delle agenzie fiscali e del Mef. Soppressione indennità di comando al personale militare che opera a terra. Interpretazione autentica in materia di indennità di comando al fine di ricondurla nei limiti delle risorse stanziate. Indennità di impiego operativo per reparti di campagna.: rideterminazione del contingente di personale al quale viene corrisposta nella misura del 70% di quello determinato per l’anno 2009.