Posts tagged ‘M5S’

ottobre 24, 2013

cinque stelle.

ottobre 6, 2013

Mai ai servizi sociali, meglio il carcere! ma poi…..

Silvio Berlusconi, intervistato da Libero, 28 luglio 2013:

«Non farò l’esule, come fu costretto a fare Bettino Craxi. Né accetterò di essere affidato ai servizi sociali, come un criminale che deve essere rieducato. Ho quasi 78 anni e avrei diritto ai domiciliari, ma se mi condannano, se si assumono questa responsabilità, andrò in carcere».

Professor Franco Coppi, avvocato di Silvio Berlusconi, all’Ansa, ieri:

«Se non ci sono cambi di indirizzo, entro la prossima settimana depositeremo la richiesta per un eventuale affidamento in prova ai servizi sociali».

luglio 18, 2013

Erano solo dei facsimile

luglio 7, 2013

Un uomo impegnato.

Beppe Grillo chiede al presidente della Repubblica un incontro, per “porre fine a questa agonia“. Bisogna sciogliere le Camere, Letta a casa, subito! Perché ci stiamo avviando verso “la catastrofe economica“, e “più tempo perdiamo, più l’Italia sprofonda“. Ok, fa Napolitano, vista l’urgenza, facciamo tra un paio di giorni, “venerdì mattina alle 11“. Mmm, troppo presto, meglio la prossima settimana rispondono dal Movimento: “Beppe non riuscirebbe ad ”essere presente per ulteriori impegni“. Questi.

 

luglio 3, 2013

Tanto non gliela da!

giugno 15, 2013

Il buttafuori.

giugno 2, 2013

Chiarimenti a cinque stelle.

Maggio 30, 2013

“OTTUAGENARIO MIRACOLATO DALLA RETE”

2013-05-30-Rodot.jpgGrillo con la sua folle isteria dimostra di essere quello che è un miserabile in cerca di gloria, che nulla ha a che vedere con la sinistra e  con la democrazia. In pochi giorni ha scaricato la Gabbanelli ed ora anche Stefano Rodotà. Fra un pagliaccio e un comico scelgo la democrazia.

Maggio 29, 2013

Elettori di merda.

Maggio 29, 2013

Grillo e quella casta di 25 milioni di italiani.

 

thatcherÈ perfettamente vero che nel nostro paese esiste una quota di “pensioni d’oro” e “stipendi d’oro” che assorbono una quantità ingente e ingiustificata di risorse: oltre ad essere un problema di finanza pubblica sono un inaccettabile insulto all’equità. È perfettamente vero che il posto di lavoro pubblico è diventato, soprattutto in alcune regioni,  un sostituto di strumenti che in altri paesi sono in carico al welfare, mentre il nostro è uno stato sociale male organizzato e incapace di allocare efficacemente ed equamente le risorse. Ancora, è perfettamente vero che nel nostro paese le tasse, sul lavoro come sulle imprese (sebbene in diminuzione per queste ultime), sono troppo alte e che i servizi corrispondenti sono spesso (ma non sempre) tutt’altro che all’altezza.

Ma quanto ieri affermato da Beppe Grillo sul suo blog, a commento delle elezioni amministrative e come giustificazione del crollo del M5S, è un’aperta (e potenzialmente pericolosa) distorsione della realtà.

Continua a leggere »