Posts tagged ‘Limp Bizkit’

agosto 27, 2011

Limp Bizkit – Gold Cobra – Buonanotte compagni.

A fine anni ’90, la generazione post-grunge coltivava un rancore umorale, più che sociale. I white kidz ce l’avevano con le donne (pardon, le troie), gli insegnanti (i falliti) e chiunque li contrariasse (assholes che dovevano succhiarglielo) e quindi, soprattutto, i genitori. Gli stolidi campioni di questa rabbia, trainati da Fred Durst, ex tatuatore con un solo credo (“Non Fidarti Di Nessuno”) e da uno degli ultimi guitar hero, Wes Borland, filosofo truccato da scimmione, iniziavano i concerti uscendo da un cesso di 15 metri (“Perché siamo merde”) per poi vomitare veleno su tutto e tutti. Come non odiarli? E perciò, come non amarli? Stupidi, imbarazzanti, ma capaci di attimi di imprevedibile verità, trascinarono il rock nell’abisso quando a Woodstock ’99 la loro Break Stuff, inno alla violenza più compiaciuta, scatenò pestaggi e stupri di gruppo. Fu un punto di non ritorno. Mtv tagliò i fondi al rock “generazionale”, consegnandolo per un decennio a nicchie e revival. E Borland mollò Durst. Ma oggi eccoli qui riformati, o de-ibernati, i ragazzi del ’99. U–gua–li. Sempre stupidi, imbarazzanti, ma capaci di attimi di imprevedibile verità. Ma per quale generazione?

ottobre 23, 2010

Linkin Park – Hibrid Theory – Buonanotte Compagni.

I Linkin Park sono un gruppo rock statunitense, formatosi a Los Angeles nel 1996.

Il gruppo è composto da Chester Bennington (voce), Mike Shinoda (voce, tastiera e chitarra), Dave Farrell (basso), Brad Delson (chitarra), Rob Bourdon (batteria) e Joe Hahn (disc jockey).

Vendendo più di 60 milioni di copie dei loro dischi,[4] di cui 19 milioni nei soli Stati Uniti,[5] hanno contribuito al successo del nu metal, genere di cui i Korn, i Deftones e i Limp Bizkit sono considerati gli iniziatori.[6][7]. Nel loro stile propongono tuttavia una versione più industriale e pop di tale genere, per questo motivo alcuni li criticano sostenendo che siano “una boy band sotto mentite spoglie” e talvolta accostandoli al genere teen pop.[6] È chiaro però come sia difficile un paragone con artisti di questo tipo, data la presenza nella loro musica di urla e parti vocali più aggressive parallelamente al cantato melodico, oltre alla mescolanza di elementi tipici dei generi metal e rap, che li avvicinano al movimento nu metal