Posts tagged ‘Liguria’

agosto 18, 2012

Goletta Verde 2012: i mari più inquinati in Liguria, Campania e Calabria.

Le analisi microbiologiche effettuate da Goletta Verde non lasciano campo a dubbi: su 205 prelievi in 100 si sono riscontrate forti contaminazioni da Escherichia coli e Enterococchi intestinali, almeno del doppio rispetto ai limiti di legge. I mari più inquinati sono in Calabria, Campania e Liguria per il triste record di un punto inquinato ogni 62Km di costa. Ma non brilla neanche la Sicilia che rivela la grande fragilità delle sue reti fognarie. In Calabria i punti inquinati sono 19, in Campania sono 14 e in Liguria sono 15. I mari più puliti sono in Sardegna e Toscana con un campione inquinato rispettivamente ogno 433 Km e ogni 200Km.

In totale i comuni che secondo il richiamo giunto dall’Europa non depurano gli scarichi sono 109 fatto per cui dobbiamo attenderci multe salate. Sciorina il comunicato di Legambiente i risultati impressionanti:

L’86% dei punti inquinati sono stati prelevati alle foci di fiumi, torrenti e canali, risultati i nemici numero uno del mare italiano, ma anche nei pressi di scarichi di depuratori malfunzionanti e sono 24 milioni gli abitanti senza un sistema di trattamento dei reflui fognari. Sicilia, Lazio e Lombardia le regioni peggiori.

Continua a leggere: Goletta Verde 2012: i mari più inquinati in Liguria, Campania e Calabria ma replicano le Regioni

maggio 31, 2012

Si fregano tutto.

Alluvione, denuncia shock in Regione: "Svaniti soldi degli SMS solidali"

GenovaChe fine hanno fatto i soldi raccolti con gli SMS solidali destinati ai Comuni alluvionati? E’ quello che chiede un’interrogazione depositata in regione del gruppo di Italia dei Valori. La vicenda riguarda i circa 6 milioni di euro raccolti dal “comitato un aiuto subito per le popolazioni colpite dalle alluvioni”. Di cui al momento non si è vista l’ombra. Non solo: “A oggi ci risulta che quei soldi non siano arrivati, ma circola anche la voce secondo la quale parte di quella somma sia stata dirottata dal Governo su altri capitoli di spesa”, dice il consigliere regionale Maruska Piredda.

Secondo un decreto del Governo i soldi raccolti con gli SMS avrebbero dovuto essere destinati a progetti concordati tra Regioni e Protezione civile. Alla Liguria sarebbero toccati 3 milioni mezzo: due per il Comune di Cassana, frazione di Borghetto Vara, e uno e mezzo per la messa in sicurezza del Fereggiano. Soldi sempre più necessari, dice Maruska Piredda: “Chiediamo alla Regione di verificare che fine abbiano fatto quei soldi. Tra l’altro il Comune di Genova ha già evidenziato la difficoltà di finanziare la messa in sicurezza del Fereggiano, quindi parliamo di fondi sempre più necessari”.

luglio 2, 2011

La Liguria viene in aiuto di Napoli.

napoli rifiuti box

Un primo nulla osta per il trasferimento di circa 20 mila tonnellate di rifiuti campani al di fuori della regione è giunto stamattina dalla Liguria. Lo rende noto il ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo.

«Da altre 7 regioni – prosegue il ministro – si attende un analogo nulla osta per avviare i trasferimenti in altri 16 impianti fuori dalla Campania, in base alle intese che sono state già raggiunte a livello di enti locali preposti allo smaltimento dei rifiuti. Cominciano quindi ad arrivare le prime risposte positive del lavoro avvisto dalla Campania e dal Ministero dell’ambiente subito dopo l’emanazione del decreto governativo, che non rappresenta da solo, come si è sempre detto, la soluzione per il problema, ma consente di superare la criticità attuale.

aprile 13, 2010

Pensionato adotta una famiglia albanese

 

Un pensionato spezzino ha ottenuto dal tribunale di La Spezia l’autorizzazione ad adottare un nucleo familiare di tre albanesi: madre, padre e bambina. Si chiama Davide De Martino, ha 76 anni, ed e’ stato sindacalista nella Cgil, e in questa veste ha conosciuto la famiglia immigrata che ha scelto di adottare. Il giudice ha acconsentito alla richiesta perche’ rispetta i requisiti: Davide ha piu’ di 35 anni, supera di piu’ di 18 anni l’eta’ del figlio adottivo e della sua sposa e non ha figli. Sapere che c’è qualcuno che ancora rispetta le regole della solidarietà e che non si è fatto infettare dal vrus leghista fa bene alla salute.

febbraio 27, 2010

Regionali: da oggi si fa sul serio.

Con la presentazione, entro la giornata di oggi, delle liste elettorali, parte il rush finale della campagna per le Regionali. Delle 13 regioni che il 28 marzo andranno al voto, Berlusconi e Bersani sanno che la partita vera sara’ in Piemonte, Liguria, Lazio, Campania e Puglia, dove i sondaggi danno coalizioni in bilico. Cinque regioni per dimostrare che ‘il governo del fare’ e’ premiato dai cittadini, dice il premier, o che la maggioranza ‘non risolve i problemi’, per Bersani. Speriamo che gli elettorisappiano valutare attentamente i fenimeni che stanno venedo alla luce ed imoedire la deriva reaziobnaria in corso.”E’ intollerabile questa escalation di insulti e aggressioni nei confronti dei magistrati italiani”. L’Associazione nazionale magistrati risponde cosi’ alle dichiarazioni odierne di Silvio Berlusconi e chiede alle ”istituzioni di reagire”. ”Nel giorno in cui un servitore dello Stato viene ucciso in Afghanistan da terroristi talebani, l’offesa rivolta ai magistrati italiani dal presidente del Consiglio brucia se possibile di piu”, dice il segretario Giuseppe Cascini.

gennaio 27, 2010

Regionali 2010: UDC ago della bilancia

Nelle ultime ore, la politica dei ” due forni ” dell’UDC sta riaprendo i giochi in molte regioni per quanto riguarda una possibile alleanza UDC – PDL. Questo il quadro:

Puglia: In Puglia il dialogo è aperto con tutti e ci mancherebbe che non lo fosse con il Pdl, che in questi anni è stato come noi all’opposizione in consiglio regionale”.Poli Bortone è l’unica che può battere Vendola, riflettano bene” dice Casini intervistato su Canale 5. Quindi si profila un dialogo UDC – PDL ma intanto da Bari Fitto frena: “Siamo già in campagna elettorale per Rocco Paese”.

Calabria: Giochi fatti invece in Calabria, dove i centristi appoggeranno il candidato del centrodestra Giuseppe Scopelliti.

Liguria:  un incontro CESA – Berlusconi di stamane ha riaperto anche qui i giochi. “Abbiamo parlato delle intese nella regione anche se l’orientamento dei vertici locali del partito è di stringere un accordo con il candidato del Pd Claudio Burlando. Stiamo discutendo, oggi pomeriggio faremo una riunione su questo”

Piemonte: per le alleanze in questa regione, Casini, è stato chiaro affermando ” Il Piemonte? Noi non andiamo con la Lega e non saremo mai abbinati dove è presente la Lega”.

Intanto novità sul fronte del centrosinistra in Campania:

Campania:   Il centrosinistra finalmente ha deciso, meglio ancora lo ha fatto il Pd. Primarie il sette febbraio. Saranno consultazioni di coalizione perché dentro ci sono Alleanza per l’Italia di Rutelli, i Verdi e Rifondazione comunista, ma suonano già come una resa dei conti, tutta interna al Partito democratico. Il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca scalpita. Ancora da decidere il suo avversario. L’ex assessore Andrea Cozzolino, oggi europarlamentare si è tirato indietro. Adesso Bassolino pensa all’assessore regionale all’Industria Riccardo Marone che è stato con lui vice sindaco di Napoli. L’alternativa è il titolare dei Trasporti Ennio Cascetta. Rifondazione potrebbe schierare l’assessore al lavoro Corrado Gabriele. Italia dei valori, invece, è fuori dalle primarie, ma appoggerà il candidato che uscirà vicente il 7 febbraio.  ( Fonte Irpiniaoggi )

gennaio 19, 2010

otto a cinque?

Il 28 e 29 marzo si vota per rinnovare le giunte di 13 regioni.

Delle tredici regioni in cui si vota allo stato solo due sono le regioni in mano al centrodestra: Lombardia e Veneto che sono governate dall’alleanza Pdl-Lega-Udc.

Nelle altre regioni invece e cioè: Piemonte, Liguria, Emilia, Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Basilicata, Puglia, Campania e Calabria governa il  centrosinistra.

Il governatore è eletto in un unico turno.

Il centrodestra è sicuro di vincere nel  nord  confermandosi in Lombardia e Veneto e aggiudicandosi il Piemonte e la Liguria.

 Conta di vincere anche nel Lazio nella Campania, Calabria e Puglia.

Ritiene invece irragiugibili la Toscana, le Marche,l’Umbria,la Basilicata e l’Emilia che rimarrebbero al centrosinistra.

Che succederà?

Difficile fare previsioni. Certamente confermati il Veneto e la Lombardia più difficile appare la conquista del Piemonte dove  l’UDC ha deciso di appoggiare il Presidente uscente Bresso.

Per quanto riguarda la Liguria, il centrosinistra è favorito, perché l’accordo con l’UDC sposta l’ago della bilancia in suo favore ma lo scarto, stando agli ultimi sondaggi è di solo un paio di punti. Saranno sufficienti a conservare il governo della Regione? Speriamo.

Trema l’accordo che l’Udc ha stipulato nel Lazio a favore della Poverini, candidata del Centrodestra. Se prevarranno le colombe del PDL l’accordo resisterà e sarà difficile che il Lazio rimanga al centrosinistra, se invece dovesse saltare tale accordo la partita è ancora aperta con qualche margine di vantaggio per il centrosinistra.

La Campania dovrebbe andare al centrodestra perché Caldoro riuscirà ad attrarre anche voti da sinistra. Che tristezza. Anche in questa regione saranno determinanti i voti dell’UDC.

Stesso discorso per la Calabria  dove il centrosinistra potrebbe vincere con buoni margini solo in caso di accordo con l’UDC, che chiede la candidatura alla presidenza di Occhiuto.

Infine la Puglia, che è la regione più a rischio. Una risposta potrà essere data solo dopo le primarie e della pronuncia del’UDC se aderire in ogni caso all’alleanza di centrosinistra o meno.

Non finirà certamente undici a due ma nemmeno otto a cinque come spera il centrodestra.