Posts tagged ‘jus soli’

giugno 21, 2021

UN ITALIANO: UN ITALIANO VERO!

Sapete tutti della vicenda di Adlib. Il sindacalista travolto, da un camion mentre teneva un sit in davanti alla sede di una multinazionale i cui dipendenti erano minacciati di licenziamento. Come sapete che il camionista che l’ha travolto, non era di fede trumpiana nè al soldo dell’azienda; ma era gravemente in ritardo nelle consegne da fare per conto di un’altra multinazionale, ritardo che avrebbe comportato un taglio insostenibile a una paga già scarsa.Se ve lo ricordo, allora, non è per aggiungere le mia reazione alle vostre. Perchè le do per scontate. Come do per scontata la reazione delle istituzioni, corretta ma efficace solo a risolvere casi umani; perchè con le multinazionali è lecito abbaiare ma non mordere.Se vi scrivo è allora è solo per farvi riflettere su di un signore che ho sentito e visto in Tv: un signore che, con tutta la forza e l’autorità del “sindacalista reale”, raccontava la vicenda. Un nero? Sì; ma più esattamente un italiano di pelle nera. Così come lo era, anche se magari non anagraficamente, il sindacalista ucciso.Italiani, sissignori. E con il desiderio di esserlo e di essere considerati come tali. Come i ragazzi che frequentano le nostre scuole. Come il pizzettaro che ti chiama dottò e, conoscendoti, affronta l’argomento della campagna acquisti della Roma all’insegna “dell’andrà mejo quest’anno” (una previsione che, in base alla legge dei grandi numeri, prima o poi si rivelerà corretta…). E come i tanti lavoratori in cui la solidarietà di classe (sempre ricambiata) fa premio su qualsiasi altra considerazione.Essere italiani. E per una scelta di vita. Straordinaria proprio per la sua normalità. E per il suo risultato; dare un futuro al nostro paese, sulla base di una comunità condivisa.Quello che non è normale, allora, è l’atteggiamento delle cosiddette “forze politiche”. E, in particolare, di quelle di sinistra. Che si confrontano con la destra sui temi dell’accoglienza (dove hanno una coda di paglia lunga così) e non su quelli dell’integrazione (dove troverebbero il campo aperto).E che non muovono un dito né sulla Bossi-Fini né per lo jus soli; per il timore inespresso di “chiedere troppo”.Avallando così un ordinamento per il quale entrare in Italia per lavorare è un reato; e che, per ottenere la cittadinanza, te la devi meritare; magari superando un apposito esame.E tutto questo non è affatto normale.

Maggio 10, 2013

La vera faccia di Grillo.

Grillo di tanto in tanto si rivela per quello che è. Un inconcludente qualunquista. Dice tutto ed il contrario di tutto. Adesso dice la sua sulla proposta del  ministro per l’Integrazione Cecile Kyenge. Per Grillo Lo ius soli, in Europa, non è presente “se non con alcune eccezioni estremamente regolamentate”.Chiarisce che in Italia, “se si è nati da genitori stranieri e si risiede ininterrottamente fino a 18 anni”, lo ius soli è già un fatto acquisito. E ancora: “Chi vuole al compimento del 18simo anno di età può decidere di diventare cittadino italiano”. E questa non è  la prima volta che Grillo si scaglia contro l’idea della cittadinanza per i figli degli immigrati: a gennaio 2012 l’aveva definita una “questione priva di senso”.Dopo essere riuscito nella quasi impossibile missione di rianimare Berlusconi, dopo essere riuscito a far nascere il governo delle larghe intese, dopo aver sputato in faccia a tutta la sinistra,  ed infine dopo aver rifiutato ogmni confronto con qualsiasi controparte palrmentare, adesso se la prende con una delle poche facce decenti del governo Letta. Grillo sarà simpatico, ma a me no!, sarà intelligente, sarà educato (forse), ma a me se prima stava sulle scatole dopo questa uscita contro il ministro Cecile Kyenge e la sua proposta di legge sullo ius soli, adesso mi è proprio odioso perche il suo volto è quello di un fascista presuntuoso, incapace di dialogo e di relazionarsi con la gente. Potrà prendere anche il 50% dei voti dell’elettorato, ma per me è solo un’altra faccia della destra. Come ha detto saggiamente Adriano Sofri “I 5Stelle? Le mosse furbe hanno gambe corte. I portavoce hanno spiegato che i voti in Friuli-Venezia Giulia sono quelli normali nelle regioni. Però il capo aveva annunciato che sarebbe stata la prima regione in loro mani. Credo che le persone che li avevano votati e hanno sentito sprecato il loro voto siano molte. Il bilancio provvisorio, con 5Stelle e Pd in caduta, e il Pdl in ascesa, è un capolavoro.”(Adriano Sofri si Repubblica) Ovviamente  è molto probabile che come Berlusconi, anche Grillo dica di non essere stato capito o che il suo pensiero è stato travisato dalla stampa di regime. E come diceva Totò” …..ma mi faccia il piacere….!”


 

Maggio 5, 2013

Kyenge: Ddl su ius soli. Balotelli testimonial.

Kyenge Un ddl sullo ius soli sarà pronto nelle prossime settimane: lo ha detto il ministro per l’Integrazione, Cecile Kyenge, intervenendo alla trasmissione “In mezz’ora”. “E’ difficile dire se riuscirò” ha ammesso il ministro, “per far approvare la legge bisogna lavorare sul buon senso e sul dialogo, trovare le persone sensibili. E’ la società che lo chiede, il Paese sta cambiando”. “Bisogna lavorare molto per trovare i numeri necessari” ha aggiunto precisando di non pensare a un eventuale fallimento.

Il reato di clandestinità? “Dovrebbe essere abrogato” secondo il ministro per l’Integrazione Cecile Kyenge. Intervenendo alla trasmissione di Rai Tre “In mezz’ora”, il ministro ha risposto a una precisa domanda sul reato introdotto dal governo Berlusconi. “Non è comunque una cosa di mia competenza – ha precisato Cecile Kyenge – bensì del ministro Alfano, ma lavoreremo sicuramente insieme”.

Quella chiavica di schifani così commenta”Non si esageri e si usi maggiore cautela anche da parte dei membri del governo.”

mentre invece Balotteli dice “”Sono disponibile a ogni iniziativa o proposta che provenga dalle istituzioni, tesa alla lotta al razzismo e alle discriminazioni”.

luglio 4, 2012

Talen scout.

Attitude Change

Attitude Change


 

Lamberto Tomassini:

‘The recent good performance of Mario Balotelli at the Euro 2012 Championship could help many Italians to change their point of view about immigration. ‘