Posts tagged ‘infarti’

giugno 8, 2013

In Italia oltre 60mila arresti cardiaci all’anno.

In Italia oltre 60mila arresti cardiaci all'anno In Italia oltre 60mila arresti cardiaci all’anno

ROMA – L’arresto cardiaco colpisce 400mila persone ogni anno in Europa, oltre 60mila delle quali in Italia, con una media di 164 al giorno. Le percentuali di sopravvivenza sono molto basse: meno del 20% delle vittime di questi episodi sopravvive alla dimissione dall’ospedale.

Molte vite si potrebbero invece salvare se chi si trovasse di fronte all’emergenza iniziasse subito la rianimazione cardiopolmonare: le probabilita’ che la persona colpita da arresto cardiaco sopravviva risulterebbero aumentate di tre-quattro volte.

E’ quanto emerso alla presentazione di  ”Viva! la settimana per la rianimazione cardiopolmonare”, che si svolgera’ dal 14 al 20 ottobre in tutta Italia. Ad organizzarla e’ l’Italian Resuscitation Council (Irc), che fara’ campagne di prevenzione e informazione puntando l’attenzione sui luoghi in cui avvengono il maggior numero di casi: ambienti lavorativi e scolastici, palestre e altri luoghi in cui si pratica sport, ospedali e perfino case (dove avvengono la meta’ degli arresti cardiaci).

Dai dati – come ha spiegato Elga Cerchiari, presidente dell’Italian Resuscitation Council – emerge che il 70% dei casi di arresto cardiaco avvengono in presenza di testimoni, ma la maggior parte degli italiani non sa come fare la rianimazione cardiopolmonare. I

maggio 13, 2012

sintomi ictus cipolla

Sembra che la cipolla sia un’alleata preziosa per prevenire i sintomi dell’ictus, infarti e attacchi di cuore, impedendo la formazione di coaguli nel sangue. Il merito sarebbe tutto della rutina, una sostanza presente non soltanto nelle cipolle, ma anche in alcuni tipi di frutta, quali arance e mele, e nel tè nero e in quello verde.

Leggi tutto l’articolo

 

gennaio 28, 2011

Staminali adulte in soccorso del cuore infartuato.

Se adeguatamente ‘istruite’, le cellule staminali adulte possono riparare i danni provocati al cuore dagli infarti. Lo afferma uno studio pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology, secondo cui questa tecnica e’ sicura e puo’ essere testata sull’uomo. Le staminali adulte isolate dai pazienti normalmente hanno una limitata capacita’ di riparare il cuore.

I ricercatori della Mayo Clinic di Rochester, nel Minnesota, hanno sviluppato pero’ un cocktail di fattori di crescita cardiaci che riescono a ‘programmare’ le staminali ottenute dal midollo osseo dei pazienti. Applicate a un modello animale queste cellule hanno mostrato una grande capacita’ di riparare i tessuti cardiaci senza nessun effetto collaterale. Nello specifico, i ricercatori hanno trovato che il tessuto cardiaco danneggiato guariva piu’ efficacemente, grazie all’apporto delle staminali, e le cicatrici lasciate dall’infarto erano scomparse dopo qualche mese dal trattamento.

agosto 18, 2010

Staminali adulte in soccorso del cuore infartuato.

Se adeguatamente ‘istruite’, le cellule staminali adulte possono riparare i danni provocati al cuore dagli infarti. Lo afferma uno studio pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology, secondo cui questa tecnica e’ sicura e puo’ essere testata sull’uomo. Le staminali adulte isolate dai pazienti normalmente hanno una limitata capacita’ di riparare il cuore.  ricercatori della Mayo Clinic di Rochester, nel Minnesota, hanno sviluppato pero’ un cocktail di fattori di crescita cardiaci che riescono a ‘programmare’ le staminali ottenute dal midollo osseo dei pazienti. Applicate a un modello animale queste cellule hanno mostrato una grande capacita’ di riparare i tessuti cardiaci senza nessun effetto collaterale. Nello specifico, i ricercatori hanno trovato che il tessuto cardiaco danneggiato guariva piu’ efficacemente, grazie all’apporto delle staminali, e le cicatrici lasciate dall’infarto erano scomparse dopo qualche mese dal trattamento.(liquidarea)