Posts tagged ‘indignati’

novembre 15, 2011

Sgomberati gli indignati di Occupy Wall Street.

 

La polizia di New York City si è presentata questa notte all’1:20 (ora di New York) per sgomberare Zuccotti Park dai manifestanti di Occupy Wall Street, mentre lo stesso è successo fra i manifestanti a Los Angeles. Le forze di polizia, presentatasi in assetto antisommossa, avrebbero giustificato l’azione per motivi igienico sanitari e il sindaco Bloomberg ha spiegato che l’azione non è un’azione definitiva ma dimostrativa. La diretta dal sito di Occupy Wall Street racconta di manifestanti che si difendono al canto di This Is What Police state looks Like: chiuse le linee metropolitane e il ponte di Brooklyn, ingenti forze di polizia si schierano fra Canal St. e la Broadway. Fra i manifestanti si sparge la voce non confermata di cecchini sui tetti.

ottobre 26, 2011

I giovani non sono indignati.

 
ottobre 19, 2011

Indignati: “Quaderni Socialisti” presente

ottobre 16, 2011

IL COMPAGNO DRAGHI.

Nicky Banana dice che Draghi ha ragione,lo stesso Draghi e Soros elogiano los indignatos,il pensionato bocciofilo Pd dice che la BCE é nel giusto, Montezemolo che é giusto tassare i ricchi,Della Valle che é amico del popolo e nemico dei politici (meno Mastella…),Napolitano e Frattini che in Libia si sta svolgendo un’operazione umanitaria……..a questo punto aspettiamo Rothschild dire che si é fatto frate e ha donato tutto ai poveri….

ottobre 16, 2011

Francia, in 25mila manifestano contro il nucleare. Indignati a Parigi.

Ieri oltre 25mila persone in sette città francesi hanno manifestato contro la presenza di centrali nucleari per la giornata Nucléaire Stop. Le stime le fornisce l’organizzazione che ha messo in piedi l’evento, ossia Sortir du nuicléaire. La novità è che nel pomeriggio a Parigi, si sono aggiunti gli Indignati (video dopo il salto), nelle stesse ore in cui si teneva la manifestazione a Roma, teatro di scontri e tafferugli.

Non sembri una cifra bassa, infatti anche Le Monde ha riconosciuto l’importanza della protesta, al debutto in Francia della campagna elettorale per le presidenziali 2012. La manifestazione più importante si è avuta a Rennes (Ille-et-Vilaine) a cui hanno preso parte oltre 15mila persone e anche i tre dei candidati alle presidenziali: Eva Joly (Europe-Ecologie-Les Verts, EE-LV), Corinne Lepage (Cap21) e Philippe Poutou (Nouveau parti anticapitaliste, NPA).

Tra le altre città anche Bugey (Ain), Toulouse (Haute-Garonne), Bordeaux (Gironde), Strasbourg (Bas-Rhin), Dunkerque (Nord).

ottobre 15, 2011

Dire Straits “Tunnel of Love” – Buonanotte compagni indignati.

Buonanotte a tutti gli indignati e a quei compagni che hanno fatto un pò più di casino.

Adesso sono loro i violenti. e Berlusconi? Non è un violento,n criminale, un bandito?

Il mondo va alla rovescia. Rubate il futuro ai giovani  e pretendete che se ne stiano buoni in un angolo accettando tutti i vostri ricatti. salvate le banche e non vi preoccupate di loro, che studiano con la speranza di un futuro migliore, il desiderio di sposarsi, di trovare lavoro di vivere una vita degna di questo nome.

Che dire degli anziani che voi pensiate siano un peso ed invece sono persone ricche di umanità che non vogliono  sentirsi inutili. Forse la mia è retorica, ma mi sono rotto le scatole di questa ipocrisia perbenista per cui non si può dire niente e bisogna accettare tutto. ma perchè?

settembre 19, 2011

Indignati d’America: assedio a Wall Street.

Diverse centinaia di manifestanti hanno trascorso la loro prima notte di “occupazione” davanti alla sede della borsa di Wall Street, a New York, per protestare contro la cupidigia, la corruzione e i tagli al welfare americano.

I giovani manifestanti, che hanno iniziato sabato la loro protesta, avevano l’obiettivo di occupare Wall Street, ma un nutrito schieramento di poliziotti ha bloccato tutti gli accessi alla strada simbolo della finanza mondiale e a quelle attigue. I giovani hanno bivaccato nei pressi e intendono rimanere fermi fino alla riapertura, domani, della sede del New York Stock Exchange.

Molti i cartelli e gli striscioni sulle strade: “Basta speculare sul nostro futuro”, si legge su uno, “Il mondo ha a sufficienza per i bisogni di tutti, ma non abbastanza per la cupidigia di pochi”. Alcuni hanno passato la notte a Trinity Place, circa 300 metri da Wall Street. Gli organizzatori, che hanno lanciato un sito “Occupare Wall Street”, contano su una partecipazione di circa 20.000 persone. (fonte afp) Fcs/Kat

luglio 30, 2011

Indignati anche in Israele.

Gli indignati israeliani, che da due settimane protestano in tutto il Paese contro il caro vita e l’inflazione, domani usciranno dalle loro tende di fortuna per marciare uniti verso l’ufficio del primo ministro Netanyahu. Ai giovani e ai tanti indigenti che non riescono più a sopravvivere nella “terra promessa”, si uniranno anche i medici che da giorni sono entrati in sciopero. La loro indignazione del resto è molto simile: chiedono l’aumento dei salari, sempre più inadeguati a far fronte all’incremento del lavoro e alla simultanea perdita del potere d’acquisto dei loro salari.