Posts tagged ‘ilva taranto’

gennaio 30, 2013

Ilva di Taranto: “prescrizioni Aia completate al 65%, a breve la copertura dei parchi minerari”

In una relazione redatta dai tecnici Ilva ed inviata al Ministero dell’Ambiente ed all’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), l’azienda sostiene di aver già ottemperato a 61 delle 94 prescrizioni dell’Aia, rilasciata dal ministero solo il 26 ottobre scorso e divenuta legge con il provvedimento cosiddetto “salva-Ilva”.

Secondo quanto riportato da La Gazzetta del Mezzogiorno infatti la relazione, circa 45 pagine, dimostrerebbe, secondo Ilva, come il 65% delle prescrizioni Aia sia già stato completato, mostrando un’azienda forte e determinata a risolvere gli annosi e critici problemi, cronicizzatisi ormai nel territorio tarantino.

Continua a leggere: Ilva di Taranto: “prescrizioni Aia completate al 65%, a breve la copertura dei parchi minerari”

dicembre 21, 2012

Ilva: Camera; ok a decreto, passa al Senato.

Ilva: Camera; ok a decreto, passa al Senato Ilva: Camera; ok a decreto, passa al Senato

Il decreto sull’Ilva e’ legge. Il Senato con 217 si’, 10 no, 18 astenuti ha convertito definitivamente il provvedimento a tutela della salute, dell’ambiente e dei livelli di occupazione in caso di crisi di stabilimenti industriali strategici, messo a punto per l’Ilva di Taranto.

Intanto, il prossimo 8 gennaio nel Tribunale di Taranto, in sede di appello, sara’ discusso il ricorso dell’Ilva contro l’ordinanza del gip Patrizia Todisco che l’11 dicembre scorso ha respinto l’istanza di revoca del sequestro dei prodotti finiti e semilavorati del gruppo dell’acciaio. Nel ricorso, l’azienda fa presente che, con i provvedimenti della magistratura, ”non si vuole solamente la chiusura definitiva” dello stabilimento; si vuole altresi’ che cio’ sia fatto per iniziativa spontanea di Ilva stessa”.

Per fortuna questo governo di mascalzoni è andato via.

ottobre 14, 2012

Ilva: Aia ‘rivoluzionaria’, Clini, stop produzione 8 mln ton.anno.

 

Correlati

Associate

ROMA – Un’Aia ”rivoluzionaria” quella che i tecnici del ministero dell’Ambiente hanno messo a punto per l’Ilva di Taranto. E’ questa la sensazione generale mentre il ministro Corrado Clini snocciola punto per punto le misure previste dalla nuova Autorizzazione integrata ambientale formalizzata dal gruppo Istruttore, e che ora – come precisa lo stesso ministro – attende soltanto il passaggio finale in Conferenza dei servizi, prevista per il 18 ottobre.

Il nuovo provvedimento – spiegato da Clini – che impone i limiti entro cui gli impianti dello stabilimento siderurgico possono operare, parte dalla riduzione della produzione annuale a 8 milioni di tonnellate di acciaio, mentre la produzione attuale e’ di circa 11,3 milioni di tonnellate (anche se l’Aia precedente, quella datata 4 agosto 2011, come ha precisato il ministro ne consente fino a 15). Poi c’e’ lo spegnimento e il rifacimento dell’Altoforno Afo5, quello piu’ importante per l’impianto tarantino, che da solo ‘divora’ oltre il 40% dell’intero ciclo. ”Quello che io auspico a fronte di questo documento – ha detto Clini -, e’ che l’azienda e la Procura e il Gip possano giungere a soluzioni non conflittuali; ci sono tutte le condizioni perche’ questo documento possa facilitare il percorso parallelo avviato dalla Procura di Taranto”.

febbraio 29, 2012

Incendio all’Ilva di Taranto: il video.

Grazie a Rosella Balestra del Comitato Donne per Taranto vi giro un po’ di foto dell’incendio che si sta consumando in queste ore all’Ilva di Taranto. Alcuni su Twitter cinguettano che le fiamme siano state già domate, ma attendo riscontri ufficiali. Dopo il salto il video.

L’incendio si è sviluppato nel Tubificio1 e tra le cause sembra un guasto al trasformatore in apirolio. I vigili del fuoco sono al lavoro. A Bruciare è olio refrigerante. Avviso di Rosella Balesta ai cittadini di Taranto visto che il sindaco Ippazio Stefàno e Nichi Vendola Governatore della Puglia tacciono è:

Avviso a tutti: se doveste avere problemi respiratori, vomito, bruciori alle mucose, tosse recatevi subito al pronto soccorso. Devono capire che ci stanno uccidendo.