Posts tagged ‘il “manifesto”’

maggio 6, 2020

Basta con gli agguati!

di Anna Falcone

Il nostro appello “Basta con gli agguati” (che trovate pubblicato su questo profilo in un post del 1°Maggio) ha raggiunto in soli tre giorni 16.500 firme! E continua a crescere. Ciò dimostra che, lungi dal voler limitare il diritto di critica al governo e il pluralismo delle idee – come chiaramente scritto nell’appello – mai come adesso è inaccettabile che dietro la strumentale propalazione di sedicenti moti “libertisti” si tentino evidenti manovre di potere, volte a sovvertire gli assetti politici nel Paese. Tantissimi cittadini italiani non ne possono più della politica urlata, delle palesi menzogne e degli slogan che solleticano la rabbia, ma non offrono alcuna reale soluzione ai gravissimi e inediti problemi posti dalla pandemia, che aggravano ulteriormente la crisi economica già in atto e le diseguaglianze che affliggono la nostra società. In un momento di tale gravità, tutto ciò è inammissibile. Basta con i regolamenti di conti sulla pelle delle persone: i più deboli in primis! Mai come adesso è necessario cambiare passo e far fare alla politica (tutta) e alla classe dirigente quel salto di qualità che metta il futuro dei cittadini, i loro diritti, la necessaria riorganizzazione del lavoro e dell’economia in senso più innovativo ed equitativo, la riconversione ambientale e tecnologica, la protezione dei più fragili, al primo posto. In quella che è – e sarà – la più grave crisi sociale, economica e democratica dal dopoguerra, trasparenza, competenza, responsabilità e costruttività devono essere prerogative non solo del governo, ma anche delle opposizioni! Che nessuno mai più approfitti di crisi di portata epocale, per lucrare crisi democratiche. Sono sempre i cittadini che ci vanno di mezzo. Dipende anche da noi fare in modo che, questa volta, si reagisca non con la “rottamazione” di fatto della democrazia, ma con una maggiore richiesta di partecipazione. condizione essenziale per il compimento e l’evoluzione del progetto democratico già scritto in Costituzione. E’ l’unico vero “vaccino” contro il virus del populismo e dell’uomo solo al comando. La Storia ci insegna: non funziona e finisce sempre male.. Scrive Antonio Antonio Floridia, uno dei promotori dell’appello:”Un grande insegnamento viene da questa vicenda ed emerge da tante mail: “basta” con una politica urlata e divisiva, riconquistiamo la civiltà di una discussione democratica aperta e pluralista. Puntiamo sulle cospicue risorse di mobilitazione politica e civica che ancora esistono nel nostro paese e che si sono manifestate in questi giorni. Ne avremo molto bisogno per il “dopo”. Un dopo che sia pensato dal basso, a partire delle diseguaglianze e dalle contraddizioni sociali”. Su questo obiettivo andiamo avanti.

Partiamo da una premessa: si è trattato di un testo promosso da un gruppo di intellettuali, condiviso da migliaia di cittadini “comuni”, un testo che ha rivelato una profonda consonanza con le idee e i sentimenti di una fetta importante dell’opinione pubblica (certo non tutta, ma forse propri…

ILMANIFESTO.IT
Partiamo da una premessa: si è trattato di un testo promosso da un gruppo di intellettuali, condiviso da migliaia di cittadini “comuni”, un testo che ha rivelato una profonda consonanza con le idee e i sentimenti di una fetta importante dell’opinione pubblica (certo non tutta, ma forse propri…
Partiamo
luglio 29, 2018

Alzare l’asticella.

L'immagine può contenere: testo
febbraio 22, 2015

marchionne ha vinto! per ora…….

gennaio 1, 2015

Auguri.

Italia-brindisi-2015

dicembre 27, 2014

Ius Soli

migranti-parto-1-il-manifesto

E così Salvatore nacque. La vignetta di oggi su il manifesto.

febbraio 23, 2014

Pippo Voltaire.

civati-pippo-voltaire

Governo, Civati: “Voterei no ma non voglio lasciare il Pd“. La vignetta per il manifesto.
Scrive Cecilia: –Non è stato possibile ma se fosse stato possibile io oggi all’incontro dei civatiani avrei detto questo: “RITA E LE ALTRE.”
“Rita è un’operaia. Non è particolarmente colta né politicizzata. Rita guida le sue compagne di lavoro in uno storico sciopero che porterà al riconoscimento della parità salariale per le donne. Rita deve convincere i delegati, tutti maschi, al congresso sindacale ad appoggiare le loro rivendicazioni. Gli operai maschi sono arrabbiati e stanno chiedendo alle donne di rientrare a lavoro perché la loro protesta ha portato la Ford a chiudere gli stabilimenti ricattando il governo con la minaccia della delocalizzazione e della perdita di centinaia di posti di lavoro, in fondo la parità salariale non sembra un diritto così imprescindibile di fronte ad tale una catastrofe. Rita prende la parola al congresso dicendo semplicemente che appoggiare la loro causa, combattere per questo diritto è giusto. Non è tattico, opportuno, strategico è solo GIUSTO. Da quando in Italia abbiamo smesso di fare le cose giuste a favore di quelle opportune? Da troppo. Ricominciamo da questa opportunità: non votiamo la fiducia a questo governo perché è GIUSTO per le motivazioni che tutti conosciamo bene ed anche perché a furia di scegliere il male minore ci stiamo scordando che ogni volta comunque scegliamo un male. Per il dopo, qualsiasi dopo ci aspetti (che ci buttino fuori, che usciamo noi ecc.), basterà tenersi stretti e non avere paura.”

gennaio 23, 2014

Svegliatemi, sto avendo un incubo!

renzi-berlusca-dorian-gray-a-il-manifesto

Legge elettorale, c’è “profonda sintonia” dopo il lungo incontro Renzi-Berlusconi in casa Pd.

gennaio 13, 2014

Siamo tutti clandestini.

de-andre-pescatore-migrante-NUOVA-il-manifestoE ieri alle 21.00, al Teatro Comunale “Dario Vittori” di Guidonia Montecelio io, Nicola e Come una specie di sorriso. Tavole e racconti, sulle canzoni di Fabrizio De Andrè. La vignetta-tavola è oggi su il manifesto.

dicembre 13, 2013

Torquemada.

forcone-libri-il-manifesto

chiudete o bruciamo i libri“. Oh. La vignetta oggi per il manifesto.

dicembre 12, 2013

Gramsci vota Brunetta.

gramsci-renzi-il-manifesto

Ancora su Renzi e le primarie del Pd. La vignetta è per il manifesto di oggi.