Posts tagged ‘il cairo’

agosto 16, 2013

Mi raccomando non uscite dai resort.

 

egitto-coprifuoco-primavera-il-manifesto

Egitto, è guerra.
La vignetta oggi su il manifesto.

novembre 21, 2011

Egitto, scontri in piazza Tahir: tre vittime Sit-in dei manifestanti contro i militari.

Cairo, 20 nov. (Adnkronos/dpa) – Violenti scontri al Cairo tra forze di sicurezza e dimostranti che cercavano di raggiungere piazza Tahir, simbolo della primavera egiziana.
Militari e forze di sicurezza egiziane sono intervenuti contro le migliaia di dimostranti in piazza Tahrir al Cairo per costringerli a lasciare la piazza. Durante l’attacco sono stati usati gas lacrimogeni e sono stati uditi colpi di arma da fuoco, hanno reso noto alcuni attivisti, aggiungendo che le forze di sicurezza hanno attaccato un ospedale da campo allestito nell vicinanze e hanno appiccato il fuoco a diverse tende situate nel centro della piazza.
Il bilancio è di un morto e centinaia di feriti. Analoghi incidenti si sono verificati anche ad Alessandria, dove due manifestanti sono rimasti uccisi.
Riunione d’emergenza del governo egiziano per fronteggiare la situazione. Il ministero dell’Interno, intanto ha negato l’uso di proiettili di gomma e di munizioni contro i manifestanti, sottolineando che negli incidenti sono rimasti feriti anche 40 agenti della sicurezza.

La primavera araba è già finita.

gennaio 28, 2011

Egitto, scontri e morti: «L’esercito è con noi»

L’Egitto è in fiamme. Nel quarto giorno delle proteste, il venerdì della rabbia, la guerriglia è scoppiata in tutto il Paese. Al Cairo oggi cinque morti, quasi mille feriti e 400 arresti, tra cui 30 giornalisti. Il regime reagisce: il presidente Hosni Mubarak ha imposto il coprifuoco in tutto il Paese e il rais ha chiesto all’esercito di affiancare la polizia. I fatti hanno confermato che la rabbia popolare è esplosa davvero, ancora più di quanto non fosse avvenuto nei giorni precedenti. E, come previsto e annunciato, è dilagata subito dopo le tradizionali preghiere del riposo settimanale islamico.

Le forze di polizia lasciano le strade davanti agli insorti. Esercito in strada, anche con carri armati, e protegge siti sensibili, tra cui Tv e Museo egizio. Coprifuoco dalle 18 alle sette di mattina. Bloccati collegamenti internet e telefoni cellulari in tutto il Paese. Date alle fiamme le sedi del partito di Mubarak al Cairo, Ismailia e Porto Said. A Suez e nel Sinai incendiati edifici pubblici. Ban Ki-moon, rispettare libertà d’espressione. Hillary Clinton: egiziani hanno diritto alla democrazia. Il portavoce della Casa Bianca, Robert Gibbs: «Per gli Stati Uniti, la situazione che si è venuta a creare in  Egitto può essere risolta solo dal popolo egiziano».