Posts tagged ‘gmail’

settembre 25, 2010

La Cina ci spia. Sarà vero?

Google sta inviando una serie di ‘alert’ agli utenti del servizio di posta elettronica Gmail per avvisarli di attacchi hacker provenienti dalla Cina con l’obiettivo di violare le loro email personali.

Gli attacchi, scrive il sito ThreatPost, potrebbero essere o coordinati da parte delle autorità cinesi, o l’operazione di hacker isolati.

Gli alert compaiono al momento del login: “Your account was recently accessed from China” (il suo profilo è stato rencentemente visitato dalla Cina) è il semplice messaggio, accompagnato da una lista di indirizzi IP da qui gli attacchi potrebbero provenire.

Secondo le informazioni raccolte da Threat Post, gli utenti che hanno visto attaccata la propria mail provengono da tutti i continenti e non hanno legami evidenti ne tra di essi ne con la Cina. Solo un caso meriterebbe un’attenzione particolare rispetto agli altri: l’email di Alexander Hanff, un avvocato di Privacy International Uk, che ha di recente tenuto un discorso sulla libertà di espressione e sui diritti umani in Cina ed Europa.

I messaggi di Google sono stati ricevuti in Europa, Stati Uniti, Colombia e Canada, e da persone senza collegamenti evidenti con la Cina e la sua politica. I rapporti tra Google e la Cina non sono infatti buoni: Solo pochi mesi c’è stato l’attacco, degli hacker cinesi, denominanto operazione “Aurora”, a decine di colossi dell’informatica con l’obiettivo di carpirne segreti industriali e di violare la corrispondenza privata di attivisti per i diritti umani.

settembre 10, 2010

Google alla velocità della luce

L’azienda di Mountain View presenta la funzione “Instant”: la pagina dei risultati si compone mentre l’utente sta ancora digitando la sua richiesta. “Si risparmiano tra i 2 e i 5 secondi per ogni interrogazione, ogni giorno guadagnate globalmente 350 ore”

Google alla velocità della luce I risultati già mentre si scrive

Google anticipa i navigatori: i risultati delle ricerche appaiono già durante la digitazione delle parole chiave. Non è più necessario premere il pulsante “cerca” o schiacciare sulla tastiera “invio”. È sufficiente iniziare a scrivere: Google Instant, questo il nome del progetto appena varato, completa la frase in modo automatico e mostra in tempo reale i risultati trovati su internet all’interno della pagina nel motore di ricerca.

Non risultati ma “predizioni”. Ecco la grande novità presentata da Google con il suo “Google Instant” che permette di vedere risultati della propria ricerca mentre si digitano le parole nella “query” di Google, prima ancora di premere il tasto “invio”. La nuova feature del motore di ricerca di Mountain View, permette a chi digita una ricerca di vedere nello spazio della query una serie di ipotesi fatte dal motore stesso, su cosa stiamo cercando, consentendo di trovare i risultati ancor prima di aver finito di digitare la parola. Questo dovrebbe portare a un discreto risparmio di tempo nelle ricerche, che a Google stimano dai due ai cinque secondi. Nella prima fase “Instant” sarà disponibile per chi è già registrato ai servizi di Google come Gmail, in Germania, Francia, Spagna, Italia e Regno Unito, mentre negli Usa sarà a disposizione di tutti. Ma avrà una compatibilità limitata alle ultime versioni di Chrome, Explorer, Safari e Firefox.(repubblica.it)