Posts tagged ‘giornata mondiale dell’acqua’

marzo 22, 2011

Nella giornata mondiale dell’acqua: H2Oro, da Zardetto il libro-denuncia sul business dell’oroblu.

Nella giornata mondiale dell’acqua, che cade oggi, la triste considerazione che il prezioso liquido è oramai una merce da cui trarre profitto e non un diritto dell’umanità.

A tracciare il percorso degli affari e compravendita dell’acqua e Alessandro Zardetto autore di H2Oro, libro-inchiesta (Castelvecchi, euro 12,50) sul sistema di privatizzazione dell’acqua. La macchina referendaria è partita. Tra qualche mese, se il Governo fisserà la data, dovremo andare a esprimere il nostro parere attraverso un referendum rispetto alla possibile privatizzazione sei servizi dell’acqua, che dovrebbe per sua natura essere pubblica.

Quello che scrive Zardetto però porta a riflettere rispetto ai presunti benefici che le privatizzazioni dovrebbero portare ai cittadini e senza mezzi termini dice:

L’oro blu in Italia rappresenta uno dei piatti più ghiotti che la politica ha servito sul tavolo dei privati. Malgrado la fortissima pressione dell’opinione pubblica e gli appelli lanciati da più parti, con la legge di riforma dei servizi pubblici, la numero 166 del novembre 2009, meglio conosciuta come “Legge Ronchi”, l’acqua diventa definitivamente una merce. Una privatizzazione celata sotto le mentite spoglie della liberalizzazione del settore idrico che porterà, secondo gli esperti, ricchezza nelle tasche di pochi e rincari in bolletta compresi tra il 30% e il 40% per tutti i consumatori. In assoluta controtendenza rispetto al quadro generale dell’Europa e del mondo in cui molti Paesi, tra cui la Francia e molti Stati del Sudamerica, hanno scelto di tornare alla gestione pubblica dopo anni di disastrosa amministrazione privata del servizio idrico. Un’inchiesta che ricostruisce le tappe della messa in vendita dell’acqua pubblica, dalla legge Galli del 1994 e la nascita del “servizio idrico integrato” all’ultima legge fortemente voluta dal Governo Berlusconi.

marzo 22, 2010

Fico la pensa come noi: acqua pubblica.

  “E’ stato davvero straordinario il successo della manifestazione di sabato a Roma contro la privatizzazione dell’acqua”. Lo ha dichiarato in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, Roberto Fico, candidato alla Presidenza della Regione Campania per il Movimento Cinque Stelle. “A Napoli ed in Campania siamo impegnati, insieme ai Comitati civici, da più di cinque anni contro tutti i progetti di privatizzazione della gestione del servizio idrico. “La posizione del MoVimento Cinque Stelle è molto chiara – ha proseguito Fico – i cittadini non possono consentire che i privati entrino nella gestione dell’acqua per farne profitto. Nei comuni dove ciò è successo ci sono stati aumenti delle bollette anche del 300%. L’acqua è un bene indispensabile alla vita di ognuno di noi e deve rimanere saldamente nel controllo pubblico”. “Con le Leggi attuali l’unico modo per mantenere veramente la gestione pubblica è quello di realizzare un’Azienda Speciale regionale, un ente di diritto pubblico che tenga lontano ogni ipotesi di SPA, anche se a maggioranza pubblica”. “Nei prossimi mesi – ha concluso FICO – continuerà il nostro impegno per promuovere la raccolta firme del referendum per poter abolire l’ attuale normativa nazionale e per riprendere la proposta di legge di iniziativa popolare presentata in parlamento quasi 3 anni fa dai comitati per l’acqua pubblica e da più di 400.000 cittadini. L’acqua è un diritto di tutti non una merce”.