Posts tagged ‘gennaro oliviero’

Maggio 31, 2012

Un grande compagno: Antonio Taglialatela.

 

Antonio TaglialatelaMONDRAGONE. Il Partito Socialista Italiano, attraverso il suo segretario Antonio Taglialatela, già assessore comunale e candidato

interviene in merito al Consiglio Comunale dove alcuni consiglieri comunali, individualmente, hanno deciso di devolvere il loro gettone di presenza in beneficenza e in attività di volontariato proponendo la predisposizione di un preciso ordine del giorno. “Facciamo gli in bocca al lupo al sindaco e alla sua nuova giunta, – afferma Taglialatela – in attesa però di conoscere le Deleghe e le competenze dei suoi Uomini, mettendo da parte pregiudizi e congetture politiche e, tuttavia, non abbandonandoci in inutili elogi di diplomazia ipocrita. Tuttavia, esultiamo nel prendere atto e salutare favorevolmente quanto dichiarato in Assise da diversi consiglieri comunali sulla volontà di rinuncia individuale del gettone di presenza. Il Partito Socialista vuole contribuire alla crescita e alla promozione di politiche sane e concrete di rilancio e di innovazione, facendo la propria parte come forza di opposizione, anche se stando fuori dal palazzo. La proposta avanzata potrà essere accolta prevedendo l’approvazione di un Ordine del Giorno a firma dell’intero Consiglio e con le somme derivanti dai gettoni di presenza e dalla riduzione delle indennità di governo, verrà istituito un nuovo e specifico capitolo di bilancio, correlato alla spesa, con l’obiettivo di aiutare le fasce più deboli della città, un mini welfare cittadino che sia in grado, così, di agevolare la tassazione a tutte quei giovani, studenti, disoccupati, precari e vittime di racket ed usura i quali ogni giorno devono affrontare numerosi sacrifici per far vivere una vita dignitosa alle proprie famiglie”.

 

“Abbiamo un modo di essere e di fare politica differente – conclude Taglialatela – ma non per questo faremo mancare il nostro contributo al dialogo e al confronto propositivo, nel solo interesse della nostra Comunità Cittadina. Faremo in modo di costruire un filo diretto col sindaco e il governo cittadino ci confronteremo con tutte le forze politiche, a partire dalla sinistra e dal centrosinistra, nell’ottica di una possibile crescita e rinnovamento della politica all’interno delle nostre istituzioni. In bocca al lupo…cara Mondragone”.

febbraio 11, 2012

Finalmente qualcosa di sinistra.

Lunedi’ prossimo, nella saletta Conferenze del Gruppo Consiliare Psi, si terra’ la conferenza stampa del Partito Socialista Italiano per ”denunciare pubblicamente le irregolarita’ contenute nella Proposta di Legge regionale 304, che mira a sanare intollerabili abusi edilizi commessi sul territorio campano”. Interverranno, oltre al presedente del Gruppo, Gennaro Oliviero, il consigliere regionale Gennaro Mucciolo ed il segretario regionale del Psi, Fausto Corace. ”Il testo della Proposta di Legge, sulla regolarizzazione degli interventi edilizi, contiene delle incongruenze cosi’ marchiane che, sono certo, fara’ sorridere l’Italia intera e soprattutto la Corte Costituzionale – esordisce il capogruppo regionale del Psi, Oliviero – Leggendo il dispositivo, si nota come vengano scavalcati, ad arte, i vincoli paesaggistici e tutta la normativa in materia urbanistica. Per l’ennesima volta, le nostre bellezze naturali vengono sminuite a vantaggio di interessi manifestamente contra legem. Come forza di opposizione, e’ nostro preciso dovere portare alla pubblica attenzione questo scempio che si vuole perpetrare, a tutto danno delle nostre terre e dei nostri concittadini”.

settembre 7, 2010

Con le pezze al culo……

la federazione napoletana del PSI rischia lo sfratto perchè non ci sono i soldi per pagare l’affitto della sede.

Che fine di merda.

marzo 7, 2010

Che fine ha fatto il partito socialista in Campania?

Dopo le elezioni difficilmente si sentirà parlare di Partito socialista, perchè la politica dissennata messa in atto dal segretario nazionale Nencini, ha provocato la polverizzazione del partito. In Campania i compagni socialisti hanno trovato ospitalità un pò dovunque. Di Lello e Corace dopo aver chiesto ospitalità nelle liste di Caldoro, stando ai bene informati,hanno preferito restare a casa, anche perchè Di Lello, sulla base di un difficilissimo progetto aspira a diventare deputato europeo. Difficile che la cosa si realizzi. Gennaro Oliviero sarà ospite nelle liste di Sinistra e Liberà insieme al consigliere regionale uscente Mucciolo. L’ex senatore Casillo è invece candidato nelle liste del Presidente De Luca, insieme ad alcuni compagni di Avellino, Napoli e Salerno. Il nostro Salvatore Cianciulli appartenete ad una famiglia socialista di Montella dal 1908 corre nelle liste del presidente. Altro compagni fra cui Franco Addeo, già sindaco socialista, corrono nelle liste dei verdi. Non manca chi si è candidato con Caldoro.Insomma un bel casino. Riusciremo dopo le elezioni e ricomporre una parvenza di partito? difficile a dirsi. Molto più semplicemente forse, le scelte elettorali, diventeranno scelte di schiermento. Grazie Nencini sei riuscito a fare quello che nemmeno Boselli era riuscito a concepire. Un bel risultato non c’è che dire.

febbraio 11, 2010

Fratelli coltelli!

Secondo alcune fonti bene informate nell’incontro di ieri 10 febbraio di Sinistra e libertà Campania all’hotel cittadino Ramada, è stato dato il via libera all’accordo per l’appoggio alla candidatura di De Luca a Presidente della Regione Campania.

Fin qui nulla di nuovo, se non la soddisfazione di vedere trionfare in SEL quella linea politica della governabilità, che sembrava essersi smarrita in favore di un’opposizione massimalista, che avrebbe portato il movimento di Sinistra e Libertà all’isolamento e il centrosinistra alla sicura sconfitta.

La novità è rappresentata dal fatto che i socialisti campani, con il cappello in mano, dopo aver fatto di tutto per far fallire l’intesa sottoscritta a Bagnoli, si sono recati a chiedere ospitalità nelle liste di SEL.

Il motivo è semplice: i socialisti se presentassero liste da soli rischierebbero di non eleggere nessun consigliere regionale, nelle liste unitarie potrebbero aspirare anche a due consiglieri.

C’è un problema.  Sel, al di fuori da ogni implicazione ideologica, non vuole rinunciare ad eleggere il proprio consigliere nella circoscrizione di Napoli, che verrebbe messo in discussione se nelle liste fosse presente l’ex Senatore Casillo, che gode dei pronostici della vigilia.

Casillo sembra disponibile a correre da solo con una lista civica, portando con sé una buona fetta del PSI campano. Questo significherebbe la morte  del Partito in Campania più di quanto non lo sia già.

Secondo voci di corridoio Fausto Corace sarebbe disponibile a sacrificare il compagno di partito, ma la trattativa  si è per il momento arenata e le parti si sono prese 24 ore di tempo per decidere.

febbraio 6, 2010

REGIONALI CAMPANIA. IL PSI SOSTIENE VINCENZO DE LUCA

Una delegazione del Partito Socialista Italiano ha incontrato oggi il candidato alla presidenza della Regione Campania Vincenzo De Luca.
All’incontro, tenutosi nella sede napoletana del Psi hanno partecipato il coordinatore della segreteria nazionale del Partito Socialista Marco Di Lello, il segretario regionale Fausto Corace, il capogruppo regionale del Psi Gennaro Oliviero, il vicepresidente del consiglio regionale Gennaro Mucciolo, Tommaso Casillo e Fulvio Bonavitacola del comitato di De Luca.
I socialisti hanno rappresentato le proprie priorita’ programmatiche per una Nuova Regione, come disegnata dal nuovo Statuto: decentramento, politiche del mediterraneo, riforma del comparto turismo, valorizzazione del patrimonio culturale e governo del territorio i temi principali.
All’esito dell’incontro il Psi ha formalizzato il proprio sostegno al candidato De Luca.  
Fimalmente il Psi esce dall’ambiguità, ma forse troppo tardi.
gennaio 9, 2010

I socialisti e le elezioni regionali in Campania.

Il 7 gennaio abbiamo espresso il nostro compiacimento per le dichiarazioni del segretario regionale Fausto Corace che affermava che “Sinistra Ecologia e Libertà può davvero essere un riferimento importante per rinnovare la sinistra italiana”  il nostro compiacimento derivava che dalle dichiarazioni di Corace si intendeva una corsa insieme ai compagni di Sinistra Ecologia e Libertà per le elezioni regionali Campane di marzo. Oggi sembra che Corace stia valutando l’ipotesi di riunire in una sola lista tutti i socialisti della Campania a sostegno di Stefano Caldoro esponente del Nuovo PSI, candidato alla presidenza della regione per il centrodestra.  Al gruppo dei sostenitori di Caldoro si aggregherebbero Gennaro Oliviero,Gennaro Mucciolo, Fausto Corace,Tommaso Casillo.

Ho ancora stima per  i compagni della federazione socialista di Napoli, con i quali a volte ci sono state anche  polemiche  dure, per credere in queste dichiarazioni dell’ultima ora. Il partito socialista fa parte della tradizione storica della sinistra e non può per mera convenienza elettorale spostarsi da una parte che non è mai stata sua e che lo ha sempre visto antagonista. Sarebbe rinnegare mille volte Matteotti, Nenni, Pertini e tutti i padri nobili della tradizione socialista. Significherebbe rinnegare tutti i temi centrali del riformismo per cui si sono  sempre battuti i socialisti e cioè la difesa dei diritti civili, la riduzione delle sperequazioni sociali ed economiche, la laicità dello Stato, la rielaborazione dell’attuale modello di crescita economica in un’ottica di sviluppo sostenibile.Se così non fosse, non ci resterebbe che augurare buon viaggio a chi rinnega sé stesso per un posto in una giunta regionale che porterebbe, in caso di vittoria, la Campania al disastro politico sociale ed economico e la consegnerebbe nelle mani della Camorra.

novembre 20, 2009

Operazione San Gennaro.

Grazie ad un ordine del giorno presentato dal deputato regionale socialista Gennaro Oliviero, riguardante la situazione della ex Eutelia,La Regione Campania si candida a promuovere un tavolo nazionale di crisi con la Conferenza delle Regioni, unitamente alle Regioni Italiane interessate alla vicenda e le organizzazioni sindacali nazionali di categoria, per coinvolgere, assieme al Ministero dello Sviluppo Economico, la Presidenza del Consiglio dei Ministri affinché vengano poste all’ordine del giorno soluzioni condivise a tutela della stabilitá occupazionale, con speciale riferimento agli operai della ex Eutelia.
Ogni tanto qualcuno che ricorda di essere di sinistra.
ottobre 19, 2009

Marco Riccio si dimetta

E’ stato convocato per oggi 19 ottobre 2009 il direttivo delle federazione provinciale del PSI a cui parteciperà il compagno Gennaro Oliviero, dirigente regionale del partito. Sono stati invitati a partecipare direttamente dal Gennaro Oliviero, oltre il sottoscritto, i compagni della sezione di Montella, ma non i compagni Geppino Vetrano né i compagni della sezione Carbone di Avellino, tutti facenti parte del direttivo della federazione e mai convocati negli ultimi sei mesi.
Con dispiacere non parteciperemo alla riunione perché invitare alcuni compagni escludendone altri, manifesta una volontà di divisione che non ci può vedere consenzienti. Inoltre dopo un’attenta riflessione e dopo essermi consultato con i compagni di Montella, Avellino, Vetrano e tutti quelli che fanno riferimento alla rivista “Quaderni socialisti” abbiamo deciso di non partecipare a nessuna riunione del direttivo provinciale fin quando il compagno Marco Ricco non avrà presentato le sue dimissioni da Segretario della Federazione o fino a quando i dirigenti regionali non decideranno di rimuoverlo da un incarico che Riccio ha dimostrato di non meritare.
Quando Riccio è diventato Segretario di Federazione il partito contava seicentocinquanta iscritti, aveva due consiglieri ed un assessore provinciale. Al Comune di Avellino sedevano due consiglieri comunali (Trofa e De Fazio) ed il Presidente del Consiglio Comunale. Nella provincia il partito poteva contare su tre sindaci( Volturara, S.Michele di Serino, Marzano). Alle ultime elezioni provinciali il partito pur subendo una notevole flessione aveva raccolto 16.000 consensi mentre al Comune di Avellino ne aveva raccolti circa 1.300. Oggi il partito in provincia conta centocinquanta iscritti, nessun consigliere comunale, nessun consigliere provinciale ed un solo sindaco (Marzano). Alle recenti elezioni provinciali il PSI non è stato in grado di presentare la lista dei suoi candidati. Il partito non è presente su nessuno dei temi di attualità politica, come la chiusura delle fabbriche in provincia, il precariato nelle scuole, la gravissima crisi dell’Alto Calore. Infine il Compagno Marco Di Lello coordinatore nazionale del Partito più volte richiesto non ha mai voluto ascoltare la voce dell’opposizione, preferendo legittimare chi è stato l’artefice di una sconfitta storica del socialismo irpino.
Ritenendoci liberi di assumere nel prosieguo ogni decisioni dichiariamo la nostra disponibilità a discutere del futuro delle Federazione Irpina solo in presenza di due condizioni irrinunciabili: le dimissioni di Marco Riccio e la presenza del coordinatore nazionale Marco Di Lello.