Posts tagged ‘gay’

luglio 18, 2013

L’Inghilterra è il 15° Paese al mondo, in cui è legale il matrimonio gay. E’ arrivata l’approvazione Della Regina Elisabetta

 

Le nozze gay sono legge nel Regno Unito, dal momento che la regina Elisabetta II ha dato l’approvazione reale necessaria. Ieri sera la legge aveva ottenuto l’ultimo via libera da parte della Camera dei Comuni. Il “royal assent” era comunque considerato una mera formalità, pVisualizza altro

giugno 8, 2013

Bar Rafaeli la fa nel bagno degli uomini.

bar-rafaeli2.jpg La bellissima modella Bar Rafaeli ha deciso di sfruttare la sua immagine per una buona causa, partecipando alla settimana dedicata al gay pride a Tel Aviv.

Per dimostrare il suo sostegno nei confronti della comunità LGBT del suo paese lancia una provocazione e pubblica su Instagram uno scatto da “irriverente intrusa” nel bagno degli uomini. In piedi davanti all’orinatoio, alla maniera dei maschi Bar scrive: “Gay, lesbiche, bisessuali, transgender tutti uguali.” La foto riceve subito consensi, mentre tra le strade di Tel Aviv hanno manifestato decine di migliaia di persone per il proprio orgoglio sessuale.

febbraio 3, 2013

Oui.

francia-gay-matrimoni-de-la-croix-il-manifesto

 

Sì della Francia alle nozze gay. La vignetta oggi in prima de il manifesto.

dicembre 14, 2012

Papa benedice promotrice legge che prevede pena di morte per gay in Uganda. Sono cattolico, ma quest’uomo mi fa orrore.

Una legge contro l’omosessualità  – da approvare – che tra le ipotesi prevede la pena di morte. Succede in Uganda, uno dei 37 paesi nel mondo che considerano nel loro codice penale l’essere gay un reato. Il presidente del parlamento ugandese, Rebecca Kadaga, lo scorso 12 novembre aveva annunciato che questa norma sarebbe stata un ”regalo di Natale” per tutti gli ugandesi anti gay. La signora, come si legge sul sito del parlamento del paese africano, è stata ricevuta e benedetta ieri dal Papa che oggi, nel suo messaggio per la Giornata mondiale della pace, ha definito i tentativi di accomunare i matrimoni gay a quelli fra uomo e donna “un’offesa contro la verità della persona umana” e “una ferita grave inflitta alla giustizia e alla pace”. Nella foto si vede Benedetto XVI accanto alla speaker.

luglio 12, 2012

Il manuale per carabinieri che definisce gli omosessuali dei «degenerati».

Un buon maresciallo aiutante dei carabinieri deve saper compilare in modo impeccabile il cartellino biografico «Mod OP/46» dei «soggetti di interesse operativo», vale a dire delinquenti abituali o professionali, chi è agli arresti domiciliari o è sottoposto a misure di prevenzione, eversori, persone appartenenti alla criminalità organizzata o socialmente pericolose. Tra le cose da annotare nel «cartellino» – notizie sulla identità e sulla personalità, abitudini, carattere, malattie fisiche e mentali, condotta durante il servizio militare – ci sono le «degenerazioni sessuali», perché «l’istinto sessuale prende parte molto attiva nella formazione del carattere e nello sviluppo delle attività individuali». E, per essere precisi, le principali degenerazioni sessuali sono «l’omosessualità, l’esibizionismo, il feticismo, il sadismo, il masochismo, l’incestuosità, la necrofilia, la bestialità (o zoofilia)» (GUARDA IL TESTO).

Così è scritto nella dispensa di 585 pagine della Scuola marescialli e brigadieri dei carabinieri intitolato «Sinossi per la preparazione al concorso per l’avanzamento a scelta per esami al grado di maresciallo aiutante s. Ups». Datato dicembre 2011 e approvato dal comandante colonnello Pasquale Santoro, il manuale è stato scaricato dall’Intranet dell’Arma dai candidati al concorso nazionale che si è svolto il 25 giugno a Padova nei padiglioni della Fiera di via Tommaseo.

luglio 3, 2012

la Lega è anche questo!

IL CONSIGLIERE REGIONALE DELLA LEGA IN VENETO: “I GAY? SONO MALATI, SE LI VEDO BACIARSI, SPUTO IN TERRA. CHE SCHIFEZZA”
VENEZIA – «I gay? purtroppo esistono, sono malati, diversi»: parola del consigliere regionale veneto della Lega Santino Bozza. Concetti espressi con uso di immagini che non lasciano nulla al caso e che hanno fatto fare un salto sulla sedia in casa Carroccio.

giugno 18, 2012

Tutta colpa di sant’Antonio.

 

[Clicca per ingrandire – Via – Leggi l’articolo: “Omelia choc: attacco agli omosessuali e pugni contro la statua di Sant’antonio”]

aprile 21, 2012

Parola d’ordine: odiare i gay.

The American Catholic nuns got a slap across the knuckle from the Pope’s ruler this week, when the Vatican told them that they are doing too much to help the poor and not enough to support the wars on women and on the LGBT community.

In an assessment issued Wednesday, the Vatican complained of “serious doctrinal problems” and assigned a babysitter Bishop to oversee the nuns.

The nuns, in daring to serve the people instead of hating the gays are being accused of “radical feminist themes incompatible with the Catholic faith.” From the New York Times:

The sisters were also reprimanded for making public statements that “disagree with or challenge the bishops, who are the church’s authentic teachers of faith and morals.” During the debate over the health care overhaul in 2010, American bishops came out in opposition to the health plan, but dozens of sisters, many of whom belong to the Leadership Conference, signed a statement supporting it — support that provided crucial cover for the Obama administration in the battle over health care.

gennaio 11, 2012

La normalità è un concetto relativo.

Bruno, Scilipoti, Pontifex e i gay. Facilissima. Dopo Berlusconi il grande ritorno del faidatè della satira

maggio 6, 2011

La coppia gay che ha adottato dodici bambini.

Roger e Steven vivono in Arizona: i ragazzi li chiamano “Daddy” e “Papa”

Per molte coppie un bambino è sufficiente. C’è chi ne vuole due. Roger e Steve Ham hanno deciso di fare le cose in grande e ne hanno adottati ben dodici. D’altronde, con una casa da 3mila metri quadrati, lo spazio c’era in abbondanza. E, dicono loro, sarebbe stato un peccato sprecarlo.

ARIZONA E ADOZIONI – Ne parla il Daily Mail, riprendendo storia e foto da Azcentral.com: in Arizona è impossibile per gli omosessuali adottare bambini, ed è stato approvato il divieto di matrimoni omosessuali con il 56% dei voti. E anche di recente è stata approvata una legge che dà preferenza di adozione alle famiglie rispetto ai single. Ci sono voluti dieci anni, qualche mal di cuore, un sacco di amore e la decisione di non accettare un no come risposta per raccogliere l’improbabile gruppo intorno a un tavolo enorme in attesa di mangiare gli spaghetti, dice l’Atlantic. Steven e Roger Ham volevo una famiglia. E ciascuno dei loro figli e le figlie era alla disperata ricerca di una famiglia. Ma riunirli non è stato facile. “Abbiamo dovuto lottare per ottenerla”, dicono Roger e Steven. L’ironia della situazione è questa: i due avevano progettato di adottare un solo bambino.  Entrambi sono cresciuti in famiglie numerose, Steven era il più piccolo di 14 figli e Roger di 12. Si sono incontrati in un bar di Reno, in cui Rogerlavorava e Steven un cliente abituale.  Si sono innamorati al loro primo appuntamento, nel 1993 per vedere il Cirque du Soleil, ed erano insieme oda tto anni quando hanno deciso che volevano un figlio. La loro casa di 3.000 metri quadrati sembrava troppo grande per due soli di essi.