Posts tagged ‘frutti di bosco’

ottobre 1, 2013

Ministero Salute,consumare frutti bosco surgelati solo cotti.

mirtilli mirtilli

”Si raccomanda di consumare i frutti di bosco surgelati solo ed esclusivamente previa cottura”. La raccomandazione arriva dal ministero della Salute dopo che, da gennaio 2013, si è assistito ad un importante incremento del numero dei casi umani di epatite A, rispetto a quello atteso nello stesso periodo degli anni precedenti, soprattutto nelle Regioni del centro-nord Italia.

Nonostante ”siano state adottate tutte le misure di prevenzione e controllo per questa epidemia di casi di epatite virale A, e si sia osservata negli ultimi mesi una tendenza alla diminuzione delle segnalazioni – sottolinea il ministero in una nota – recentemente sono stati notificati diversi nuovi casi in soggetti che hanno riferito il consumo di frutti di bosco misti surgelati non cotti”. Il virus dell’epatite A, spiega il dicastero, ”sopravvive a basse temperature, ma viene rapidamente inattivato dal calore. Per esempio, facendo bollire i frutti di bosco per almeno 2 minuti viene garantita la salubrità dell’alimento”. Il ministero raccomanda inoltre di consumare i frutti di bosco freschi ed ogni altra frutta o verdura cruda ”solo dopo un accurato lavaggio”.

agosto 20, 2013

Attenti ai frutti di bosco.

Trovato il virus nei prodotti di 10 aziende italiane. La procura di Torino apre un fascicolo.

Frutti di bosco all’epatite. I sospetti del pm Guariniello, che aveva avviato l’indagine, sono stati confermati: dalle analisi è emerso che nelle confezioni di frutti surgelati provenienti da 10 aziende alimentari italiane è stato trovato il virus dell’epatite A.
Il pm torinese si era mosso dopo l’allarme lanciato alcune settimane fa dal ministero della Salute, disponendo il prelievo di alimenti campione in diversi negozi e supermercati della provincia di Torino per le analisi del caso.
I timori sono stati confermati, e ora la procura ha aperto un fascicolo per l’ipotesi di reato di commercializzazione di prodotti alimentari pericolosi, provvedendo contemporaneamente a identificare i responsabili che saranno indagati.
I frutti incriminati provengono tutti da Serbia, Ucraina, Bulgaria, Polonia, Romania e dal Canada e sono stati successivamente confezionati a Padova, Pavia, Ferrara, Parma e Cuneo.
L’epidemia di epatite A che ha fatto scattare l’allarme è scoppiata soprattutto nel Nord Europa, dove il consumo di frutti di bosco surgelati è notevolmente più alto che in Italia: secondo gli esperti dell’Unione europea che sono stati interpellati il problema potrebbe derivare dall’impiego di acqua non potabile durante il lavaggio del prodotto prima del confezionamento.
Nel nostro Paese, i dati periodici dei rilevamenti del sistema epidemiologico integrato dell’epatite virale acuta dell’Istituto superiore di Sanità segnalano 502 casi di epatite A da fine maggio al 3 luglio, con un aumento del 70% sull’anno e del 264% sulla media degli ultimi tre anni.

aprile 12, 2010

Frutti di bosco per curare rughe e circolazione venosa

Niente di meglio dei frutti di bosco per ringiovanire. Contrastano le rughe, hanno un potere anti-invecchiamento e proteggono la pelle dai raggi Uva.
Il mirtillo, è ottimo per la circolazione venosa, alle gambe e alla vista. E’ ricco di vitamine, astringente, antidiarroico e antisettico. La medicina popolare insegna inoltre che il decotto di mirtillo serve per eliminare i punti neri dal viso.
Poco conosciuto, ma molto salutare è il frutto del corbezzolo, pianta tipica delle regioni costiere mediterranee, viene infatti consigliato per curare le cistiti, come antinfiammatorio, astringente, diuretico e depurativo. Può essere conservato sotto spirito e utilizzato per preparare confetture e bevande.
Le bacche di ginepro, invece, non servono solo per aromatizzare carni e arrosti: contengono infatti un olio balsamico digestivo, disinfettante e diuretico.
Contro la gotta e per chi soffre di ritenzione idrica arriva in soccorso il lampone.
Se invece vento e pioggia mettono a dura prova la gola, la mora è il frutto giusto. Il suo potere lenitivo cura le tonsille ma anche le gengive infiammate. È ricca di vitamina C ed E e di acidi organici, se ben maturi i frutti hanno anche un leggero potere lassativo. Le foglie, sotto forma di decotto, servono a curare le infiammazioni della pelle e le emorroidi. (takareblog)