Posts tagged ‘Francia’

giugno 9, 2013

Francia: l’estrema destra incita al golpe.

 

Marco Santopadre – Dopo l’assassinio da parte di alcuni fascisti di uno studente universitario di sinistra a Parigi, è allarme in Francia per l’invito rivolto da una rivista dell’estrema destra all’esercito affinché rovesci il governo di Hollande.

Un sito francese di estrema destra esorta al golpe militare, rivolgendosi al “grande scontento” fraVisualizza altro

maggio 29, 2013

Ile de France.

maggio 22, 2013

Davvero i tedeschi sono i più poveri d’Europa?

resizer

Una lettura approssimativa dei dati dell’indagine sui bilanci delle famiglie dell’Eurozona ha portato a conclusioni clamorose: le famiglie tedesche sono più povere di quelle dei paesi mediterranei. È proprio così? Struttura del nucleo familiare, casa di proprietà e disuguaglianza della ricchezza.

di Giovanni D’Alessio, Romina Gambacorta, Giuseppe Ilardi* da lavoce.info

Continua a leggere »

maggio 14, 2013

Sono esseri umani, non spazzatura.

aprile 24, 2013

Sesso orale.

In Francia, il sì definitivo a nozze e adozioni da parte di coppie dello stesso sesso. In Italia, nelle stesse ore, questo.

 

 

– grazie a Francesca e Zeropregi
aprile 15, 2013

Figura di merda internazionale.

Subito una legge sulla moralizzazione della vita pubblica affinché la Francia non diventi “come l’Italia di Berlusconi”, equiparata a sommo esempio di populismo. A prendere il nostro Paese come termine di paragone estremamente negativo è, questa volta, il segretario del Partito socialista francese Harlem Desir. Stamattina il segretario ha detto che il progetto di legge sulla moralizzazione della vita pubblica e la pubblicazione del patrimonio dei ministri è “necessario”, aggiungendo di non volere che “la Francia diventi l’Italia di Berlusconi”.

aprile 12, 2013

Il vero “contagio” è quello dell’austerità.

money

di Carlo Clericetti, da Repubblica.it

Adesso avremo anche la fama di appestati, visto che la Commissione Ue scrive che la nostra crisi rischia di contagiare il resto d’Europa? Ma contagiare chi, visto che – sempre secondo la Commissione – la lista dei malati è ben più lunga di quella dei paesi “sani”? L’elenco di chi ha squilibri definiti “seri” comprende, oltre a noi, Belgio, Bulgaria, Danimarca, Francia, Malta, Ungheria, Olanda, Finlandia, Svezia, Regno Unito. Già, anche l’Olanda, sempre pronta a rimbrottare gli spreconi mediterranei, anche la virtuosa Finlandia col braccino corto quando si tratta di finanziare strumenti comunitari anti-crisi. Per altri due, Spagna e Slovenia, gli squilibri sono definiti “eccessivi”, cioè stanno anche peggio. E poi ci sono quelli che hanno già dovuto chiedere aiuti, Grecia, Irlanda, Portogallo, Cipro.

Continua a leggere »

aprile 9, 2013

Krugman: “Quali sarebbero i meriti della Thatcher?”

308979-margaret-thatcher-ronald-regan

di Paul Krugman

Ci saranno presumibilmente molti commenti su Margaret Thatcher nel corso dei prossimi giorni, anche se probabilmente non come il “Reagasm” [gioco di parole tra “Reagan” e “orgasm”, ndt] del 2004. E ci saranno, in particolare, molte affermazioni circa il fatto che la Thatcher ha trasformato la moribonda economia britannica. Ma è giusto?

Continua a leggere »

aprile 8, 2013

Quel che “lavoce.info” non dice.

Fa sempre piacere vedere un sito web importante come “lavoce.info” divulgare i dati su cui da anni gli economisti critici verso l’euro basano le proprie analisi.
Nell’articolo “L’Europa disunita di salari e produttività” di Cristina Tealdi e Davide Ticchi vengono mostrati gli andamenti dell’inflazione, della produttività, dei salari e del costo del lavoro per unità di prodotto, i cui differenziali hanno non poco contribuito all’indebitamento con l’estero dei paesi mediterranei (e della Francia).

Continua a leggere »

marzo 10, 2013

Sospeso in Francia il farmaco Diane 35.

Il farmaco aumenterebbe il rischio di trombosi ed embolie polmonari. In Italia resta in commercio Allarme in Francia per una nota e diffusa pillola anticoncezionale. L’Agenzia nazionale della sicurezza dei farmaci, Ansm, ha deciso di sospendere entro tre mesi la vendita del farmaco Diane 35, nato per il trattamento dell’acne, ma spesso usato per i suoi effetti contraccettivi. A causare la decisione dell’agenzia, la morte sospetta di almeno quattro donne dalla sua commercializzazione, nel 1987, a oggi. Ma le morti legate ai confetti Diane potrebbero essere molte di più. 

La pillola aumenterebbe il rischio di trombosi ed embolie polmonari. Il direttore generale dell’Ansm Dominique Maraninchi ha spiegato: “In 25 anni sarebbero 125 i casi di decesso per trombosi venosa causata dall’utilizzo della pillola o dei suoi generici. Nello specifico in quattro casi l’insorgere della trombosi parrebbe essere stata causata senza ombra di dubbio dalla pillola in questione”. 

“La procedura di sospensione del farmaco – ha proseguito il direttore dell’Ansm – durerà tre mesi durante i quali le donne che assumono tale pillola non devono smettere di prenderla repentinamente. Sono piuttosto invitate a consultare i loro medici generici che comunque non potranno più prescrivere Diane 35. Tutti gli stock saranno infatti, ritirati dal commercio”. 

La Bayer, il colosso farmaceutico che produce la pillola messa all’indice, si difende sottolineando come il rischio ddi trombi sanguigni legati alla sua assunzione è “conosciuto e chiaramente indicato nel foglietto illustrativo” e che il trattamento non doveva essere prescritto in casi diversi dall’acne e sempre “nel rispetto di eventuali controindicazioni”.