Posts tagged ‘francesco de gregori’

giugno 25, 2012

Questa è l’Italia che ci piace.

Rimasto senza lavoro, e con moglie e due figli piccoli a carico, ha compiuto un furto in un supermercato alle porte di Siena. Il proprietario del market, però, lo ha scoperto e ha chiamato la polizia, chiarendo di non volerlo denunciare. A quel punto, gli agenti hanno pagato di tasca loro lo stretto necessario della spesa rubata: pasta, latte, pannolini e omogeneizzati.

Il «ladro» ha 27 anni, è egiziano ed è regolare in Italia. Insieme al fratello di 19 anni ha tentato di rubare beni di prima necessità, ma quando i due, per la seconda volta, sono entrati e usciti con le buste di merce, sono stati notati dal personale del market. Il titolare ha chiamato la polizia ma non ha sporto denuncia, spiegando di aver richiesto l’intervento degli agenti solo per chiarire la situazione. I poliziotti delle volanti della questura di Siena, una volta apprese le condizioni dello straniero, che aveva con sè oltre alla pasta e al latte alcuni pacchi di pannolini e degli omogeneizzati, hanno deciso di offrire la spesa. La questura ha poi attivato anche i servizi sociali.

giugno 2, 2012

Viva l’Italia.

gennaio 8, 2012

Benvenuto raggio di sole – Francesco De gregori.

Oggi è una bella giornata di sole. Fa freddo e mia moglie sta preparando la pasta fatta a mano. Ho acceso il caminetto, fra poco preparo un pò di lavoro per domani. Che c’è di meglio di una domenica così?

ottobre 29, 2011

Francesco De Gregori – “Sempre e per sempre”

Di lui hanno detto di tutto: impegnato, disimpegnato, ermetico, riservato, burbero, scorbutico, anticonformista a tutti i costi, poeta. Senza dubbio è stato uno degli artefici del cambiamento “tecnico” della canzone d’autore, abituatata da sempre ad ascoltare brani che cominciavano con “cuore” e finivano con “amore”. “Sempre e per sempre”, è come  un antidoto ai mali denunciati nel corso dell’intero disco di cui fa parte.

ottobre 19, 2011

Raggio di sole di Francesco De Gregori.

Un raggio di sole è proprio quello che ci vorrebbe!

ottobre 18, 2011

Francesco De Gregori – Dolce signora che bruci – Buongiorno compagni.

Theorius Campus è un album pubblicato nel 1972 dalla It, attribuito ai Theorius Campus. Non si tratta di un gruppo, come potrebbe sembrare ad un primo approccio, ma di un duo formato da Francesco De Gregori e Antonello Venditti.

Come ha spiegato De Gregori, il titolo dell’album non ha nessun senso, è un nome inventato.[1]

Da questo album la It trasse un 45 giri contenente due brani di Venditti, Ciao uomo e Roma capoccia (sul lato B); Ciao uomo viene anche proposta alla Mostra Internazionale di Musica Leggera di Venezia, vincendo la Gondola d’argento, ed il testo racconta la storia di un viaggio spaziale attraverso il dialogo tra il capitano dell’astronave e un astronauta (“Signor capitano qual è la rotta, qual è il destino del nostro viaggio?”), su un accompagnamento di pianoforte basato sulla ripetizione di tre note.

Sarà però Roma capoccia la canzone che diverrà più nota negli anni seguenti, tanto che l’album sarà ristampato alcuni anni dopo proprio con il titolo della canzone.

maggio 10, 2011

Lucio Dalla (e 3000 manifestanti) contro le trivellazioni alle Tremiti.

Lucio Dalla a TermoliLucio Dalla si impegna in prima persona contro le trivellazioni a 25 km dalle isole Tremiti e ha partecipato con altre 3000 persone alla manifestazione che si è tenuta al porto di Termoli sabato 7 maggio.

Ha detto Dalla:

E’ una follia: stanno uccidendo il mare. Mai avrei pensato di trovarmi di fronte a gente che preferisce trivellare piuttosto che salvaguardare questo straordinario paesaggio.

Ma le proteste contro le trivellazioni che ricercheranno la presenza di petrolio sul fondo dell’Adriatico proseguono e Onofrio Introna, presidente del Consiglio regionale della Puglia fa sapere che assieme ai comuni di Abruzzo e Molise, presenterà ricorso al Tar. Infine Dalla ha annunciato che una nuova manifestazione, ma questa volta sarà un concerto, è prevista a Termoli per il pprossimo 30 maggio e con lui sul palco anche Francesco De Gregori.

gennaio 21, 2011

Santanchè ha il cellulare del capo.

Annozero, De Gregorio: “Una persona che lei definisce pazza, pericolosa e paranoica ha il numero privato del Presidente”.

Santanchè: “Ce l’ho anch’io”.

Appunto!

marzo 24, 2010

Buonanotte compagni.

E’ un album del 1976. La copertina del disco è un ritratto di Gil Elvgren dal titolo Aiming to Please, preso da una rivista statunitense del 1948; De Gregori avrebbe voluto in origine la stampa a puntasecca American Riding Act (1922) di Otto Dix[1] dalla quale aveva preso ispirazione per la title track, ma dovette rinunciarvi per questioni di diritto d’autore.[2]

Per il pezzo Bufalo Bill De Gregori ha citato anche come ispirazione il film La ballata di Cable Hogue di Sam Peckinpah, dal quale ha tratto la figura del «personaggio del West al tramonto che viene schiacciato dalla prima automobile», quest’ultima simboleggiata nel brano dal personaggio di «Culo di Gomma famoso meccanico».[3] 

tre giorni compagni.

marzo 19, 2010

APPELLO MANIFESTO “SAVE THE SCHOOL”

(La mia duplice coscienza di giornalista e Dirigente Scolastico mi induce a prendere questa iniziativa)

 SI INVITANO  tutti i  cittadini italiani che hanno a cuore le sorti della scuola pubblica e laica a contribuire con un loro pensiero alla compilazione di un manifesto per la salvezza del sistema formazione nel nostro Paese.

SI SOLLECITANO tutte le “anime belle” che circolano in silenzio a farsi sentire, a manifestare il proprio pensiero.

SI INVOCA il sussulto di tutte le coscienze degli operatori, passati, presenti e futuri del mondo della scuola ad esprimere un pensiero di condivisione dello scopo.

SI STIMOLANO i nostri politici, di qualsiasi schieramento, a far chiarezza sulle finalità che perseguono, circa il progetto politico di medio e lungo termine che informa il loro agire.

SI CHIAMANO IN CAUSA  i sindacati per un’iniziativa congiunta di “assunzione di responsabilità” per il pregresso, ma soprattutto per il presente e futuro.

SI FA APPELLO  alle Associazioni dei genitori, che tanto possono ai fini della divulgazione del “messaggio di salvezza”, perché non siano vittime di strumentalizzazioni e facciano valere le proprie legittime aspettative.

SI COINVOLGE il mondo dell’informazione, i colleghi giornalisti, perché mostrino una particolare attenzione agli appelli provenienti dagli operatori, dai dirigenti, dai docenti, dall’utenza dal mondo della scuola.

SI CHIEDE a tutta l’”intellighentia nazionale”, ma anche a tutti i professionisti che  hanno dedicato la loro vita a questa nobile professione , dal premio nobel all’ultimo docente inserito nell’ultima graduatoria dell’ultima fascia, a lasciare un segno della propria presenza, un pensiero, un monito.

Maria Grazia Cianciulli, Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo “ Paolo Borsellino” di Santa  Maria del Cedro (CS) Giornalista.