Posts tagged ‘fotovoltaico’

ottobre 21, 2012

L’energia solare è contagiosa, i tetti dei vicini sono sempre più verdi.

solare sui tetti

L’energia solare è contagiosa…no, non come una malattia: come la positività. Se il tetto del nostro vicino è sempre più verde grazie ai pannelli fotovoltaici e termici, anche noi saremo più propensi ad installarli. Lo rivela uno studio curioso condotto dai ricercatori della Yale University in collaborazione con i colleghi della New York University.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Marketing Science, ha preso in esame gli impianti solari installati in tutta la California dal gennaio del 2001 al dicembre del 2011 e ha scoperto che i residenti di una determinata area sono più propensi ad installare pannelli solari, se esistono già altre abitazioni con tetti fotovoltaici sulla stessa strada.

Continua a leggere: L’energia solare è contagiosa, i tetti dei vicini sono sempre più verdi

ottobre 16, 2012

Sharp lancia i pannelli trasparenti.

Sharp lancia i pannelli solari 'trasparenti' Sharp lancia i pannelli solari ‘trasparenti’

ROMA – La Sharp ha annunciato l’entrata in produzione di pannelli fotovoltaici ‘trasparenti’, utilizzabili per i balconi e persino come finestre di edifici e grattacieli fatti fondamentalmente di vetro laminato infuso con celle fotovoltaiche immerse al suo interno.

Si tratta di pannelli con un’efficienza di conversione energetica piuttosto bassa (il 6,8%, per un massimo di 95 Watt) se paragonata alla media attuale (dal 10% al 20%), ma la loro caratteristica principale e’ proprio la capacita’ di lasciar passare parte della luce.

settembre 30, 2012

di Daniela Palma e Guido Iodice, da Greenreport.it

Tempi duri per l’Europa. E non soltanto per la crisi economica che giorno dopo giorno appare sempre più simile ad un bollettino di guerra, ma anche per la difficoltà con cui i suoi governanti riescono a divenire pienamente coscienti dei profondi cambiamenti strutturali che stanno attraversando l’economia mondiale. E’ del tutto emblematico in questo senso l’annuncio da parte dell’UE il 6 settembre scorso di voler procedere ad una inchiesta sulla presunta concorrenza sleale dei produttori di pannelli solari di Pechino ponendo le premesse per una guerra commerciale. Ma ancora più emblematica è la reazione del portavoce del ministero del Commercio cinese, Shen Danyang che ha prontamente fatto rimbalzare al mittente l’attacco con tipico tratto di saggezza asiatica, dichiarando il “profondo rammarico” del suo governo ma aggiungendo anche che “le barriere per i prodotti cinesi non minerebbero soltanto gli interessi dell’industria cinese ed europea, ma indebolirebbero lo sviluppo globale del settore del solare e delle energie pulite”.

Continua a leggere »

agosto 25, 2012

Mentre in Italia tolgono gli inventivi, il Giappone raddoppia.

Orix, una societa’ finanziaria giapponese, sta pianificando la realizzazione di impianti fotovoltaici per 200 MW nei prossimi tre anni in Giappone per un investimento complessivo di 54 miliardi di yuan (circa 548 milioni di euro). A riferirlo l’agenzia Bloomberg.

La societa’ giapponese investira’ 30 miliardi di yaun per la costruzione di impianti a terra che produrranno 100 MW mentre i rimanenti 24 miliardi di yaun saranno destinati a impianti fotovoltaici su tetti di fabbriche e magazzini per altri 100 MW.

L’iniziativa arriva all’indomani del programma di incentivi decisi dal Governo a luglio che prevede un rimborso di 42 yen per kilowatt/ora per i prossimi 20 anni circa il triplo del costo pagato attualmente per usi industriali che potrebbe indurre la Orix a un ulteriore investimento 100 miliardi di yuan (poco piu’ di un miliardo di euro), per arrivare a sviluppare una potenza fotovoltaica globale di circa 400 megawatt.

luglio 26, 2012

Il fotovoltaico trasparente.

L’Università della California ha sperimentato con successo una nuova tecnologia: la cella fotovoltaica trasparente, una novità assoluta nel panorama del mondo delle energie rinnovabili. Si tratta di un nuovo sistema molto interessante che potrebbe essere applicabile alle superfici quali per esempio le finestre: tale soluzione potrebbe dunque permettere alle superfici vetrate di un edificio di diventare dei veri e propri generatori di elettricità.

Come riporta ampiamente il sito di Science Daily il dispositivo è costituito da polimeri capaci di assorbire la parte di luce infrarossa e quindi essere praticamente trasparenti all’occhio umano. La grande novità, oltre all’applicazione su superfici trasparenti, è anche rappresentata dal fatto che si tratta di celle costituite da materiali plastici producibili quindi in grandi volumi e soprattutto a basso costo. Le celle possiedono un conduttore (trasparente) composto da nanotubuli in argento e in diossido di titanio, in grado di rimpiazzare gli elettrodi in metallo tradizionalmente utilizzati.

L’efficienza energetica è intorno al 4%, non sicuramente altissima, ma neppure tanto bassa da non giustificarne nel breve periodo una commercializzazione; infatti se realmente, come indicano i responsabili dell’Università americana, i costi di produzione dovessero davvero essere bassi si tratterebbe di una tecnologia estremamente interessante capace di prestarsi a numerose applicazioni.

luglio 23, 2012

Incentivi Capacity payment per sostenere le energie da fossili.

Le rinnovabili sono troppo efficaci e producono tanta energia e a basso prezzo e dunque non resta che incentivare anche le energie fossili. E’ questo il succo del capacity payment, non altro che un incentivo che gli utenti finanziano in bolletta elettrica e stanziato attraverso un emendamento al recente Decreto sviluppo votato da PD, FLI, Lega Nord Padania. In pratica è l’aiutino concesso a quelle centrali termoelettriche per l’energia che potrebbe produrre in caso di necessità, ovvero quella che potrebbero produrre qualora le energie rinnovabili (a causa di poco sole, o vento o per guasti tecnici ad esempio) potrebbero non essere in grado di produrre. Sarà l’AEEG a gestire il meccanismo.

La preoccupazione è che la concorrenza del fotovoltaico dopo aver di fatto messo in chiusura la centrale elettrica di Milazzo e quella di Brindisi ne porti al fermo anche altre.

Continua a leggere: Incentivi Capacity payment per sostenere le energie da fossili

luglio 10, 2012

Fotovoltaico: approvato il V Conto energia.

 

Confindustria Sicilia e ANIE-GIFI sono sul piede di guerra e ne stanno discutendo al convegno “Il Fotovoltaico nello scenario energetico nazionale: quale futuro?” a Palermo proprio in queste ore. Dopo il salto la registrazione dello streaming, approntata dal buon Peppe Croce. Ma perché se ne discute in Sicilia se la decisione di stroncare gli incentivi al fotovoltaico è nata nei misteri romani?

La risposta è semplice: la Sicilia ha un serbatoio di sole immenso e produce tantissima energia con pochi impianti fotovoltaici. Qualche dato? Li fornisce Gifi che scrive:

Rispetto al 2010 l’incremento percentuale è stato rispettivamente del 178% e del 557% anche se in termini assoluti le quote di impianti e di potenza sono nettamente inferiori a quelle di altre regioni italiane (Lombardia e Veneto) che hanno una insolazione nettamente inferiore.Grazie a questo boom tra le ore 13 e le 14 di Pasquetta 2012, Terna ha registrato che il 94% dell’energia prodotta in Sicilia è arrivata dalle rinnovabili e si è attestata sul 60% come media della giornata. Il prezzo dell’energia in Sicilia, nel momento di picco, era pari a 0.

Si parla di energia a costo 0. Ma adiamo avanti: il 40% della benzina nazionale viene raffinata in Sicilia e da li passa il gasdotto che parte dalla Libia. Insomma se nel Continente c’è energia questa la dobbiamo alla Sicilia. Le accise sui carburanti però vanno a Roma e che pure toglie alle aziende siciliane gli incentivi al fotovoltaico. Una qualche ragione per essere sulla difensiva ce l’avranno, sembra.

Continua a leggere: Fotovoltaico: approvato il V Conto energia. GIFI/Anie fa il punto a Palermo

luglio 7, 2012

Rinnovabili: via registro piccoli impianti.

ROMA – Per gli impianti fotovoltaici di potenza fino a 20 Kw non sara’ piu’ necessaria l’iscrizione al registro per ricevere gli incentivi. E’ una delle novita’ contenute nel quinto conto energia, il decreto che regola l’incentivazione agli impianti fotovoltaici, firmato oggi dai ministri degll’Ambiente e dello Sviluppo, secondo quanto ha annunciato Tullio Fanelli, sottosegretario al ministero dell’Ambiente, al Workshop Safe a Roma.

Accogliendo i rilievi avanzati dalla Conferenza Stato-Regioni, la soglia per l’iscrizione obbligatoria al registro e’ stata alzata a 20 Kw, rispetto ai precedenti 12 Kw.

”Per gli impianti di potenza compresa tra i 12 e i 20 kw – ha spiegato Fanelli – non sara’ necessaria alcuna iscrizione, a fronte pero’ di un abbassamento del livello degli incentivi”.

luglio 6, 2012

Fotovoltaico, appello dell’IFI a Clini per il V Conto energia.

fotovoltaico

L’IFI, Industrie Fotovoltaiche italiane lancia un appello al ministro Corrado Clini affinché siano resi noti al più presto gli incentivi del V Conto energia. Il ritardo nella sua approvazione, secondo quanto riferito dallo stesso Clini, sarebbe dovuto a una serie di chiarimenti tutt’ora in atto con il ministero dello Sviluppo.

L’urgenza invocata da Alessandro Cremonesi, presidente IFI è dovuta all’assottigliarsi del gruzzolo da 6 miliardi di euro fonte dell’erogazione degli attuali incentivi. Il GSE, attraverso il suo contatore puntualmente conferma. E se appare evidente che i nuovi parametri dovranno essere fissati entro il prossimo 1° settembre risultano oscuri, però i valori: insomma su quanti euro in incentivi potranno contare i produttori di energia da fotovoltaico? La domanda ovviamente versa nell’incertezza i mercati tanto che Cremonesi dichiara:

La priorità per gli operatori industriali nazionali è che venga confermata la premialità del Made In negli stessi valori economici. 3 centesimi di euro a kWh- già proposti dalla Conferenza unificata in data 6 giugno 2012 cumulabili con quelli di egual importo dedicati allo smaltimento dell’amianto. A tal fine siamo disposti a rinunciare all’innalzamento della soglia dai 12 ai 20 kw per l’accesso al Registro e alla “sanatoria”che vedrebbe gli impianti non entrati ancora in esercizio beneficiare delle tariffe del IV conto.

Continua a leggere: Fotovoltaico, appello dell’IFI a Clini per il V Conto energia

giugno 4, 2012

L’America mette i dazi doganali sui pannelli solari di fabbricazione cinese.

pannelli solari interna nuova

Il 17 maggio scorso il Dipartimento di Stato americano ha deciso di imporre dazi alle importazioni di pannelli solari prodotti in Cina. La ragione: Pechino inonda di sussidi i propri produttori che possono mettere sul mercato i pannelli a prezzi stracciati, causando la crisi della produzione americana. Gli Stati Uniti hanno dichiarato che imporranno tariffe di circa il 31 per cento su sessanta esportatori cinesi di pannelli solari accusati di dumping, tra cui Wuxi Suntech e Trina Solar. Altri produttori si troveranno ad affrontare tariffe di poco inferiori al 250 per cento.

Gli Usa difendono i loro prodotti, ma in realtà, secondo molti analisti di settore, la decisione porterà ad effetti negativi per tutti. Aumenteranno i costi, retrocederà l’industria del solare, a vantaggio di chi ancora campa di energia fossile. La nuova ‘guerra solare’ ha origini lontane. C’è un problema di fondo, di natura storica, collegato al protocollo di Kyoto e all’obiettivo delle riduzioni di CO2: i sussidi infatti non sono stati solo cinesi, ma vedono anche un impegno molto forte dell’Unione Europea.