Posts tagged ‘fonti energetiche’

settembre 10, 2013

In Italia le fonti elettriche rinnovabili hanno prodotto oltre un terzo dell’energia nei primi 8 mesi del 2013

Scritto da EcoAlfabeta – sabato 7 settembre 2013

L’eccezionale risultato mostra che le fonti rinnovabili sono più che adulte. I valori di produzione raggiunti grazie al recupero dell’idroelettrico (+32%) e al buon incremento di eolico (+27%) e fotovoltaico (+19%) Continua…

giugno 29, 2013

Contro il carbone: danno per clima, salute, economia.

ROMA – Il mondo si mobilita oggi per la prima volta contro il carbone ritenuto un ”danno per il clima, la salute e l’economia”. Mentre su twitter l’hashtag #endcoal viaggia verso livelli trend, sul sito ‘endtheageofcoal.org’ si possono avere informazioni per la Giornata mondiale contro la fonte fossile ”piu’ inquinante”. Al grido ‘End the age of coal’, slogan della manifestazione per ‘spegnere’ la fonte energetica ”piu’ sporca che ci sia”, partecipano sia il Wwf che Greenpeace.

Ora, se a livello internazionale i segnali sulla lotta alle emissioni di CO2 (di cui il carbone viene ritenuto il primo responsabile) sono in questi giorni distensivi, specie dopo l’annuncio di un Piano verde da parte di Barack Obama, in Italia – affermano Wwf e Greenpeace – se ne fa un uso ancora troppo alto. La richiesta e’ di ”consegnare al passato una fonte energetica pericolosa per la salute e il clima”.

marzo 12, 2010

Spagna: Zapatero scommette sull’eolico come prima fonte di energia

 

Il premier spagnolo ZapateroIl  Governo spagnolo di Zapatero ha approvato un particolare piano energetico nazionale. Fra i contenuti più interessanti senza dubbio vi è la parte relativa all’energia prodotta dal vento. Ebbene, secondo gli intenti governativi, l’obiettivo sarebbe quello secondo cui entro i prossimi dieci anni il mix delle fonti energetiche del Paese dovrà essere rappresentato nella percentuale maggiore dalla fonte eolica.

Numeri alla mano l’energia prodotta con il vento dovrà essere costituita, al 2020, da una percentuale di almeno il 22,3%. Cifre da capogiro, in quanto si dovrà arrivare ad una potenza eolica installata di almeno 74.547 MW , ovvero quasi il doppio rispetto agli attuali 39.721 MW istallati che rappresentano senza dubbio già un ottimo risultato.

Resta da capire perchè l’Italia non faccia la stessa scelta privilegiando l’eolico e il solare.