Posts tagged ‘financial times’

novembre 19, 2013

Piano “Svendita Italia” è pronto, entro la settimana la presentazione



«Questa settimana ci sarà un evento importante, presenteremo il piano di privatizzazioni che viene discusso oggi al ministero dell’Economia». Lo ha detto il presidente del Consiglio Enrico Letta al summit sull’Italia organizzato dal Financial Times. Quello che in molti temono, cioè la svendita dei gioielli di famiglia, tra cui Visualizza altro
ottobre 6, 2013

La recessione della zona euro non è finita.

Wolfgang Munchau – Rispetto alle dichiarazioni dei leader politici europei di una ripresa economica iniziata e della bontà delle loro politiche d’austerità, Wolfgang Munchau sul Financial Times sostiene come il +0,3% degli ultimi due quarti dell’eurozona non é un indicatore sufficiente per porre fine alla recessione.
L’attenzione su due quarti, sostiene…Visualizza altro

marzo 2, 2013

Un voto contro l’austerità, ma senza prospettive.

l43-beppe-grillo-movimento-130124215812_big

Per capire cosa è successo in Italia bisogna guardarla dall’estero. Ieri Paul Krugman spiegava che il nostro paese avrebbe votato Berlusconi e Grillo per protestare contro l’austerità di Monti. Oggi il Financial Times riprende lo stesso concetto: “Gli italiani arrabbiati dicono basta all’austerità”. E “basta” è scritto nella lingua di Dante, per sottolineare la sua perentorietà.

Continua a leggere »

febbraio 20, 2013

Dedicato a tutti quelli che…..

Sono bastati un paio di editoriali del solito Munchau, critici con la linea rigorista tracciata Mario Monti, per far esultare i piani alti del Popolo della Libertà, da Brunetta a Formigoni, solo per citarne alcuni. Ovviamente la linea del quotidiano finanziario più autorevole del mondo, sul Cavaliere, è la stessa da anni, e non è di certo cambiata ora. Ecco un pezzo di alcuni giorni fa, Financial Times, tradotto da Internazionale, nuovo numero.

 

febbraio 1, 2013

La luce in fondo al tunnel. Forse!

eneko_tuneldi Francesco Saraceno (*)

Ultimamente si osserva in giro un certo ottimismo sulla situazione dell’economia mondiale e della zona euro. Cautamente, responsabili politici e commentatori iniziano ad interrogarsi sulla futura ripresa dell’economia (e sulla sua fragilità). Martin Wolf sul Financial Times si chiede quando e come si potrà tornare ad una situazione di normalità nella conduzione della politica economica. Wolf è preoccupato che i decisori economici si facciano prendere dalla tentazione di considerare la crisi in via di risoluzione. La preoccupazione sembra giustificata: è un errore che facemmo  già all’inizio del 2010, quando soprattutto in Europa le politiche espansive furono abbandonate in favore di politiche di austerità che hanno soffocato una ripresa all’epoca molto fragile.

Continua a leggere »

gennaio 17, 2013

Fassina fuori tempo massimo.

2012531117

Stefano Fassina, responsabile economico del Partito Democratico, in una recente intervista al Financial Times ha avanzato la proposta di fermare gli aumenti salariali in cambio di maggiori investimenti, che porterebbero maggiore occupazione. Si scambierebbe cioè una possibile riduzione del potere d’acquisto in cambio di maggiore occupazione. Tenendo poi conto del fatto che i salari sono una delle componenti che guidano l’inflazione, in realtà i lavoratori andrebbero a perderci, in termini reali, molto poco, se non nulla.

Se questa ipotesi fosse plausibile i sindacati farebbero probabilmente bene ad accettarla. Il problema è che essa appare, a seconda di come la si interpreta, contraddittoria o fuori tempo massimo.

Continua a leggere »

ottobre 8, 2012

Cameron vuole uscire dall’Europa.

Movimento Libera Italia Bruno Poggi

da Londra: Valerio Valentini
Mentre da noi chiunque si azzardi a muovere critiche all’Euro o all’Europa, o soltanto ad evidenziarne paradossi e incoerenze, viene linciato da media e istituzioni come un criminale di Stato, nella ridente Inghilterra sta montando un sentimento, sempre più diffuso e sempre più teso, di radicale antieuropeismo. Ad alimentarlo non sono le frange estremiste di un qualche movimento di esaltati, ma il premier David Cameron e i suoi ministri in persona. Come rivelato in questi giorni dal Financial Times, infatti, si sta aprendo quella che a tutti gli effetti è una guerra economica tra Unione Europa e Regno Unito. Che si combatte soprattutto su fatti relativi ai bilanci e ai piani di spesa, ma che si sta già trasformando in una guerra diplomatica e politica.

LEGGI TUTTO…

novembre 25, 2011

Finmeccanica, tocca Monti’ FT: ‘Via Guarguaglini’

Sulla vicenda Finmeccanica ”e’ arrivato il momento che Monti intervenga e metta il gruppo di nuovo in carreggiata”. Lo afferma l’editorialista del Financial Times, Paul Betts, in un commento dedicato alla holding italiana. Secondo Betts, i passi da compiere per il premier sono ”fare in modo che Guarguaglini si faccia da parte” e in seguito ”annunciare l’intenzione di vendere, quando i mercati lo permetteranno, la quota statale residua”.

Ecco quello che vogliono i mercati vendere le aziende statali per regalarle ai privati. Come è stato fatto con l’Alfa Romea, L’Alitalia, la Breda, Montedison e tante altre aziende che erano il fiore all’acchiello dello stato e non danneggiavano certo l’imprenditoria privata. Non sarebbe il caso di ritornare alle partecipazioni statali per ircostuire il tessuto industriale italiano distrutto da imprenditori voraci e politici incompetenti?

luglio 15, 2011

E’ caduto Berlusconi.

settembre 1, 2010

Italia: un giovane su quattro è senza lavoro e gli altri non è che stiano meglio.

Per un ragazzo italiano è quasi normale non avere un lavoro: oltre un giovane su quattro è infatti disoccupato. Secondo gli ultimi dati dell’Istat, il tasso di disoccupazione giovanile, cioè di coloro che hanno un’età compresa tra 15 e 24 anni, è del 26,8%, in aumento rispetto a luglio 2009 (25,7%), ma in diminuzione di 0,6 punti percentuali rispetto a giugno 2010. Se ai giovani va male, non va meglio al resto della popolazione: a luglio il tasso di disoccupazione è stato dell’8,4%, stabile rispetto al mese precedente, ma in aumento dello 0,5% rispetto a luglio 2009. In un anno gli occupati sono diminuiti di 172mila unità. Rispetto a giungo 2010 invece si è registrata una diminuzione di 18mila unità (-0,1%).

E alla crisi dell’economia italiana è oggi dedicato un editoriale del Financial Times intitolato “Si sbiadisce la ‘bella figura’ dell’Italia”. Secondo il quotidiano della City, “il Pil reale italiano è cresciuto di 10 punti percentuali in meno rispetto alla media dell’eurozona negli ultimi 10 anni”. Ad aggravare la situazione è l’attuale crisi politica, visto che “questa lotta intestina nella destra della politica italiana potrebbe portare solo a una ulteriore stagnazione economica”.(il fatto quotidiano)