Posts tagged ‘Eurostat’

aprile 28, 2013

Energie rinnovabili: nel 2011 il 13% dei consumi dell’Unione Europea è stato da fonti pulite.

Energie rinnovabili: nel 2011 il 13% dei consumi dell’Unione Europea è stato da fonti pulite

Qualche giorno fa su Ecoblog vi abbiamo raccontato dello storico sorpasso avvenuto il 18 aprile scorso in Germania, quando la produzione di energia da fonti rinnovabili ha superato quella delle fonti fossili. Oggi, vi proponiamo un’elaborazione di Centimetri sulla base dei dati di consumo di Eurostat relativi al 2011.

Anche in questo caso il dato complessivo fa registrare un trend di crescita sensibile e in linea con l’obiettivo di raggiungimento del 20% nel 2020.

Nel 2011 il 13% dei consumi energetici dell’UE è stato coperto dalle fonti rinnovabili, una crescita sensibile rispetto al 7,9% del 2004. In Italia, nello stesso periodo, si è passati dal 4,9% al’11,5% e le proiezioni per il 2020 (quando l’Europa dovrebbe assestarsi sul 20%) sono del 17%.

febbraio 15, 2013

Le ricadute dell’austerità sulla Germania.

merk

di Francesco Saraceno (*)

Sono usciti i dati Eurostat [link]. La zona euro è in recessione, ed è peggiore del previsto (-0,6% nel 2012). L’austerità non funziona, ed è recessiva. Accidenti, chi l’avrebbe mai detto!

Continua a leggere »

aprile 5, 2012

La Cina è lontana da Berlino.

Shangai

di Francesco Saraceno (OFCE, – Reseach Center in Economics of Sciences-Po, Paris)

Martin Wolf [sul Financial Times] ha scritto un pezzo molto interessante sul tentativo cinese di riequilibrare il suo modello di crescita, spostandolo dalle esportazioni alla domanda interna. Wolf mostra come questo tentativo è andato avanti per almeno un decennio, con ritmo diseguale e vari stop-and-go. Mi piacerebbe aggiungere che la crisi stessa ha svolto un ruolo contraddittorio. La Cina da un lato è stato uno dei primi paesi nel 2009 per attuare un robusto piano di stimolo pari a oltre il 10% del PIL, dall’altro, essa non ha resistito (come la maggior parte dei paesi) a misure protezionistiche più o meno nascoste e a manipolazione della valuta. Wolf conclude che, benché di successo, il riequilibrio verso la domanda interna ha portato ad un investimento eccessivo (e non necessariamente produttivo). La nuova sfida  riequilibratrice della Cina risiede nella crescita del reddito e dei consumi della sua popolazione. Continua a leggere »

novembre 27, 2011

Obesità: italiani tra i più in forma d’Europa.

L’allarme sul peso rimane, anche se le notizie che arrivano da una recente ricerca europea sono positive. Secondo l’European Health Interview Survey, il sondaggio sullo stato di salute degli europei effettuato da Eurostat, gli italiani sarebbero il secondo popolo più “in forma” del Vecchio Continente, dietro solo alla Romania. Leggi tutto l’articolo