Posts tagged ‘esame’

dicembre 22, 2012

Elettrocardiogramma: legge anche cattive abitudini della quotidianità »

 

settembre 24, 2012

Tumore alla prostata: cani-spia riescono a “fiutarlo”.

dog_nose

03:03 am | L’olfatto dei cani come arma per svelare la presenza di un tumore prostatico. Questo metodo, considerato attendibile nel 91% dei casi, sarà protagonista di uno studio italiano condotto…

24 settembre 2012 / Leggi tut

maggio 12, 2012

Depressione post-parto: un test del sangue per rilevarne il rischio.

Scoprire, con un semplice del , il rischio di cadere nella spirale della : una condizione che colpisce circa una neomamma su 7, e che nelle forme più gravi può anche assumere i contorni della psicosi.

 

Al test del futuro sta lavorando il team di Dimitris Grammatopoulos, della Warwick Medical School inglese, che ha presentato i risultati del suo gruppo all’International Congress of Endocrinology in corso a Firenze.
Lo studio – descritto sul ‘Daily Mail’ – ha coinvolto un gruppo di 200 donne seguite prima e dopo il parto, e ha permesso di scoprire che il pericolo di sviluppare la ‘baby-blues’ è in qualche modo scritto nel Dna: le donne predisposte alla – hanno concluso gli autori – sembrano avere maggiori probabilità di presentare nel proprio corredo genetico particolari varianti di 2 geni ‘interruttori’ cruciali nella risposta allo stress, poiché regolano la produzione di 2 recettori che a loro volta controllano l’attività dell’asse ipotalamo-ipofisario.

gennaio 8, 2012

Tumore alla prostata: sopravvalutati controlli annuali e PSA.

Nuovi dati emersi da un ampio studio Usa dimostrano che l’ della e la conta del livello del (l’), cui ogni anno si sottopongono gli uomini oltre i 50 anni sono nel complesso inutili, perche’ non salvano le vite.

 

E’ quanto emerge dalle analisi dei dati di 76.000 uomini tra i 55 e i 70 anni lungo un periodo di tempo di 10-13 anni pubblicato sull’ultimo numero del Journal of the National Cancer Institute.
“I dati confermano che la maggioranza degli uomini non ha bisogno di eseguire ogni anno gli esami della ”, ha spiegato Gerald Andriole della Washington University School of Medicine, perche’, ha proseguito, “la grande maggioranza dei tumori che abbiamo trovato sono a crescita lenta e difficilmente sono mortali”.