Posts tagged ‘emergenza nucleare’

aprile 14, 2011

A Trieste 50 scienziati studiano alla scuola internazionale di sicurezza nucleare

A Trieste, da lunedì 11 aprile e per due settimane 50 scienziati, proventi per la maggior parte da Pesi in via di sviluppo, seguiranno lezioni di sicurezza nucleare. Mai come nel pieno dell’emergenza nucleare di Fukushima Daiichi, il tema sembra più necessario. La scuola però è stata progettata un anno fa e voluta dal presidente Obama, in virtù della stima che nel mondo vi sono 920 obiettivi sensibili nucleari, cioè a rischio terrorismo. La sede dove si stanno tenendo i corsi è quella del prestigioso Centro internazionale di Fisica Teorica Abdus Salam (Ictp).

Ha detto , Miroslav Gregoric responsabile dell’area prevenzione dell’Aiea:

I potenziali obiettivi nucleari includono 480 reattori nucleari utilizzati per scopi scientifici, 440 reattori impegnati nella produzione energetica e 25 mila armi nucleari. Le maggiori preoccupazioni sono rappresentate da possibili furti di armi finalizzati a creare bombe nucleari improvvisate, il sabotaggio degli impianti o il trasporto di materiale radioattivo.

La scuola nasce grazie alla collaborazione dell’Iaea, ossia l’Agenzia internazionale oer la sicurezza atomica, che fornisce 12 docenti; il Ministero degli affari esteri e con gli sponsor Cei (Iniziativa Centro Europea) e Fondazione per l’avanzamento della scienza del Kuwait. Tra gli esperti anche 9 provenienti dall’Interpol e altri dall’Agenzia JRC di Ispra.

marzo 12, 2011

EMERGENZA NUCLEARE, EMISSIONE RADIAZIONI A FUKUSHIMA.


È emergenza nei dintorni della centrale nucleare Fukushima 1, che si trova nel Giappone nordorientale colpito ieri da un devastante terremoto/tsunami. La Tokyo denryoku (Toden), società che gestisce la centrale, ha ammesso l’aumento dei livelli di radioattività in seguito a un’esplosione avvenuta oggi, che ha provocato quattro feriti e il crollo del tetto e delle mura dell’edificio che ospiuta il reattore numero 1. Dopo che è stata evacuata la popolazione entro un raggio di 10 km, in seguito a questi ultimi eventi, la televisione pubblica NHK ha chiesto ai residenti anche oltre i 10 km di restare chiusi in casa e chiudere le finestre. Secondo la televisione TBS, le radiazioni emesse in un’ora nei dintorni della centrale equivale a quelle assorbite in un anno da un corpo umano.

marzo 9, 2010

GREENPEACE:BLITZ ALLA CENTRALE DI MONTALTO DI CASTRO.

  Alle luci dell´alba gli attivisti di Greenpeace hanno occupato il tetto della fabbrica della vecchia centrale nucleare, bloccata dal referendum del 1987. Ora un ‘urlo nucleare’ di 150 metri quadrati ricopre il tetto, accompagnato dalla scritta “Emergenza nucleare”.
Alle 13, appena al largo della centrale, sulla  nave Rainbow Warrior si sono esibiti in un live gli “Artisti contro il nucleare”: Adriano Bono & Torpedo Sound Machine, 99 Posse, Leo Pari, Piotta e Punkreas. 

Segui lo streaming sul  sito: www.nuclearlifestyle.it

Il nucleare è una scelta sciagurata per l’Italia e una pericolosa perdita di tempo. Tornare al nucleare significa perdere oltre dieci anni per ritrovarsi poi con centrali obsolete e pericolose. E sprecare l’opportunità di investire nelle vere soluzioni per l’indipendenza energetica e per il clima: rinnovabili ed efficienza.

Tocca adesso ai candidati alla guida delle regioni prendere subito una posizione chiara contro il nucleare, altrimenti dopo le elezioni verranno imbavagliati e costretti ad accettare le decisioni del governo.

Intanto su Nuclear Lifestyle continua a girare il contatore delle firme contro il nucleare. Grande successo anche per la Nuclear Hotline: al numero verde gratuito 800.864.884 centinaia di cittadini hanno già chiamato per lasciare ai candidati i propri messaggi contro il nucleare.