Posts tagged ‘elvis presley’

ottobre 25, 2011

L’incontro fra Elvis e Nixon al cinema.

Eric Bana vestirà i panni di Elvis Presley in un Elvis & Nixon, un film di prossima uscita che racconterà l’incontro (avvenuto storicamente) fra le due figure del secolo scorso. Danny Huston – riporta Variety– sarà la controparte di Elvis nel film, interpretando l’ex presidente USA Richard Nixon.

A dirigere Elvis & Nixon Carey Elwes, attore protagionista di Saw di The Princess Bride per la prima volta sulla sedia da regista. Elwes è stato spinto a girare il film dopo aver letto dell’incontro fra il cantante e il presidente, dopo che Nixon ricevette un’accorata lettera di incontro di sei pagine scritta di suo pugno dal Re. Elvis chiese a Nixon di essere promosso Federal Agent-at-Large nell’ufficio narcotici e droghe pericolose. Quando i due si incontrarono a Washington DC nel dicembre del 1970, Elvis portò in dono al presidente una foto di famiglia e una Colt 45.

giugno 22, 2011

Suspicious Minds, Elvis Presley – Buonanotte compagni.

Quando nel 1969 chips moman fece ascoltare la canzone a Elvis, quest’ultimo era, come dice proprio il testo, “in trappola”: una gallina dalle uova d’oro sfruttata fino allo stremo da un’etichetta esosa e da profittatori di ogni tipo. Questo forse spiega perché Elvis fosse convinto di poter trasformare Suspicious Minds in un successo – anche se il brano già aveva fatto flop nel 1968, nella versione del cantautore Mark James. Registrata tra le 4 e le 7 del mattino, durante le storiche “Memphis sessions” del febbraio 1969 all’American Sound Studio (quelle che fecero riconquistare a Presley il suo trono di “Re”, e da cui uscirono altri due singoli di successo come In the Ghetto e Kentucky Rain), Suspicious Mind – ultima hit di The Pelvis a raggiungere il #1 della classifica con lui in vita – parla di un amore intrappolato da “pensieri carichi di sospetto” ed è un capolavoro indiscusso. Elvis la cantò con tale intensità che, durante la dissolvenza del brano, la band fu costretta a riprendere il tema per un altro, intero, giro. Il pezzo è stato poi fatto rivivere, nel decennio ’80, dai bravi Fine Young Cannibals.

Mag 18, 2011

Hearthbreak Hotel – Elvis Presley – Buonanotte compagni

Quando i capoccioni della casa discografica Rca misero sotto contratto un giovane Elvis Presley, quello che si aspettavano da lui era essenzialmente una lunga serie di hit rockabilly sulla scia di quelle che aveva inciso nel suo periodo alla Sun Records. Invece, per il suo debutto su major, Elvis tirò fuori questo cupo e malinconico lentone strappacuore, scritto insieme a Mae Boren Axton – sua ex addetta stampa – e ispirato (pare) a un articolo uscito sul Miami Herald che ricostruiva la storia di un suicidio in cui la vittima aveva lasciato un biglietto con una sola, lapidaria frase: “I walk a lonely street” (“Cammino lungo una strada solitaria”). Liquidata dal suo ex mentore alla Sun Records, Sam Phillips, come «un gran casino parecchio morboso», Heartbreak Hotel divenne in realtà la porta d’ingresso per la prima #1 in classifica di Elvis Presley, e sempre la prima a superare il milione di copie vendute.

agosto 26, 2010

Eminem – Buonanotte compagni.

Il mio amico Geppino già comunista ed ora compagno socialista, uomo di grande intelligenza, questa sera ha cenato a casa.  Gnocchi alla sorrentina con gamberi e asparagi. Vino rosso per l’occasione. Non dimentico mai che il Partito Socialista è stato fondato in una trattoria di Genova. Per noi socialisti semplici la tavola ed un buon bicchier di vino aiuta a sciogliere la lingua e a parlare meglio di politica. Tornando da Ischia Geppino mi ha esternato le sue riflessioni fatte durante una passeggiata al monte Epomeo. Riflessioni particolari, che non vi sto a raccontare. La cosa che mi ha lasciato perplesso e preoccupato e che in buona sostanza Geppino in esito ai fatti di Melfi dava ragione alla Fiat ed alla linea di Marchionne. Io sinceramente non so   esprimermi, anche perchè da vecchio avvocato di provincia dico che siamo di fronte ad un’ ordinanza e che per esprimere un parere bisognerebe averla letta ed in ogni caso sarà la sentenza a dire la verità. Forse ha ragione Geppino, forse no. il problema è che se ha ragione tutto l’impianto della sinistra nei confronti del problema operaio va rivisto. La domanda è come?

Ma parliamo di rock. Eminem dichiarerà di aver usato la musica dei neri per diventare ricco. Un pò come Elvis.Usando il modo di esprimersi dei ghetti urbani Eminem da vita ad un fenomeno nuovo ed impressionante ed assolutamente moderno. Eminem rappresenta la realtà che lo circonda. Tutti i suoi album rappresentano il rapporto fra il cantante e la verità. In Stan raggiunge vette di popolarità manipolando semplicemente una canzone già esistente. E’ la storia di un fan di Eminen che scrive ad Eminem raccontandogli le proprie pene e quanto lo aiutino le canzoni di Eminem. Non ricevendo risposta il fan decide di farla finita dopo aver ucciso la propria ragazza. Proprio come Eminem aveva raccontato in un album precedente. L’anticipazione dei reality show. La storia non si ripete: all’epoca di Elvis Presley, quando la musica si ascoltava per radio, qualcuno credeva che Elvis fosse nero. Anche questo è rock.

luglio 17, 2010

Buonanotte compagni.

Robbie Robertson, metà ebreo e metà mohicano sosteneva che lui il rock and roll lo suonava dalle origini, cioè dai tempi di Elvis Presley. Sarà vero? Non è importante! L’album che Robbie Robertson fa uscire nel 1987 chiamato Robbie Robertson è una specie di enciclopedia del mondo musicale che a metà degli anni ottanta porta diritta al cuore del rock. Non sono anni che amano le sottigliezze ed è comunque un album che testimonia la capacità di Robertson di documentare al meglio un momento musicale certamente intenso.

febbraio 19, 2010

Buongiorno compagni.

Vi ricordate little richard. Di little aveva poco, grande e grosso con un vocione che era la passione delle signore.Ha imparato a cantare in chiesa e nasce in Georgia dove viene scoperto da Bumps Blakwell, che lo porta New Orleans per registrare il primo album. E’ il padre di “tutti frutti” una canzone rock che canterà anche Elvis Presley. Lancia molti successi , ma a un certo punto preso da smanie religiose sceglie lavita del predicatore.

Buon giorno campagni.

febbraio 18, 2010

Elvis, semplicemente.

Il primo pezzo di Elvis del gennaio 1956 che raggiunge la vetta delle classifiche. Fa parte dell’album n.1. Il mondo comincia a conoscere il Rock e con esso il suo profeta.