Posts tagged ‘elton john’

maggio 9, 2013

Bert Jansch – Angie

Herbert “Bert” Jansch (3 November 1943 – 5 October 2011[1]) was a Scottish folk musician and founding member of the band Pentangle. He was born in Glasgow and came to prominence in London in the 1960s, as an acoustic guitarist, as well as a singer-songwriter. He recorded at least 25 albums and toured extensively from the 1960s to the 21st century.

Jansch was a leading figure in the British folk music revival of the 1960s, touring folk clubs and recording several solo albums, as well as collaborating with other musicians such as John Renbourn and Anne Briggs. In 1968, he co-founded the band Pentangle, touring and recording with them until their break-up in 1972. He then took a few years’ break from music, returning in the late 1970s to work on a series of projects with other musicians. He joined a reformed Pentangle in the early 1980s and remained with them as they evolved through various changes of personnel until 1995. Until his death, Jansch continued to work as a solo artist.

Jansch’s work influenced such artists as Al Stewart, Paul Simon, Johnny Marr, Elton John, Bernie Taupin, Bernard Butler, Jimmy Page, Nick Drake, Graham Coxon, Donovan, Neil Young, Fleet Foxes, Devendra Banhart Neil Halstead, and Roy Harper.

Jansch received two Lifetime Achievement Awards at the BBC Folk Awards: one, in 2001, for his solo achievements and the other, in 2007, as a member of Pentangle.

ottobre 26, 2010

Elton John- The Union – Buonanotte compagni.

Eravamo rimasti a Santana. C’è un altro grande che ha pubblicato un album. Si tratta del buon vecchio Elton John che per l’occasione incontra un vecchio amico: Leon Russel. Singolari le modalità dell’incontro leon ha raccontato in un’intervista di aver ricevuto una telefonata dall’amico che si trovava in vacanza dal Sud Africa per chiedergli se volevano fare un album. I due peraltro non si sentivano da trentacinque anni. L’album è stato egistrato a santa Monica in California e si preannuncia un successo.

ottobre 25, 2010

Carlos Santana – Guitar Heaven – Buonanotte compagni.

Debbo riparare una scorretteza. Nei giorni scorsi ho parlato dei due album recentemente usciti: uno di Neil Young e l’altro di Eric Clapton. Ho invece trascurato di parlare dell’ultimo album di Carlos Santana. Certo sia Young che Clapton son musicisti raffinati e interpreti particolari di un rock universale, per cultori del rock sperimentale o di amanti di una musica snob. Guitar Heaven non è certamente all’altezza dei due album presentati da Young e Clapton. Non dobbiamo dimenticare che Santana è un musicista che ha uno stile inconfondibile e perciò inimitabile, oltre ad essere un dio della chitarra e che ha suonato con mostri sacri come John Coltrane e John Lee Hooker. Pertanto questo album che è un remake di vecchi successi va comunque ascoltato con rispetto ed anche goduto.

Peace and love.

Strano  che il mio amico Antonio non mi abbia rimproverato per la mancanza…….e domani parliamo anche del nuovo album di Elton John.

agosto 19, 2010

Elton John, no al concerto, è omosessuale.

Elton John dovrebbe” esibirsi in concerto a Trani il 22 settembre prossimo nella Piazza Duomo, su cui si affaccia la Cattedrale. Ma da  Monsignor Giacomo Babini, vescovo emerito di Grosseto, arriva un pesante stop. Infatti dal sito cattolico pontifex.roma.it. Mons Babini così si esprime “I cattolici farebbero bene ad occupare la piazza della cattedrale di Trani per protesta. Incredibile che canti davanti ad una chiesa”,. Gli  amministratori, organizzatori del concerto, tra cui il sindaco di Trani, l’ex consigliere comunale di An Giuseppe Tarantini, e il sindaco di Margherita di Savoia, Gabriella Carlucci, (componente della commissione cultura del Pdl alla Camera), non se lo sono fatti ripetere due volte e hanno spostato l’evento nella Piazza del Monastero di Colonna.

E questa la chiamano democrazia.

maggio 11, 2010

Buonanotte compagni.

Caldoro non riesce a fare la giunta in Campania perchèi consiglieri vogliono fare gli assessori senza dimettersi cone prescrive lo Statuto e De Mita, quello di Nusco famelico come un lupo  vorrebbe un potere che Caldoro gli nega. Verrebbe da dire ” lo avete voluto e tenetevelo.”   Ha distrutto Bassolino che era uno tosto, figuratevi quanto ci mette a far fuori Caldoro. Bisogna solo saper aspettare. Noi intanto ci consoliamo con Elton John, che si chiama così perchè il sassofonista della sua prima band si chiamava Elton Dean  e Long John Baldry, un musicista con cui suonava da ragazzo. Siamo nel 1973 e Elton John vorrebbe registrare il suo ottavo disco in Jamaica,  ma non ci riesce e torna al Castello di Hèrouville vicino Parigi e qui con Dee Murray, Davey Johnstone e Nigel Holsson scrive e incide diciassette canzoni. Taupin scrive i tasti e Elton John le musiche. Viene fuori l’album che è una sorta di raccolta dei miti del nostro tempo e si chiama Goodbye  Yellow Brick Road. L’album  contiene pezzi come Saturday Night’s Alright For Fighting, Bennie and the jets, Candle in the Wind, The ballad of Danny Bailey. E’ l’inizio dell’apoteosi.