Posts tagged ‘elezioni regionali lazio 2010’

marzo 9, 2010

due a zero palla a centro.

Non e’ stata ammessa dall’ufficio circoscrizionale elettorale di Roma la lista del Pdl per le prossime elezioni regionali nel Lazio. La lista era stata presentata ieri per effetto del nuovo decreto legge, dopo il mancato deposito di sabato scorso. Che libidine!

“Stiamo lavorando per predisporre l’appello al Consiglio di Stato”. Così gli avvocati del Pdl replicano alla nuova esclusione da parte dell’Ufficio elettorale della lista Pdl Roma dalle elezioni regionali del Lazio. Cambiate mestiere dilettanti!

BERLUSCONI PUNTA A MOBILITAZIONE NAZIONALE A ROMA – Si farà a Roma, probabilmente il 20 marzo la grande manifestazione che Silvio Berlusconi aveva già in mente di fare per presentare i tredici candidati governatori del centrodestra alle regionali.Non potendo fare leggi ad personam, decreti ad listam, l’opposizione cerca almeno di far applicare la legge. Ma guarda che gente questi comunisti. Non provocare la piazza Silvio, perchè gli operai esistono ancora e pure i partigiani e la democrazia è una cosa sacra.

marzo 8, 2010

Regionali: Bonino non convertiranno il dl

Sono sicura che non convertiranno il Dl prima delle elezioni’. Lo ha detto la candidata alla presidenza della regione Lazio, Emma Bonino.Secondo la Bonino, il mancato convertimento del decreto in legge ‘farebbe precipitare il Paese in una crisi istituzionale’. ‘Chi e’ stato capace di fare quel Dl – ha osservato – e’ capace di fare di tutto se vincessimo noi, ci dovremmo aspettare un Dl interpretativo’.

marzo 3, 2010

Formigoni e Polverini fuori dalle elezioni regionali 2010.

Roberto Formigoni non è candidato alle elezioni regionali in Lombardia, almeno per ora. La Corte d’appello ha  confermato la decisione di non ammettere la lista Per la Lombardia, guidata dal governatore uscente, lasciando fuori dal voto del  28 e 29 marzo anche i partiti che lo sostengono, cioé Lega Nord e Pdl. Anche la  lista Pdl di Roma e Provincia per il momento è fuori dai giochi delle elezioni regionali.  Ieri la Corte D’Appello ha  respinto il ricorso presentato dal partito contro l’esclusione dalla tornata elettorale delle regionali di fine  marzo. Per il Pdl, però, la partita non è ancora chiusa. Il passo successivo sarà fare un nuovo ricorso al Tar. Se venisse anche  lì respinto, l’ultima speranza sarà rivolgersi al Consiglio di Stato. I ” dilettanti allo sbaraglio” come li chiama Bossi, questa volta l’hanno fatta davvero grossa. Anche perchè se i giudici non si faranno codizionare dal Sultano di Arcore non ci dovrebbe essere partita per i dilettanti Polverini e Formigoni.Nel 200o infatti, le elezioni regionali in molise furono annullate per un motivo analogo. I giudici del TAR ritennero fondata la denunciaq di irregolarità nelle elezioni che avevano visto vincere Di Stasi dei Ds, perchè era stata ammessa al voto una lista dei Cerdi e dei Comunisti Italiani che non avevano l’autenticazione delle liste. Nel 1996 Di Iorio , candidato dell’Ulivo fu negata la partecipazione alle elezioni per irregolarità nella presentazione. Anche allora, come è accaduto per il pDL a Roma, fu negata qualsiasi correzione a posteriori. Confidiamo nella giustizia.

marzo 3, 2010

Elezioni regionali 2010 Lazio: Bonino sorpassa Polverini.

Le elezioni regionali del Lazio viste dalla parte dei sondaggi sembrano una corsa di formula uno, con sorpassi sbandate, fuori pista e controsorpassi. Aspettando l’ipotetica possibilità che almeno il listino della candidata governatrice del Pdl possa essere riammesso, l’ultimo sondaggio di Crespi Ricerche annuncia il controsorpasso di Emma Bonino che guiderebbe il confronto, secondo l’ultima rilevazione, con il 39% dei consensi (stesso dato rispetto al sondaggio del 23 febbraio), con la Polverini al 38%, due punti percentuali in meno rispetto alla precedente rilevazione. Gli altri candidati ottengono complessivamente il 2,8%. Mentre il partito degli indecisi sale dal 18,6 al 20,2%, assorbendo quindi il grosso dei consensi persi dalla Polverini. Dando uno sguardo alle liste, il Partito democratico è la prima forza del centrosinistra, ma anche di tutto il Lazio, con il 28% secco dei consensi, seguito, restando nella coalizione, dalla Lista Pannella‐Bonino (5,5%), dall’Italia dei Valori (2,8%), dal Prc+Pdci (3%), da Sinistra ecologia e libertà (2,2%), dai Verdi (1,5%) per un totale di coalizione del 48,2% (+1,8% rispetto alla rilevazione del 23 febbraio). Sul versante del centrodestra, il Popolo della libertà con il 16,5% si conferma il primo partito dell’alleanza, seguito dalla Lista Renata Polverini (14,3%, ma allo stato esclusa dalla competizione), l’Udc (7,8%) e La Destra (4,9%).

marzo 2, 2010

Lazio previsioni di voto al 24 febbraio 2010

 
(var. rispetto al 11 febbraio 2010)

Commento Candidati: Peccato per la Polverini che dovrà vedersela con La Corte d’Appello di Roma per sapere se potrà correre. Purtroppo per lei il centrodestra sarebbe  favorito e la distanza tra le candidate si amplia ed ora supera i 3 punti. Fiore disturba il CDX. Resta la presenza di voto disgiunto. Comunque la partita resta aperta ed a deciderla sara’ l’ampiezza dell’astensionismo. Io spero che i magistrati siano corretti e facciano il loro dovere confermando l’esclusione delle liste del PDl dalla Provincia di Roma. Purtroppo da questa gente non c’è da aspettarsi niente di buono. Chissà cosa sarebbe successo se invece del partito del Sultano di Arcore fossero state escluse le liste del centrosinistra.  Però Dio esiste e non si può mai sapere.
CENTRO DESTRA: 52,0% (+0,5%)
– POPOLO DELLA LIBERTA’: 39,0% (-0,5%)- UNIONE DI CENTRO: 5,5% (-1,0%)
– LA DESTRA: 2,5% (INV)
– FIAMMA TRICOLORE: 1,0% (+1,0%)
– UDEUR: 0,5% (INV)
– MOVIMENTO PER LE AUTONOMIE: 0,5% (INV)
– Altri CDX (Presidente, Civiche, NDC, NPSI, varie): 3,0% (+1,0%)
CENTRO SINISTRA: 46,0% (-0,5%)
– PARTITO DEMOCRATICO: 27,0% (+1,0%)
– ITALIA DEI VALORI: 6,0% (INV)
– Lista Pannella-Bonino: 4,5% (INV)
– COMUNISTI (RC, PDCI): 3,0% (INV)
– SINISTRA ECOLOGIA e LIBERTA’: 3,0% (INV)
– VERDI: 1,5% (INV)
– SOCIALISTI: 1,0% (INV)
FORZA NUOVA: 1,0% (INV)

ALTRI: 1,0% (+0,5%)
Commento Partiti: PDL sotto il 40%. In ripresa il PD. Stabili l’IDV ed i Radicali. Presenza di molte liste. Bene SEL. UDC in calo.
Candidati Presidente:Polverini (CDX+UDC) 50,5% (+0,5%)
Bonino (CSX): 47,0% (-0,5%)
Fiore (FN): 1,5% (+0,5%)

Altri: 1,0% (+0,5%)

febbraio 27, 2010

A rischio la lista provinciale Roma del PDL nel Lazio

Mentre Bonino  sospende sciopero fame, battaglia va avanti,  La lista provinciale Roma della Pdl rischia l’esclusione dalle elezioni regionali di fine marzo. La possibile eliminazione sarebbe legata ad una presunta irregolarità nella consegna documentazione delle liste elettorali. Secondo alcuni rappresentanti di altre liste il presentatore di lista per la Pdl Alfredo Milioni avrebbe tentato di consegnare parte della documentazione necessaria fuori tempo massimo.Il Pdl, che ha presentato ricorso all’Ufficio centrale circoscrizionale presso il Tribunale di Roma per sostenere la regolarità della procedura nella presentazione della sua lista elettorale per la provincia di Roma in vista delle Regionali di fine marzo,  sostiene invece che il faldone delle firme sarebbe stato portato fisicamente vicino all’ufficio elettorale del Tribunale di Roma prima delle 12, quando scadeva la consegna. Milioni però si sarebbe allontanato portandosi con sé i fogli con l’accettazione delle candidature ma al momento di rientrare, è stato bloccato dai rappresentanti di altre liste perché, sostengono questi, “erano ormai le 12:45”. Anche le forze dell’ordine hanno impedito a Milioni l’accesso all’ufficio. Ora il faldone con le firme della lista della Pdl si trova in corridoio mentre il resto della documentazione è ancora in mano a Milioni. Speriamo bene. Questa è la prova che Dio esiste.

febbraio 14, 2010

Elezioni regionali lazio: Bonino in testa.

Renata Polverini cerca di  recuperare consensi, facendosi  conoscere dagli elettori del Lazio e anche nei giorni scorsi ha ‘sfidato’ Emma Bonino con una cena con circa ottocento invitati, organizzata per il finanziamento della propria campagna elettorale. La candidata del centro destra recupera anche nei sondaggi. Almeno a giudicare dal sondaggio di Crespi ricerche e da quello ancora più recente dell’istituto Piepoli.

Venendo ai voti delle singole liste è interessante rilevare come secondo Piepoli il Pd sia al 32,5%% .

Ciò significherebbe non solo che si è concluso l’effetto Marrazzo, che ha fino ad oggi pesato sul Partito democratico, ma che addirittura il partito di Bersani supererebbe anche il dato conseguito alle ultime elezioni.

C’è poi allineamento tra Crespi, Piepoli e Gpf nella quotazione della lista PannellaBonino, che oscilla tra il 4,5% e il 5,5%.

Simile è il caso della Destra: secondo Crespi e Piepoli è tra il 2,5% e il 2,8%, mentre Gpf vede la lista dell’ex governatore del Lazio ad un 1,2%.

Consonanza tra Gpf e Piepoli sull’Udc, indicata sotto il 5%.

gennaio 26, 2010

Bonino vs Polverini sondaggi elettorali Regione Lazio

Sondaggi elezioni Regione Lazio mese di Gennaio

gennaio 9, 2010

Elezioni regionali del Lazio:avanti tutta con Emma Bonino.

Bersani dice che non ha nessun pregiudizio contro la candidatura di Emma Bonino in Lazio. Marini si è espresso in suo favore. A questo punto la domanda è una sola: il Pd ha intenzione di continuare ancora a  scervellarsi su nomi e alleanze o vuole iniziare a mettere qualche punto fisso? Sembra che sulla scelta dei candidati presidenti nelle tredici regioni il PD non ne indovini una.  Bene ha fatto, quindi,  la Bonino a rompere gli indugi e ad autocandidarsi.

La Bonino è una persona seria, con una  storia politica di tutto rispetto alle spalle e i Radicali non sono un partito alleato al Pd, ma nelle scorse elezioni sono stati gli unici a essere eletti nelle liste del Pd, senza presentare il loro simbolo. Una donna, la Bonino, contro un’altra donna, la Polverini.

La Bonino accontenterebbe la corrente più laica del Pd e su certe cose potrebbe anche rubare voti al centro destra. Certo, l’Udc non la voterebbe, ma in Lazio l’UDC appoggerà Renata Polverini, non si sa se per fare un piacere a Fini o un dispetto a Berlusconi.

Qualcuno aspetta ancora le primarie, ma ormai si è capito che le primarie sono una bufala di cui si serve il PD quando vuole fingere che è la base a decidere. Se poi la Bonino non potesse essere candidata perché la Binetti non lo vuole, va beh, allora candidate lei così almeno la facciamo finita una volta per tutte.