Posts tagged ‘elezioni regionali 2010 lombardia’

marzo 8, 2010

Formigoni e la lega come i ladri di Pisa.

Malgrado i problemi per le liste dei giorni scorsi ‘non c’e’ mai stata alcuna rottura o screzi tra Lega e Pdl’. Cosi’ Roberto Formigoni. Il governatore della Lombardia ha parlato anche della pronuncia del Tar: ‘Se fossimo stati riammessi per grazia ricevuta sarebbe stato giusto chiedere scusa ai cittadini ma non abbiamo sbagliato, c’e’ chi dovrebbe chiedere scusa a noi. L’arbitro aveva gia’ alzato il cartellino rosso, ma la moviola ha stabilito che il fallo era dell’avversario’. Certo ci vuole una bella faccia tosta. E questo è l’uomo che regge le sorti di una delle più importanti regioni d’Italia?

marzo 5, 2010

elezioni regionali 2010 Lombardia: vince Formigoni

Se, come si spera si dovesse votare regolarmente in Lombardia vincerebbe Formigoni alla Grande
 
vediamo come:
Voto di Lista
(var. rispetto al 23 febbraio 2010)
(*: lista/candidato non presente in tutte le province)

CENTRO DESTRA: 56,5% (-1,0%)
– POPOLO DELLA LIBERTA’: 30,5% (+1,0%)
– LEGA NORD: 26,0% (+0,5%)

CENTRO SINISTRA: 32,5% (+1,5%)
– PARTITO DEMOCRATICO: 23,0% (+1,5%)
– ITALIA DEI VALORI: 5,0% (INV)
– SINISTRA ECOLOGIA e LIBERTA’: 1,5% (INV)
– PENSIONATI: 1,0% (+1,0%)
– VERDI *: 1,0% (INV)
– SOCIALISTI: 1,0% (+0,5%)

UNIONE DI CENTRO: 5,5% (+0,5%)
FEDERAZ. DELLA SINISTRA (RC, PDCI): 3,0% (+0,5%)
MOV. 5 STELLE: 2,0% (+0,5%)
FORZA NUOVA *: 0,5% (INV)

Commento Partiti: PDL 4 punti Avanti alla Lega. PD ancora in ripresa. CDX sempre avanti anni luce sul CSX, seppure la distanza si riduce.

Candidati Presidente: 
Formigoni (CDX) 56,0% (-1,0%)
Penati (CSX): 32,5% (+2,0%)
Pezzotta (UDC): 6,0% (INV)
Agnoletto (FDS): 3,0% (INV)
Crimi (M5S): 2,0% (+0,5%)
Invernizzi (FN) *: 0,5% (INV)

marzo 4, 2010

Che vergogna!

Umberto Bossi ha accreditato l’ipotesi di un decreto per risolvere la vicenda delle liste regionali.
  “Credo che si fara’ il decreto”, ha detto il ministro in Transatlantico, “per forza, e’ una cosa urgente”. A Roma oggi pomeriggio manifestazione del Pdl: atteso il presidente del Consiglio Berlusconi. Non interverra’ invece il presidente della Camera Fini.

marzo 3, 2010

Elezioni regionali Lombardia 2010: i radicali chiedono perizia calligrafica su firme PDL

 Gli esponenti della lista Bonino-Pannella chiedono che venga effettuata una perizia calligrafica sulle firme raccolte dalla lista ‘Per la Lombardia’ di Roberto Formigoni per verificarne l’autenticita’.
  E’ scritto in una memoria depositata in queste ore nella cancelleria della Corte d’appello di Milano. “Tutte le circostanze qui rilevate – si legge nella parte conclusiva del documento – inducono a dubitare della stessa provenienza delle sottoscrizioni, cosi’ da alimentare dubbi inquietanti che soltanto una perizia calligrafica sarebbe in grado di verificare”. I radicali, inoltre, hanno chiesto ieri, con un esposto in procura, il sequestro delle firme raccolte dalla lista di Formigoni.

marzo 3, 2010

Elezioni regionali 2010: Lombardia Formigoni sbanca.

 Voto di Lista

LaLombardia sarà la Caporetto della sinistra.Se dovesse andare bene il ricorso presentato dai legali del Presidente Formigoni, che insiste sul  principio di conservazione degli atti amministrativi, che in una materia, come quella elettorale, esprime al massimo la propria efficacia, Formigoni sbancherebbe con un risultato che dovrà far riflettere la sinistra. Perché se il centrodestra è cosi incapace di difendere i propri interessi in una tornata elettorale come questa, sorge spontanea la domanda di come possano fare questi signori a tutelare gli interessi della collettività. Malgrado ciò la sinistra in Lombardia è pressoché inesistente.
(var. rispetto al 23 febbraio 2010)

 (*: lista/candidato non presente in tutte le province)
CENTRO DESTRA: 56,5% (-1,0%)
– POPOLO DELLA LIBERTA’: 30,5% (+1,0%)
– LEGA NORD: 26,0% (+0,5%)
CENTRO SINISTRA: 32,5% (+1,5%)
– PARTITO DEMOCRATICO: 23,0% (+1,5%)
– ITALIA DEI VALORI: 5,0% (INV)
– SINISTRA ECOLOGIA e LIBERTA’: 1,5% (INV)
– PENSIONATI: 1,0% (+1,0%)
– VERDI *: 1,0% (INV)
– SOCIALISTI: 1,0% (+0,5%)
UNIONE DI CENTRO: 5,5% (+0,5%)
FEDERAZ. DELLA SINISTRA (RC, PDCI): 3,0% (+0,5%)
MOV. 5 STELLE: 2,0% (+0,5%)
FORZA NUOVA *: 0,5% (INV)
Commento Partiti: PDL 4 punti Avanti alla Lega. PD ancora in ripresa. CDX sempre avanti anni luce sul CSX, seppure la distanza si reduce.
Candidati Presidente:Formigoni (CDX) 56,0% (-1,0%)
Penati (CSX): 32,5% (+2,0%)
Pezzotta (UDC): 6,0% (INV)
Agnoletto (FDS): 3,0% (INV)
Crimi (M5S): 2,0% (+0,5%)
Invernizzi (FN) *: 0,5% (INV)
Commento Candidati: Vantaggio di oltre 23 punti di Formigoni su Penati.

febbraio 28, 2010

Elezioni regionali 2010 lombardia: Formigoni corre per il quarto mandato.

Per le prossime elezioni regionali in Lombardia saranno sei i candidati presidenti che ‘sfideranno’ Roberto Formigoni in corsa per il quarto mandato di ‘governatore’. A cercare di togliergli la poltrona del ‘Pirellone’, conquistata la prima volta nel giugno del 1995 e riconfermata del 2000 (62,4% di consensi contro Mino Martinazzoli) e nel 2005 (53,4% battendo il centrosinistra che sosteneva Riccardo Sarfatti), saranno innanzitutto Filippo Penati, ex presidente della provincia di Milano sostenuto da Pd, Idv, Sinistra e Liberta’, Pensionati, Socialisti e Verdi; Savino Pezzotta (Udc); Vittorio Agnoletto (Federazione della Sinistra); Marco Cappato (Radicali) e ancora Gian Mario Invernizzi (Forza Nuova) e Vito Crimi (Movimento Cinque Stelle di Beppe Grillo). A sostenere Formigoni oltre al Pdl anche la Lega Nord. Fonte AGI

febbraio 21, 2010

Formigoni fuorilegge.

La legge dello Stato 165/2004 articolo 2 impedisce di candidarsi a Presidente di Regione dopo due mandati consecutivi. Il Consiglio Regionale può modificare i termini della legge. In Lombardia e in Emilia Romagna questo non è avvenuto. Quindi i due aspiranti presidenti Roberto Formigoni (PDL) e Vasco Errani (PD) sono fuorilegge, potrebbero essere costretti alle dimissioni dopo l’eventuale elezione in caso di contestazione. Il presidente emerito della Corte Costituzionale Valerio Onidalo conferma.  Resta il fatto che questa gente si sente indispensabile a vita. Il senso della legge era nel non perpetuare la concentrazione di potere nelle mani di una persona oltre i DIECI ANNI. Formigoni è presidente dal 1995 e si propone per il quarto mandato. Errani è nel consiglio regionale dal 1995 e presidente dal 2000. Il famoso ricambio della politica!

febbraio 13, 2010

Elezioni regionali 2010 previsioni di voto in Lombardia:La nostra Caporetto.

CENTRO DESTRA: 58,0%
– POPOLO DELLA LIBERTA’: 29,5%
– LEGA NORD: 26,0%
– LA DESTRA, F.TRIC, Mov. X l’Italia: 1,0%
– Altri CDX (Pens., NDC, NPSI): 1,5%

CENTRO SINISTRA: 30,0%
– PARTITO DEMOCRATICO: 20,5%
– ITALIA DEI VALORI: 5,0%
– Lista Civica del presidente Penati: 1,5%
– SINISTRA ECOLOGIA e LIBERTA’: 1,0%
– VERDI: 1,0%
– SOCIALISTI: 0,5%

UNIONE DI CENTRO: 5,5%
COMUNISTI (RC, PDCI): 2,5%
RADICALI: 2,0%
MOV. 5 STELLE: 1,0%
ALTRI (Liste autonom/Leghe, FN, PCL): 1,0%

Candidati Presidente:
Formigoni (CDX) 57,0%

Penati (CSX): 30,0%
Pezzotta (UDC): 6,5%
Agnoletto (COM): 3,0%
Cappato (RAD): 2,0%
Crimi (M5S): 1,0%
Altri: 0,5%

dato aggiornato al 12 febbraio.

febbraio 10, 2010

Elezioni regionali 2010 previsioni di voto e commenti a poco più di 40 giorni dal voto.

Stabilite oramai praticamente tutte le alleanze, la differenza, nelle varie regioni in bilico, la farà la campagna elettorale e la presenza, o meno, di varie candidature più o meno di disturbo.

 L’UDC corre da solo in Puglia dopo la vittoria di Vendola, ma si lega alla Marini in Umbria. Il Centrodestra sembra soffrire e potrebbe conquistare solo 4-5 regioni, mentre solo all’inizio di febbraio Paolo Bonaiuti dichiarava che un risultato inferiore a 8 a 5 per il partito della libertà doveva considerarsi una sconfitta. Si prospetta quindi un risultato inferiore alle aspettative.

Ma vediamo le previsioni regione per regione:

PIEMONTE: Situazione di assoluta incertezza, la candidatura di Rabellino disturberà sicuramente Cota, tanto da fargli perdere anche un punto. D’altro canto la presenza di Bono per il Movimento 5 Stelle disturberà la Bresso. Da vedere se correrà anche il PCL, non ci sono notizie al momento e non è stato preso in considerazione. Queste le percentuali

Bresso (CSX) 49%

Cota (CDX): 47%

Altri: 4%

 LIGURIA: E’ diventato ufficiale l’appoggio dell’UDC a Burlando, che rischia però di veder scappare i Radicali. Dovrebbe correre anche Sanguineti del PCL. Con questo scenario il Centrosinistra ha un vantaggio lieve ma che può solo aumentare, imbarcando i Radicali, che, tra l’altro, dovrebbero avere difficoltà nella raccolta delle firme. Queste le percentuali:

Burlando (CSX) 50%

Biasotti (CDX): 48%

Altri: 2%

 LAZIO: Il Centrodestra  ha problemi gravi. In primis, la Polverini si sta rivelando un candidato imbarazzante, sotto tutti i punti di vista, c’è molto scontento intorno a questa persona. Se a questo aggiungiamo la presenza sicura di Fiore e la probabile di Romagnoli comprendiamo come i 4 punti che fino a poco tempo fa venivano accreditati alla candidata della destra  non ci sono più; anzi ora è la Bonino a condurre, anche perché sta raccogliendo simpatie anche a destra, fra gli imprenditori  e nel mondo cattolico.

Queste le percentuali:

 Polverini (CDX): 48%

Bonino (CSX): 48%

Altri: 4%

 (altro sondaggio)

candidati

Polverini (CDX): 49,5%

Bonino (CSX): 48,5%

Altri: 2%

partiti

Centrodestra: 51,5%

Centrosinistra: 47,0%

Altri: 1,5%

 CAMPANIA: Acque agitate tra il Centrodestra e l’UDC, contrasti sulla candidatura alla provincia di Caserta, reclamata a viva voce dall’UDC, l’accordo da molti dato sempre per definito tarda a venire.   Qualora ciò non accadesse la situazione potrebbe riaprirsi. Nel frattempo De Luca sta lavorando a pieno ritmo. Il PSI chiede l’accordo con Sinistra e Libertà, per eleggere dei propri candidati. Comunque tutto il centrosinistra sembra schierato con il sindaco di Salerno. Caldoro pur dato ancora per vincente vede assottigliarsi il margine di vantaggio.

Queste le percentuali:

Caldoro (CDX): 51%

De Luca (CSX): 47% 

Altri: 2%

PUGLIA: Vendola vince le primarie, l’UDC candida la Poli Bortone e il PDL lancia Rocco Palese. Dopo questo terremoto il risultato è una perfetta parità con la Poli Bortone che attira un pò di voto disgiunto dal Centrodestra; se questa terza candidatura decollerà Vendola vincerà facilmente, se invece scendesse le possibilità di Palese crescerebbero notevolmente.
Queste le percentuali:

Vendola (CSX): 44% 

Palese (CDX): 42%

Poli Bortone (IO SUD): 13% 

Altri: 1%

CALABRIA:Il Centrosinistra  è diviso, Loiero non vuole mollare, Callipo tira dritto sostenuto da Di Pietro, si parla di corsa a 3. E’ probabile tuttavia che alla fine troveranno un accordo, in questo caso abbiamo testato Loiero. Scopelliti sembra avanti di 4 punti ma è testa a testa nel voto di lista.

Queste le percentuali:

Scopelliti (CDX): 51%

Loiero (PD): 24% 

Callipo (IDV): 23% 

Altri: 2%

LOMBARDIA: A Milano è tutta una gara di presenzialismo, i candidati cercano di piacere con la presenza alle manifestazioni, con  manifesti ammiccanti e sorrisi a tutto spiano. Ma la sostanza è che Formigoni è sempre in testa con Penati a guardare da lontano e l‘UDC al di sotto degli standards nazionali. Non ci sono speranze per il centrosinistra.

Queste le percentuali:

Formigoni (CDX): 52%

Penati (CSX): 38% 

Pezzotta (UDC): 4,5%

Cappato (LPB): 2%

Agnoletto (FDS): 1,5%

Crimi (M5S): 1%

VENETO: «Giancarlo Galan, attuale governatore del Veneto, sarà un ottimo ministro dell’agricoltura». Lo ha detto il premier, Silvio Berlusconi, nel corso della presentazione del libro di Bruno Vespa, aggiungendo di non avere dubbi sul fatto che Roberto Cota, candidato Pdl del Piemonte vincerà le elezioni.

Quindi piena sintonia fra PDL e Lega nel Veneto.
Il candidato del centrosinistra Bortolussi si mostra ottimista: «Sento un clima positivo, resta il rammarico del mancato accordo con L’Udc, ma ci proveremo lo stesso a vincere». Da parte sua, Luca Zaia, conosciuta la scelta del Pd ha ricambiato i complimenti: «Mi spiace per Laura Puppato che conosco e so essere brava amministratrice, benvoluta dalla gente; conosco anche Giuseppe Bortolussi e lo reputo in gamba».

Queste le percentuali:

Zaia (CDX): 60%

Bortolussi (CSX) 33%

De Poli (UDC): 6%

Altri: 0,5%

 

 

Ecco infine le previsioni percentuali per le rimanenti regioni dell’Emilia, Marche e Umbria:

 

EMILIA ROMAGNA

Errani (CSX) 56%

Bernini (CDX): 40%

Galletti (UDC): 4%

MARCHE

Spacca (CSX): 50%

Marinelli (CDX): 45%

Cand. FDS (FDS): 3%

Venturelli (PCL): 1%

Altri: 1%

UMBRIA

Marini (CSX): 50%

Modena (CDX): 46%

Altri: 4%

febbraio 7, 2010

Previsioni elettorali per regione in Puglia, Marche,Emilia Romagna,Lombardia, Liguria,Piemonte

PUGLIA

 metodologia CATI su 800 elettori

 Chi votereste come governatore se le elezioni si svolgessero oggi?

Palese (CDX): 47,5%

Vendola (CSX): 42,1%

Poli Bortone (UDC+IO SUD): 10,1%

Altri: 0,3% 

 MARCHE

 metodologia CATI su 400 elettori

 Chi voteresti tra questi candidati alla carica di governatore?

 Spacca (CSX): 49,8%
Marinelli (CDX): 44,7%

Cand. Com (COM): 3,6%

Venturelli (PCL): 0,9%

Altri: 1,0%

 EMILIA ROMAGNA

 metodologia CATI su 800 elettori

 Chi voteresti tra questi candidati alla carica di governatore?

 Errani (CSX): 51% 

Bernini (CDX): 43%

Galletti (UDC): 4%

Altri: 2,0%

 LOMBARDIA

 metodologia CATI su 1000 elettori

 Chi voteresti tra questi candidati alla carica di governatore?

Formigoni (CDX): 60% 

Penati (CSX): 29% 

Pezzotta (UDC): 5%

Agnoletto (COM): 3%

Cappato (RAD): 1%

Altri: 2%

 LIGURIA

 metodologia CATI su 400 elettori

 Chi voteresti tra questi candidati alla carica di governatore?

 Biasotti (CDX): 48,5%

Burlando (CSX): 48,0% 

Viale (RAD): 1,5%

Sanguineti (PCL): 1,0%

Altri: 1,0%

 PIEMONTE

 metodologia CATI su 1000 elettori

 Chi voteresti tra questi candidati alla carica di governatore?

 Cota (CDX): 49,5%

Bresso (CSX): 49,0% 

Cand. PCL (PCL): 1,0%

Altri: 1,0%

,