Posts tagged ‘elezioni regionali 2010 campania’

marzo 27, 2010

Buonanotte compagni.

Questa canzone me la insegnò mia nonna Giorgia. Ricordo, che avendo pochi anni mi faceva molta impressione il pensiero di dover camminare con le scarpe rotte, ma poi mi rincuoravo fantasticando di potermi riscaldare su una spiaggia immaginaria dove sorgeva il sol dell’avvenire.

Domani si vota. Auguri compagni, non sprechiamo questa occasione.

A proposisto per i compagni di Avellino e provincia non dimenticate di votare Salvatore Cianciulli, nella lista Campania Libera.E’ un bravo compagno.

marzo 17, 2010

Elezioni regionali 2010, per i bookmaker in Campania vincerà Caldoro

Opposizione in testa in Lazio, Piemonte e Puglia, maggioranza avanti in Veneto e Campania: è la previsione del bookmaker maltese Bet1128 che ha deciso di aprire le quotazioni sull’esito del voto regionale per cinque delle sfide elettorali più incerte in programma a fine mese. In Italia le scommesse sulla politica nazionale non sono consentite, ma il bookie, che già aveva aperto le giocate sul ricorso della lista Pdl al Consiglio di Stato, continua ad avere un occhio di riguardo per le vicende politiche italiane. Emma Bonino – rende noto l’agenzia specializzata Agipronews – è leggermente in vantaggio su Renata Polverini: per la corsa a presidente della regione Lazio vale 1,75, a distanza ravvicinata la sindacalista proposta a 1,90. Stessa valutazione per le elezioni in Piemonte: quota 1,75 per Mercedes Bresso del Pd, il leghista Roberto Cota è a 1,90. Ancora meglio per Nicky Vendola: dopo aver vinto le primarie è in vantaggio a 1,70 per la riconferma alla regione pugliese, lo sfidante Rocco Palese (Pdl) è a 1,95. La quota più bassa in assoluto, però, è per Luca Zaia come prossimo governatore del Veneto: 1,50 sull’attuale ministro padano, Giuseppe Bortolussi del Pd è dietro a 2,30. Centrodestra avanti nei “sondaggi” del bookie estero anche in Campania: Stefano Caldoro (Pdl) è a 1,60, Vincenzo De Luca del Pd è a quota 2,10.

Sarà un piacere smentire i bookmaker e mandare a casa Caldoro.

marzo 8, 2010

Elezioni regionali 2010 Campania: previsioni di voto.

 

Voto di Lista
(var. rispetto al 23 febbraio 2010)
CENTRO DESTRA: 53,0% (-1,0%)
– POPOLO DELLA LIBERTA’: 35,5% (-0,5%) 
– UNIONE DI CENTRO: 8,0% (INV)
– UDEUR: 3,0% (-0,5%)
– LA DESTRA: 1,5% (INV)
– Altri CDX (MPA-NPSI-PRI-It. mondo, Noi Sud, All.Centro-DC, All. Popolo) *: 5,0% (INV)
CENTRO SINISTRA: 42,0% (+1,5%)
– PARTITO DEMOCRATICO: 25,5% (+0,5%)
– ITALIA DEI VALORI: 7,5% (+0,5%)
– SINISTRA ECOLOGIA e LIBERTA’: 4,0% (INV) 
– ALLEANZA X L’ITALIA: 2,0% (+0,5%)
– VERDI: 1,5% (INV)
– Altri CSX (Pannella-Bonino, Campania Libera) *: 1,5% (INV)
FEDERAZ. DELLA SINISTRA (RC, PDCI): 3,5% (+1,0%) 
MOV. 5 STELLE: 1,0 % (+0,5%)
 Migliora ancora il PD. Il CDX resta nettamente avanti (11 punti), anche se il PDL non brilla affatto e l’UDC non guadagna un granche’. La differenza è ancora molta.
Candidati Presidente: 
Caldoro (CDX+UDC) 51,5% (-1,0%)
De Luca (CSX): 44,0% (+2,0%)
Ferrero (Com): 3,5% (INV) 
Fico (M5S): 1,0% (+0,5%)
 De Luca si dimostra buon candidato, ma con la presentazione isolate per lista dei Comunisti del segretazio di Rifondazione, le chance si sono ridotte in modo drastico, anche se ora e’ solo a 7-8 punti dall’avversario. Caldoro resta sopra la maggioranza assoluta ma continua a flettere. Restano pochi giorni per tentare di evitare che la Camapania finisca nelle mani della Camorra.
Diverso il parere di Crespi ricerche che accorcia le distanze fra De Luca e Caldoro:
VERSO LE ELEZIONI REGIONALI IN CAMPANIA
 crespi_campania_candidati_02_03_2010.jpg

 

marzo 5, 2010

Le previsioni di voto: sintesi di tutte le regioni.

SpinCon.it

marzo 4, 2010

REGIONALI 2010 CAMPANIA: STEFANO CALDORO in testa su DE LUCA AL 47%

CALDORO_01

Mentre impazza la bagarre per la mancata presentazione delle liste del Pdl nel Lazio, il count down per le elezioni di fine mese procede inesorabile verso il d‐day. E per il centrodestra, il colpo di scena che, salvo ricorsi accolti dell’ultima ora, priverà candidati ed elettori della possibilità di essere eletti e di votarli, suona quasi come una resa anticipata nella regione del dopo‐Marrazzo.

Viaggia, per ora, sulle ali dei sondaggi Stefano Caldoro, candidato governatore del centrodestra in Campania, che pur perdendo un punto di vantaggio rispetto alla rilevazione del 18 febbraio, resta saldamente al comando (con il 53% dei consensi, rispetto al 54 di dieci giorni fa), su Vincenzo De Luca (47% contro il 46 del 18 febbraio), stando all’ultima fotografia scattata da Crespi Ricerche. Anche se, pure in Campania non sono mancati problemi con le liste.

Il tribunale di Avellino ha escluso dalle prossime regionali “Alleanza di Popolo”, a sostegno del candidato Stefano Caldoro per il centrodestra. Motivo: presentata fuori termine e per carenza di docu‐ mentazione. Nella provincia Irpina saranno dunque complessivamente 17 le liste per i 5 seggi utili in consiglio regionale.

Sette a sostegno del candidato governatore del centrodestra: Pdl e Noi Sud, Udeur, Alleanza di Centro, Udc, la Destra e Per Caldoro.

Tornando al quadro generale, resta ancora molto ampio il partito degli indecisi sebbene leggermente sgonfiato (28,3% rispetto al 28,6%).

Dando uno sguardo all’andamento delle liste, il centrodestra che corre in Campania insieme all’Udc, si attesta sul 55% delle preferenze (1,3% in meno rispetto alla rileva‐ zione del 18 febbraio), contro il 42,2% del centro‐sinistra, che registra una flessione dello 0,3%.

Nel dettaglio, il Popolo della libertà (41,5%) è il primo partito non solo della coalizione ma dell’intera compagine politica regionale. Seguono l’Udc (8%), l’Udeur (3%), La Destra (2%) e l’Mpa (0,5%).

 Sul versante del centrosinistra, il Pd detiene la maggioranza relativa con il 23,5%, seguono l’Italia dei valori (9%), Sinistra ecologia e libertà (3,5%), Prc+Pdci (3,2%), Verdi (1%), Partito socialista (1%), Lista Pannella Bonino (1%).

Anche sul fronte delle liste, il partito degli indecisi resta molto consistente (28,3%).

marzo 3, 2010

De Luca al Pdl: fuori dalle liste chi prende voti dalla camorra

Incassato con soddisfazione anche il sostegno di Bassolino, il candidato del centro sinistra alla Presidenza della Regione Campania, Vincenzo De Luca, punta lo sguardo a Napoli, rivolgendo ai cittadini della metropoli campana una richiesta di voto basata sulla valutazione del suo lavoro fatto fin ora e sul proposito di cambiare tutto, per realizzare una vera e propria rivoluzione. Nelle dichiarazioni rilasciate a margine dell’incontro tenuto con Antonio Bassolino, De Luca sottolinea l’importanza della disputa elettorale che si svolgerà a Napoli, soffermandosi anche sull’indagine della DDA di Napoli, ritenendola doverosa e benefica. De Luca auspica tempi rapidi dell’indagine sottolineando che la vicenda del Pdl è scandalosa ed intollerabile, affermando che la battaglia contro i poteri criminali non è di parte e che il tempo delle ambiguità è finito bisogna fare chiarezza. In questo contesto il Pdl deve dire se ha intenzione di buttare fuori dalle liste chi prende i voti dalla camorra e quelli condannati per peculato. Concludendo sulla vicenda sottolinea che è tempo di mettere sotto i riflettori tutto dalla A alla Z. Fuori chi è delinquente ed è legato alla camorra.

 

 
marzo 3, 2010

Regionali, Addeo: in campo per dare voce alle aree interne

Scendo in campo per dare voce alle aree interne”. Chiunque provi a chiedere a Franco Addeo il perché della sua candidatura alle regionali tra le file dei Verdi, si sorbirà sempre lo stesso ritornello.  “Sono pronto alla sfida – spiega Addeo – La macchina organizzativa è già in moto per intercettare il consenso di quanti, sia nel Vallo Lauro-Baianese che nel resto della provincia, si sentono poco rappresentati a livello regionale. Sono abituato al governo del fare, provengo da una pluridecennale esperienza amministrativa e ritengo di conoscere bene le problematiche che attanagliano le aree periferiche, le cosiddette “zone di frontiera”. Il problema più grande è quello relativo alla impossibilità di prendere decisioni. Quando in ballo vi è il rilancio economico e sociale dei territori, gli amministratori dei piccoli enti locali sono sempre costretti a negoziare con il governo regionale.  Chiedo un voto per intraprendere la battaglia contro il centralismo decisionale della Regione Campania”. Nei prossimi giorni, Addeo inizierà il suo tour elettorale. Al compagno Franco, compagno di tante battaglie, costretto ad emigrare nelle liste dei verdi per l’evaporazione del PSI Campano i miei auguri personali e di tutti i compagni di “quaderni socialisti”.

febbraio 28, 2010

Regionali, SeL – Avellino presenta domani i candidati

Regionali, SeL presenta domani i candidati Sinistra Ecologia e Libertà presenta lunedì (domani) le candidate e i candidati alle prossime elezioni regionali. Alla conferenza stampa, che si svolgerà al Centro Sociale di Avellino, parteciperanno ovviamente tutti i candidati irpini: Giovanni La Vita, Maria Grazia Valentino, Arcangela Iannone, Antonio Petoia, Nando Todino. Ad aprire l’incontro con la stampa, alle ore 17, saranno: Nicola Cicchetti, Marco Riccio e Gennaro Imbriano.

febbraio 27, 2010

Elezioni regionali 2010: sondaggi freschi di giornata

LAZIO: Polverini +4,0% (+2,0%)
UMBRIA: Marini +5,5%
LIGURIA: Biasotti +1,5% (+0,5%)
PIEMONTE: Cota +1,5% (INV)
PUGLIA: Palese +2,0% (+1,0%)   
CRESPI 22/02
LAZIO: Polverini +1,0%
LOMBARDIA: Formigoni +26,5%
PIEMONTE: Bresso +1,0%
BASILICATA: De Filippo +9,5%

 

 

 

IPSOS 22/02
ITALIA: Centrodestra +6,0%
PIEPOLI 18/02
LAZIO: Polverini +4,0%
CRESPI 18/02
VENEZIA: Brunetta +10,0

 

 PIEPOLI 17/02
PIEMONTE: Bresso +2,0%/+3,0%
IPSOS 12/02
LAZIO: Polverini +2,0%

 

LORIEN 09/02
TOSCANA: Rossi +22,0

in serata scovati nuovi Euromedia

EUROMEDIA 16/0
PUGLIA: Vendola +3,0% (-5,0%)
LIGURIA: Burlando +1,0% (+2,5%)
MARCHE: Spacca +6,0% (+2,0%)
LAZIO: Polverini +2,0% (-2,0%)
CAMPANIA: Caldoro +2,5% (-0,5%)
BASILICATA: De Filippo +13,5% (+8,0%)

CALABRIA: Scopelliti +9,0% (+3,0%)

LOMBARDIA: Formigoni +21,5% (-12,5%)
PIEMONTE: Bresso +2,5% (+2,0%)
VENETO: Zaia +19,5% (-2,5%)
EMILIA ROMAGNA: Errani +17,0% (-4,0%)
TOSCANA: Rossi +17,5% (-4,5%)
UMBRIA: Marini +13,5% (+4,5%)

  

febbraio 24, 2010

Caldoro a favore del nucleare

Se Caldoro dovesse vincere le elezioni per la presidenza della Regione Campania potremmo ritrovarci in  casa una bella centrale nucleare. Infatti il candidato del Centrodestra   Caldoro si è lanciato in una affermazione impegnativa quanto ambigua, ardita quanto impopolare: Non servono scontri, la logica dello scontro ha prodotto solo danni in questi ultimi quindici anni. La strada è quella del confronto, delle idee, della politica del fare. Interverremo sul costo dell’energia, realizzeremo le opportune infrastrutture e individueremo grandi obiettivi strategici. Punteremo sulle energie rinnovabili e ci apriremo al nucleare. Praticamente mentre tutte le regioni si dichiarano contrarie al nucleare Stefano Caldoro, da Presidente, accetterà che vengano costruite centrali nucleari in Campania. Magari in una bella zona sismica o sotto il Vesuvio, che è meglio. Il candidato del Pdl chiarisce: questo non vuol dire che si costruirà una centrale in Campania ma significa solo che non possono esserci no ideologici che penalizzano imprese e famiglie. Che non significa niente. Un motivo in più per non votare il compagno Caldoro e mandarlo pure affanculo.