Posts tagged ‘disoccupazione femminile’

aprile 30, 2013

Nuovi dati Istat: 248mila posti di lavoro persi. Per giovani e donne la crisi non ha fine


Il governo incassa la fiducia e promette riforme del mercato del lavoro. Intanto la disoccupazione è al 11,5%, quella giovanile al 38,4% e quella femminile risulta con 70mila unità in meno. Ed i suicidi aumentano, come afferma lo studio dell’’Osservatorio nazionale sulla salute nelle regioni italiane.

NUOVO GOVERNO, CRISI VECCHIA – Dopo il “rimbalzo tecnico” di febbraio, a marzo il numero di occupati (su base mensile) torna a diminuire: meno 0,2%, pari a una contrazione di 51mila lavoratori complessivi. Su base annua l’occupazione cala dell’1,1% per circa 248mila unità lavorative perse. Peggiora invece il tasso di disoccupazione giovanile (nella fascia d’età 15-24 anni) che sale al 38,4%, in aumento di 0,6 punti percentuali su febbraio e addirittura di 3,2 punti percentuali nel confronto tendenziale. Mentre a livello complessivo, a marzo, il tasso di disoccupazione complessiva si attesta all’11,5%, stabile rispetto al mese precedente, ma in aumento di 1,1 punti percentuali nei dodici mesi.

Questi i dati diffusi dall’Istat pochi giorni fa che mostrano tutte le difficoltà del mercato del lavoro Italiano, confermando così come l’emergenza occupazionale – e quella salariale non allineata con l’inflazione – siano al centro delle necessità della crisi del sistema Italia.NUOVO…Visualizza altro

marzo 15, 2013

Maggioranze che contano veramente.

Si insedia oggi un Parlamento senza maggioranza, troppo impegnato a discutere di legge elettorale, alleanze, presidenze delle Camere e coalizioni per ricordare della disoccupazione giovanile, del welfare, della precarietà, della crisi, del lavoro.

Ma l’unica vera maggioranza è quella rappresentata dalla percentuale dei giovani senza lavoro, che ormai ha toccato quota 38,7% in Italia, secondo gli ultimi dati Istat. Una percentuale che supera di gran lunga quella ottenuta dai partiti e dalle loro coalizioni durante l’ultima tornata elettorale.

ottobre 8, 2012

Fare la calza o niente.

Per le ragazze del Mezzogiorno lavorare e’ l’eccezione: secondo i dati dell’Istat, infatti, nel secondo trimestre del 2012 il tasso d’occupazione tra le under 30 e’ appena al 16,9%. Un livello cosi’ basso non si era mai registrato sin dall’inizio delle serie storiche trimestrali, ovvero dal secondo trimestre 2004.

Un minimo che evidenzia come l’occupazione per le ragazze al Sud abbia toccato il fondo. E’ da tenere presente che nella fascia d’eta’ 15-29 anni e’ molto elevata la quota di studenti, soprattutto tra i piu’ giovani. Guardando alle 18-29enni meridionali, il tasso di occupazione presenta un lieve miglioramento, al 20,7%. E’ evidente il divario con il Nord, dove la quota di giovani occupate tra i 18 e i 29 anni sale al 45,7%, e con la media nazionale (pari al 34,0%).