Posts tagged ‘degrado ambientale’

settembre 24, 2012

Frana alle Cinque Terre sulla Via dell’Amore: quattro i feriti, due gravi.

UPDATE: Il Comune di Riomaggiore ha chiuso il primo tratto del sentiero n.2 del CAI. L’ordinanza d’interdizione del transito pedonale entra in vigore da ora e fino a data da destinarsi per preservare la pubblica incolumità.

Frana alle Cinque Terre sulla Via dell’Amore (si ringrazia per la foto il quotidiano Città della Spezia): quattro i feriti, di cui due gravi. È avvenuto questa mattina, non molto distante da Riomaggiore (La Spezia): un costone di roccia si è staccato dal versante dopo una notte di pioggia intensa. La caduta di pietrisco, avvenuta prima di una galleria, per cause ancora da accertare, ha colpito quattro donne che transitavano nel tratto di strada sottostante. Tutti e quattro turisti australiani di giovane età: tre donne ed un uomo.

Due di loro, secondo quanto riporta Il Secolo XIX, non hanno riportato ferite preoccupanti e sono stati immediatamente tratti in salvo. Gli altri due, invece, versano in condizioni più gravi e sono stati portati uno all’Ospedale Sant’Andrea di La Spezia e l’altro al San Martino di Genova in elicottero.

Continua a leggere: Frana alle Cinque Terre sulla Via dell’Amore: quattro i feriti, due gravi

agosto 21, 2012

La fine ingloriosa delle Olimpiadi.

Le Olimpiadi occasione di sviluppo, ricchezza, eccetera eccetera? Si, è vero, si investono milioni di euro e si occupa tanto suolo ma poi gli edifici verrano riutilizzati, renderanno finalmente vivi quartieri periferici degradati, daranno lavoro risollevando, almeno parzialmente e temporaneamente dalla crisi, eccetera eccetera? L’ennesima favoletta per i polli che vanno a dormire presto e non tengono gli occhi ben aperti sul post-grande evento pseudogreen.

A tenere gli occhi e l’obiettivo ben aperto sono stati invece il fotografo Jon Pack ed il regista Gary Hustwit, con il loro progetto The Post-Olympic City che li ha portati in giro per il mondo, in diverse città che hanno ospitato le Olimpiadi in passato, a documentare che ne è stato dei buoni propositi di sostenibilità ambientale a lungo termine.

Degrado ambientale post-Olimpiadi Degrado ambientale post-Olimpiadi Degrado ambientale post-Olimpiadi Degrado ambientale post-Olimpiadi

Degrado ambientale post-Olimpiadi Degrado ambientale post-Olimpiadi

Continua a leggere: La fine ingloriosa delle Olimpiadi in diverse città, tra cementificazione e degrado ambientale

aprile 2, 2012

Ambiente: Unep, ritmo degrado pianeta supera nostre azioni.

(ANSA) – ROMA, 30 MAR – Il Pianeta viaggia a una velocita’ superiore alla nostra capacita’ di reazione. Cosi’ Achim Steiner, sottosegretario generale dell’Onu e direttore esecutivo dell’Unep (Programma ambiente delle Nazioni unite), durante l’Aurelio Peccei lecture, la conferenza accademica annuale intitolata al fondatore del Club di Roma, organizzata a Roma dal Wwf Italia e dalla Fondazione Peccei in collaborazione con UniCredit, e dedicata al vertice mondiale sullo sviluppo sostenibile di Rio+20. ”Siamo ancora sulla strada sbagliata – spiega Steiner – la nostra capacita’ di agire e’ stata superata dal ritmo del degrado e dell’erosione del Pianeta”. Secondo il direttore dell’Unep un terzo della popolazione si ritrovera’ a breve a vivere in terre con problemi legati alla scarsita’ d’acqua. ”In 200 anni di rivoluzione industriale – aggiunge – siamo stati in grado di cambiare le condizioni del Pianeta”, dalle emissioni di CO2 al buco dell’ozono. Ora, ”in meno di 50 anni avremo sfruttato gli oceani talmente tanto che i 2/3 delle creature andranno perse”.

gennaio 2, 2012

Il prossimo Natale sarà senza renne.

renne

Le renne (Rangifer tarandus) hanno una funzione ecologica cruciale. A ricordarcelo, in occasione delle festività natalizie, è l’IUCN, l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura.

L’associazione approfitta del Natale, periodo in cui le renne dominano su cartoline e carta regalo trainando la slitta di Babbo Natale, per attirare l’attenzione sulla necessità di salvare le renne dal rischio estinzione.

Le renne hanno un habitat molto vasto, sono capaci di percorrere oltre 3000 km in un anno alla ricerca di cibo e di climi più favorevoli. In Nord America le renne sono scomparse da molte aree: in Canada si è registrato un declino del 50% in Ontario, del 60% in Alberta e del 40% nella British Columbia.

Continua a leggere: Le renne sono in declino e la colpa non è di Babbo Natale