Posts tagged ‘crisi italiana’

gennaio 9, 2015

FT: RENZI È L’ULTIMA SPERANZA DELL’ÉLITE ITALIANA


Il Financial Times si occupa della situazione italiana ribadendo con pervicacia tutti i luoghi comuni che attibuiscono le cause del declino italiano a una endemica debolezza del nostro paese, e confidando negli effetti salvifici delle “riforme epocali” di cui Renzi si farebbe portatore per salvare l’eurozona. Una cosa vera però il FT la dice: Renz Altro…

ottobre 11, 2013

La manovrina di Saccomanni annuncia il disastro prossimo venturo

Tagli ai ministeri e ai trasferimenti agli enti locali (1,1 mld), vendita di immobili del Demanio e dello Stato a Cdp (500 milioni). Il Governo tira a campare. E nella sua scala delle priorità mette prima il rientro dal “confine” del 3%, “perché lo vuole l’Europa”. Fabrizio Saccomanni,in partenza per Washington e Lussemburgo, con la…Visualizza altro

luglio 11, 2013

Dramma lavoro, la grande beffa di Letta.

 

Michele Azzu – Il governo promette duecentomila posti per i giovani. Ma sono cifre gonfiate che includono anche i tirocini formativi. E le misure approvate dimenticano le partite Iva e penalizzano chi studia. Per non parlare delle ‘staffette generazionali’ e dei ‘contratti di solidarietà’, tanto pubblicizzati quanto poco risolutivi
(04 luglio 2013)
Duecentomila postVisualizza altro

ottobre 8, 2011

Siamo sicuri che ce la fa?

Silvio ha un chiodo fisso: la gnocca,
Tanto che vorrebbe dedicarle il suo partito,
ma alla sua età ce la farebbe ??
marzo 13, 2010

The Economist: Berlusconi burlesque

 

L’uno due micidiale del caos pre-elettorale delle liste e dell’approvazione della legge sul legittimo impedimento non poteva non suscitare quel misto di sdegno e ilarità che è purtroppo quanto la stampa britannica ci riserva, insieme a una crescente preoccupazione, da un anno a questa parte.

Il titolo dell’Economist non ha bisogno di commenti: “Berlusconi’s burlesque”; il settimanale, scrivendo mentre gli eventi sono evidentemente in divenire, subito dopo precisa: “un farsesco fallimento nel registrare i candidati in tempo”.

Ecco un passaggio chiave dell’articolo, pubblicato sull’edizione cartacea: “Cosa fai se sei nei guai, non essendo riuscito a stare nelle regole? Nel caso di Silvio Berlusconi, alteri le rigole. (…) Il decreto ha trasformato una farsa in un altro esempio del disprezzo delle regole di Berlusconi, coerente con un nuovo disegno di legge che permette ai ministri di ritardare i processi penali contro di loro.”

L’Economist osserva quindi, com’è evidente, che “la decisione ha generato una crescente sensazione di incompetenza tra i funzionari del PdL”.

Sul legittimo impedimento scrive anche il Daily Telegraph, che titola così: “Silvio Berlusconi sfuggirà alle accuse di corruzione grazie a una nuova legge.” “Silvio Berlusconi sta per sfuggire ancora una volta alle accuse di corruzione dopo che il Parlamento italiano ha fatto passare una nuova legge che permette al primo ministro di proclamare che è troppo occupato per essere presente al processo” Sulla genuinità di questi impegni, il Daily Telegraph allude: “In passato ha argomentato che una cerimonia d’inaugurazione di un tratto d’autostrada fosse un scusa valida per aggirare un processo.”

Siamo, appunto, alla farsa.