Posts tagged ‘Crazy’

giugno 30, 2011

Crazy – Gnarls Barkley – Buonanotte compagni.

Questa canzone è la più perfetta esemplificazione di cos’è stato il pop negli anni ’00. Un successo nato nell’underground – ma pensato per poter essere trasmesso da qualsiasi radio del mondo – puntualmente, Crazy ha sbancato le classifiche, e in poco tempo è diventato un classico coverizzato da chiunque: da Nelly Furtado a Billy Idol. Merito di un duo geniale, multitasking e iperricettivo come quello composto dal dj e produttore Danger Mouse e dal rapper (dalla voce studiatamente irritante) Cee Lo. Il testo ricama appunto sulla loro amicizia, e sul fatto che senza prendersi dei rischi (passando quindi per “pazzi”) non si va da nessuna parte. Evidente-mente ispirata alle colonne sonore spaghetti western di Ennio Morricone, Crazy è in realtà costruita attorno a un campione del brano Last Man Standing di Gian Piero e Gianfranco Reverberi, dalla colonna sonora di Preparati la bara, diretto nel 1968 da Ferdinando Baldi. Uno dei dischi di platino per il successo in classifica di Crazy fa oggi bella mostra di sé appeso nel bar del figlio di uno dei due fratelli Reverberi, in piazza Sarzano a Genova…

giugno 17, 2011

Crazy – Patsy Cline – Buonanotte compagni.

Patsy Cline (1932-1963) non fu esattamente colpita quando il marito Charlie Dick le sottopose il demo che gli aveva inviato un debuttante compositore 28enne di Nashville, un certo Willie Nelson… E quando seppe che il titolo era Crazy, esclamò: «Deve esserlo per forza, pazzo, per aver scritto una roba del genere!». Con l’aiuto del produttore Owen Bradley, però, Cline riadattò la canzone al suo stile, aggiungendo pure un ricco arrangiamento di cori per le voci del gruppo gospel dei Jordanaires, mentre l’interpretazione di Patsy Cline, registrata in una singola take, infuse alle liriche di Nelson un sottotesto di raffinata sensualità. Crazy stabilì un nuovo canone per un country più sofisticato, da quel momento in poi denominato “countrypolitan”. Patsy non potè purtroppo continuare l’opera iniziata con Crazy: morì, infatti, nel marzo 1963, in un incidente aereo proprio al picco della sua carriera. Dieci anni dopo, fu la prima solista donna a entrare nella Country Music Hall of Fame, mentre nel 2002 era al #1 della classifica “The 40 Greatest Women of Country Music”.