Posts tagged ‘corte d’appello’

luglio 1, 2010

Condanne come un campionato di calcio.

Marcello Dell’Utri passa il turno e si qualifica per la Cassazione.

gennaio 28, 2010

Protesta dei magistrati in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario

Esplode la protesta dei magistrati. Con la toga addosso, la Costituzione in mano usciranno fuori dalle aule giudiziarie in occasione  dell’inaugurazione dell’anno giudiziario nel momento in cui prenderà la parola il rappresentante del ministero della Giustizia. I magistrati attueranno la singolare protesta per manifestare il loro dissenso sulla politica della giustizia del governo, in occasione delle cerimonie di inaugurazione dell’anno giudiziario che si terranno sabato in tutti i distretti di Corte d’appello, i magistrati ricorreranno a un mix delle proteste che hanno già attuato in passato.

Ma non si fermeranno a questo: in tutti i distretti giudiziari i rappresentanti dell’Associazione nazionale magistrati leggeranno un unico durissimo documento per dire, innanzitutto al presidente del Consiglio, “basta insulti e aggressioni” e alla maggioranza stop a “riforme distruttive”, a “leggi prive di razionalità e di coerenza, pensate esclusivamente con riferimento a singole vicende giudiziarie e che hanno finito per mettere in ginocchio la giustizia penale in questo paese”. E poi distribuiranno un dossier, che dati alla mano di fonte europea, dimostra che i magistrati italiani “non sono fannulloni strapagati”.

“L’Anm ha scelto di macchiare una giornata che è per i cittadini e per il loro diritto di avere giustizia”, questo lo squallido commento del  ministro della Giustizia Angelino Alfano, il quale invece di affrontare il problema e porsi domande sulla gravità della manifestazione non sa fare altro che attaccare la Magistratura. Il dovere di avere giustizia caro Ministro comprende anche il dovere di sottoporsi al giudizio del proprio giudice naturale nel momento in cui si è inquisiti per qualsiasi reato. Almeno questo ci spiegava all’Università Federico II di Napoli il nostro professore di diritto penale Giovanni Leone