Posts tagged ‘cocaina’

giugno 24, 2013

la torta di nonna Pina.

Bufala, satira, leggenda metropolitana. Oppure “tutto vero“, come scrivono nel pezzo, anche se sembra “il copione di un film“. Empoli. Un 21enne acquista della coca, e la imbosca nella dispensa. La trova la nonna. Che ovviamente la utilizza per farne una torta. Ritrovano l’anziana in Chiesa, “intenta a fare gesti strani intorno al Crocifisso“.

 

 

– clicca per ingrandire / via
aprile 16, 2012

Consumo cocaina: lesioni fisiche e facciali di distruzione.

del , addirittura anche del e in casi fortunatamente poco frequenti della struttura del . Sono i danni derivanti dall’uso ampio ed abituale della , registrati e anche illustrati in uno studio a cira del Dipartimento antidroga della presidenza del Consiglio, diretto da Giovanni Serpelloni.

 
Nelle 35 pagine dello studio, che l’Adnkronos ha visionato, si rileva tra l’altro che il 4,8% di chi fa uso di (dunque, non consumatori abituali “pesanti”, ma tutti coloro che fanno uso abituale di ) subisce la “ della cartilagine del setto e alla sua ”. Le immagini dello studio, davvero crude, sono eloquenti al riguardo.
“Talvolta -afferma lo studio- le lesioni indotte da comportano un’ampia distruzione delle strutture osteocartilaginee del , dei seni paranasali e del , distruggendo le strutture esterne e interne di un volto provocando devastanti lesioni con danni estetici e funzionali”: le foto illustrano bene quanto scritto, mostrando visi praticamente piatti, con una piccola massa informe al posto del .

giugno 22, 2011

Cocaina: potrebbe essere una predisposizione cerebrale che porta alla dipendenza.

I risultati dello studio spiegherebbero almeno in parte perché alcuni soggetti sono più a rischio di dalle sostanze.

I ricercatori del Behavioural and Clinical Neuroscience Institute (BCNI) dell’Università di Cambridge hanno identificato alcune anomalie nelle strutture cerebrali nel lobo frontale di consumatori abituali di : proprio a esse sarebbe legato il comportamento compulsivo di uso della sostanza.

Secondo quanto viene riferito in un articolo apparso sulla rivistaBrain, i ricercatori, guidati da Karen Ersche, hanno effettuato scansioni dei cervelli di 120 soggetti, metà dei quali dipendenti dalla . Essi hanno così trovato che questi ultimi avevano un’estesa perdita di , direttamente proporzionale alla durata dell’uso della sostanza e questa riduzione di volume era associata a una maggiore compulsione al consumo.

Inoltre, si è riscontrato come le regioni cerebrali che sovrintendono ai meccanismi di ricompensa sulle quali la esercita la sua azione (i della base) fossero significativamente più ampie nei consumatori di ; ma l’entità di questo aumento non era correlata alla durata della . I ricercatori ritengono che siano proprio queste alterazioni nel sistema di ricompensa cerebrale a predisporre gli individui agli effetti della droga e alla .

gennaio 27, 2011

..e se fosse tossicodipendente?

l’altra faccia del potere del presidente del Consiglio quella raccontata dalle 227 pagine di atti inviate ieri dai pm di Milano alla Giunta della Camera per ottenere il via libera alla perquisizione degli uffici di Giuseppe Spinelli, il tesoriere del premier, addetto al pagamento delle escort. Nelle carte la testimone Maria MakDoum racconta ai magistrati una sua visita ad Arcore in luglio: “Finita la cena il presidente disse: ‘E ora facciamo il bunga bunga’ e spiegò cos’era, cioè una cosa sessuale. Le gemelle De Vivo ballavano in mutande e toccavano il Cavaliere nelle parti intime”. Il tutto, ovviamente, a pagamento. Come emerge dalle intercettazioni e dagli appunti in cui le ragazze annotavano le somme incassate e da incassare. La minorenne Ruby scrive: “170mila conservati da Spinelli, 4,5 milioni che ricevo da Silvio Berlusconi tra due mesi” . Il quadro prosegue poi con le telefonate della consigliera regionale Nicole Minetti, che sarà interrogata il primo febbraio: “Silvio è un pezzo di merda, vuole solo salvare il suo culo flaccido. Vuole metterci in Parlamento così ci paga lo Stato”. Ma non basta, nell’inchiesta entra anche la droga. E in quantità industriali. Ad agosto, il fidanzato di Marysthell Polanco viene fermato a bordo della macchina della Minetti. Gli trovano addosso della cocaina. Scatta una perquisizione nel garage di via Olgettina dove Marysthell vive insieme alle altre ragazze dell’harem. Risultato, vengono sequestrati più di 12 chili di sostanza stupefacente. Così, un misterioso “lui” (Berlusconi?) suggerisce alla Minetti di denunciare il furto dell’auto .