Posts tagged ‘clochard’

dicembre 23, 2013

Ma che Natale è?

dicembre 5, 2012

Qualcosa di sinistra.

Clochard al gelo. Requisite le case sfitte della Chiesa

… in Francia! Soluzione “creativa” e drastica per mettere urgentemente al riparo alcune migliaia di senza casa nel bel mezzo dell’ondata di freddo che ha colpito i transalpini.

Le…Visualizza altro

ottobre 24, 2011

In quest’Italia di merda ci sono anche le persone per bene.

Comincia tutto con un semplice caffè. In una domenica mattina come tante. Dino è in pensione, passeggiava per “passare il tempo” quando ha incrociato il clochard che avrebbe rivoluzionato l’ordine delle priorità nella sua vita e quella di altri cento disperati. «Mi dai qualcosa per la colazione?», si è sentito chiedere dallo sconosciuto. Gli ha messo tra le mani un euro. Portafoglio meno pesante, cuore più leggero, ha pensato. Dino Impagliazzo, 82enne, pensionato Inps, la domenica successiva si è presentato alla stazione Tuscolana con venti panini formaggio e prosciutto: «Non so bene spiegare il perché, ma quel caffè mi ha fatto scoccare la scintilla». Sua moglie Fernanda, che lo conosce bene, quando l’ha visto bussare alle porte dei vicini di casa per chiedere se in frigo fosse rimasto qualcosa per “quei ragazzi della stazione”, sapeva che quello sarebbe stato solo l’inizio: ha indossato il grembiule e cucinato del ragù. Oggi, trascorsi ben sei anni da quella “benedetta domenica”, non andrebbe più bene, perché “molti della compagnia”, come la chiamano loro, la carne non possono mangiarla. La “compagnia” sono un esercito di trecento “invisibili”, che ormai per mangiare contano su Dino e sui suoi amici. Miracolo nel IX Municipio? «Nessun miracolo – sorride a se stesso Dino – Ha presente il gioco del domino? Ho iniziato a far del bene, con me mia moglie, i vicini di casa e gli amici, ed abbiamo così scoperto di essere in tanti».