Posts tagged ‘cicchitto’

luglio 11, 2013

Cicchitto e co. translate.

cicchitto-migranti-translate-il-manifesto

Migranti, Cicchitto corregge il Papa. E Boso: “Spero affondi un barcone“. La vignetta oggi su il manifesto.
Voglio segnalare anche un post di Gilioli e un articolo del Redattore Sociale.

maggio 7, 2013

Dice Fabrizio Cicchitto, che di mafia se ne intende.

 

“Andreotti mediò con la mafia tradizionale”. Ho come l’impressione che si stia leggermente sottovalutando il comunicato stampa di Fabrizio Cicchitto, Pdl, diramato “in ricordo” di Giulio Andreotti…
“Con Giulio Andreotti muore una personalità che nel bene e nel male ha espresso lo spirito più profondo della Dc. Per lui la mediazione era l’essenza della politica e andava esercitata con tutti, dal Pci, ai grandi gruppi economico finanziari, agli alleati politici, fino anche alla mafia tradizionale, mentre invece condusse una lotta senza quartiere contro quella corleonese ()”.
aprile 7, 2013

A volte ritornano.

Pubblicato da

marzo 15, 2013

Massoni al parlamento.

Silvio Berlusconi  e fabrizio Cicchitto sono ufficialmente Massoni e sono presenti in parlamento. ma quanti altri ce ne sono di cui si ignora l’appartenenza?

 

 

ottobre 24, 2012

Il futuro del PDL

Non solo è la “rottamatrice” del Popolo della Libertà (…) – vorrebbe fare piazza pulita dei vari La Russa, Cicchitto, Verdini, Gasparri, pure della Minetti – ma in caso di primarie sarebbe pronta a sfidare Alfano, e presentarsi come candidata Premier. Il motto di Daniela Santanché, “Voglio un partito di plastica, perché la plastica è bellissima“, e allora eccola, con la solita sobrietà, fare shopping in centro a Milano.

 

 

giugno 27, 2012

Tutti al mare o è crisi.

l’ex-ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo

“Io ve lo dico: se ci volete far stare qui fino al 12-13 di agosto, sono problemi vostri… A quel punto ve la dovrete trovare voi una maggioranza: in bocca al lupo!”. Con queste parole e un tono sbrigativo, secondo l’agenzia Dire, ieri pomeriggio a Montecitorio il capogruppo Pdl Fabrizio Cicchitto si sarebbe rivolto al ministro dei Rapporti con il Parlamento Piero Giarda. Che in quel momento giusto al calendario dei lavori estivi stava accennando con il vice di Cicchitto, onorevole Baldelli, peraltro specialista in buffe imitazioni dei suoi colleghi. In tempi di antipolitica e di specifica rabbia antiparlamentare, tempi segnati da scandali castali e invocatissimi forconi, sacrifici già eseguiti e tirate di cinghia in vista dell’estate, il monito sull’intoccabilità delle ferie dei deputati merita senz’altro una segnalazione, così come la sorpresa del ministro che sulla base del dispaccio sarebbe rimasto “a bocca aperta”.

giugno 20, 2012

A lavorare!!

Operai che stanno in ferie tre mesi l’anno. Rinuncino ad una settimana di vacanza per far aumentare il Pil di un punto percentuale. L’idea “m’è venuta così, non bado, quel che mi vien da dire dico“, afferma il sottosegretario Gianfranco Polillo, nel Governo Monti grazie a Cicchitto, inarrivabile quando c’è da innalzare ulteriormente l’impopolarità dell’esecutivo.

 

 

[Clicca per ingrandire – Leggi tutto]
maggio 28, 2012

Onorevole Emilio Fede.

A Pavia c’è appena stato l’incontro del movimento #FormattiamoilPdl, tante le critiche mosse ai vertici del partito. Ad un certo punto una ragazza sbotta – è @FedericaDB – e chiede ad Alfano: “Ho letto che Emilio Fede vorrebbe concludere la sua vecchiaia da parlamentare: mi promettete che non lo metterete in lista?“. Il segretario farfuglia qualcosa, della serie “vigileremo“, ed il virgolettato finisce su Repubblica di oggi, titolo di pagina 14: ““Dimettetevi, il partito ha fallito”. Alfano contestato dai giovani Pdl. Da Pavia a Roma: rovinati da Minetti ed Emilio Fede“.

L’articolo viene letto dall’ex direttore del Tg4, che non ci vede più, e si sfoga con una raffica di messaggi su twitter. Una dozzina in pochi minuti. Ne ha per tutti, attacca i giovani, rivendica la battaglia contro “la gioiosa macchina da guerra di Ochetto“, ipotizza “Forza Emilio“, poi si scaglia contro quotidiano e ragazza, “che pena tutti e due“. Una rabbia che sfocia con un appello ai propri followers. “Rischio ma chiedo a voi di rispondere alla ragazza del Pdl che dice No ad Emilio in parlamento … ha ragione?“. Ma certo che no.

 

gennaio 4, 2012

La finanza indaga e il compagno Cicchitto s’incazza.

La finanza tra i Vip di Cortina d’Ampezzo per un’operazione di contrasto all’evasione fiscale. Controlli in alberghi e boutique di lusso, tra porsche e pellicce di visone. Scovati diversi evasori totali, personaggi del tutto ignoti al fisco che non hanno mai pagato un euro di tassa in vita loro.

Eppure c’è una parte politica che invece di applaudire alle forze dell’ordine, protesta e condanna queste operazioni di contrasto all’evasione fiscale.
La prima palma d’oro dell’imbecillità della casta 2012 tocca a Fabrizio Cicchitto, capogruppo del PDL alla Camera, già deputato del Partito Socialista di Craxi fin dal lontano 1976 e membro della loggia massonica P2.

Cicchitto non si limita a condannare i controlli della finanza nel regno dei VIP di Cortina, ma addirittura minaccia i vertici dell’agenzia per le entrate e della Guardia di Finanza affinchè non si permettano più in futuro di mettere il naso nei conti e negli affari degli straricchi evasori e commercianti di Cortina. Nel suo comunicato all’ansa di stamane il tono intimidatorio di Cicchitto è alquanto chiaro: “coloro che sovrintendono alla lotta all’evasione fiscale e quindi tra essi in primo luogo il dottor Befera devono anche avere la consapevolezza che operazioni come quelle fatte ieri a Cortina con controlli a tappeto rispetto a tutta un’area perche’ presumibilmente popolata in queste vacanze da ricchi sono del tutto inaccettabili e chiaramente ispirate a una concezione ideologica del controllo fiscale”.

Qui di ideologia ce ne è ben poca, di soldi nascosti al fisco invece ce ne sono tanti.
E a pagare continuano ad essere sempre e solo gli onesti imprenditori, i lavoratori e i pensionati.
Insomma, a Cicchì, ma vaffanCortina…
ottobre 14, 2011

L’ultimo giapponese.

L’ultimo giapponese nella giungla berlusconiana… Quello che vuole il condono… Quello che ogni giorno apre bocca per infangare “la sinistra”… Quello che difende il bunga bunga senza manco partecipare 😉 … Quello che ha venduto anche l’anima al suo padrone… Quello che una volta era “socialista”, e poi craxiano e che fu preso a schiaffi da Riccardo Lombardi. Una merda.