Posts tagged ‘cellulite’

aprile 19, 2013

Cellulite, se c’e’ lo dice una lastra termografica.

Cellulite Cellulite

ROMA – E’ o non e’ cellulite la pelle a buccia d’arancia? Per scovarla c’e’ la lastra termografica, da utilizzare su cosce e glutei. La tecnica rileva, classifica e misura senza dubbi la cellulite, in particolare se il microcircolo sanguigno sottocutaneo sia o no compromesso. Da qui parte la campagna di sensibilizzazione sul tema della cellulite iniziata in questi giorni dai dermatologi dell’International-italian society of plastic-regenerative and oncology dermatology (Isplad).

Fino al 31 maggio i dermatologi forniranno visite gratuite e fotograferanno la pelle delle donne con questa metodica per inquadrare il problema, fornendo loro indicazioni su come trattare la cellulite (info su www.isplad.it). ”Lo scopo della campagna e’ anche quello di svolgere, per la prima volta in Italia, una indagine epidemiologica su questo inestetismo” precisa Elisabetta Perosino, dermatologa e consigliere Isplad. ”La lastra valuta la temperatura superficiale della pelle, fornisce delle immagini di diverso colore in base al livello di calore e ci permette di comprendere l’esatta compromissione della microcircolazione del tessuto cutaneo”.

marzo 27, 2013

Buona Pasqua, ma con moderazione.

Pasqua: 3 giorni di abbuffate provocano acne e cellulite Pasqua: 3 giorni di abbuffate provocano acne e cellulite

La maratona gastronomica prevista per il prossimo weekend lungo pasquale mettera’ a dura prova la linea e la pelle, stimolando la comparsa dell’acne e della cellulite. Lo sostiene Gabriella Fabbrocini, docente di dermatologia e venereologia all’Universita’ di Napoli Federico II: ”L’elevato apporto di carboidrati e di cibi particolarmente zuccherini innalza la glicemia e fa dilatare il girovita. E’ stato dimostrato che un eccesso di glucosio, imputabile per lo piu’ al latte contenuto nel cioccolato delle uova pasquali, faciliti lo sviluppo dell’acne. L’eccessiva quantita’ di glucosio nel sangue, infatti, induce una insulina resistenza con effetto moltiplicatore nella stimolazione delle ghiandole sebacee”.

Stesse sorti anche per le cellule adipose: ”Una nutrizione ad alto carico glicemico induce anche a un aumento del peso corporeo e ad accumuli di grasso, in particolare nella cavita’ addominale per l’uomo e nel tessuto sottocutaneo per la donna quindi con un peggioramento della cellulite” spiega l’esperta. Per frenare i danni la specialista raccomanda, prima e nei giorni di feste, di limitare il consumo di carboidrati, consumare proteine soprattutto di origine vegetale, abbondare con frutta e verdura, bere molto e fare attivita’ fisica.

luglio 27, 2011

Evviva l’anguria.

L’anguria o il cocomero, come dir si voglia, è uno dei frutti più apprezzati dell’estate, per il suo sapore fresco o zuccherino e per il profumo che riempie l’aria.

Il periodi in cui l’anguria arriva a maturazione, infatti, va da giugno a settembre. Si tratta di un frutto composto sopratutto da acqua (94% circa), ma contiene anche proteine, glucidi e fibre alimentari in modeste quantità. Più ricca, invece, di sali minerali quali sodio, potassio, ferro fosforo, calcio, e di vitamine A, PP, B2, B1. Inoltre, l’anguria è una miniera di licopene, un carotenoide dalle spiccate proprietà antiossidanti che da all’anguria (così come al pomodoro) quel particolare colore rosso.

luglio 27, 2011

Cellulite, si elimina con il sale marino.

Il sale, è un prezioso alleato contro la cellulite. Nei bagni e nei peeling, infatti, nutrono i tessuti, liberandoli dai liquidi in eccesso.

Il sale marino, possiede proprietà drenante e rimodellanti. Quando, infatti, penetra attraverso la cute, elimina i ristagni di liquidi e riattiva i meccanismi di smaltimento dell’adipe. Prima di tutto, occorre fare la doccia, alternando getti d’acqua tiepida a getti d’acqua fredda per stimolare la circolazione sanguigna e aprire i pori della pelle.

giugno 12, 2011

Laser contro i cuscinetti di grasso: sempre meno invasivi i trattamenti anti cellulite.

Addio lunghe degenze e fastidiose cicatrici sul corpo. Se e’ vero che per essere belli e’ necessario soffrire un po’, le nuove tecniche di chirurgia estetica si stanno evolvendo sempre piu’ nella direzione di una progressiva riduzione dei traumi post operatori.

Ne e’ un esempio l’innovativa tecnica della assistita – che debutta anche in Italia e che promette di liberare dei fastidiosi cuscinetti adiposi in maniera piu’ semplice, veloce e soprattutto senza lasciare cicatrici. La sfrutta in una prima fase l’effetto del sul adiposo per poi procedere con la normale aspirazione con cannula, come accadeva per il passato. Il impiegato in questo caso non sfrutta effetti termici (provoca lo svuotamento degli adipociti) ed e’ stato recentemente approvato dalla FDA americana nella terapia del dolore.
Il trattamento consiste nel modellare il adiposo del corpo (addome, fianchi superiori/inferiori, dorso, doppio mento e guance) non piu’ con la tecnica della tradizionale o ultrasonica, ma con un fascio luminoso che delinea alla perfezione il contorno corporeo rimuovendo in maniera selettiva le cellule grasse (adipociti). “Grazie a questa innovativa tecnica non sono piu’ necessari i punti e non si vedra’ nemmeno l’incisione; si avra’ cosi’ un edema notevolmente ridotto rispetto alla tradizionale e un recupero cutaneo eccellente grazie al recupero della lassita’ dei tessuti che vengono rimodellati”, dichiara il dottor Marco Vigano’, chirurgo plastico e socio SICPRE – Societa’ Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva Estetica.

Mag 7, 2011

Cellulite: in Italia colpisce 9 donne su 10.

La cellulite è un inestetismo della pelle che colpisce circa il 90% delle donne, a prescindere dal fatto che siano magre o meno. Si tratta, infatti, di un complesso di alterazioni del derma e dell’ipoderma, che scatena un aumento delle dimensioni delle cellule adipose e la ritenzione idrica negli spazi intercellulari, che si manifesta con il classico aspetto a buccia d’arancia, soprattutto sulle cosce, sui fianchi e sui glutei.

La panniculopatia edemo fibro sclerotica è comunemente nota come cellulite, un termine spesso utilizzato, sebbene non sempre in maniera corretta, poiché, come spiega Sergio Chimenti, Ordinario di Dermatologia e Venereologia dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata, dovrebbe essere riservato a quei casi di natura infettiva causati dallo streptococco piogene o aureo e che si accompagnano, o sono preceduti, da sintomi sistemici quali febbre, tremore e malessere.