Posts tagged ‘catastrofi naturali’

novembre 21, 2012

Come organizzare una truffa a favore delle banche.

Il ministro dell'Ambiente, Corrado CliniIl ministro dell’Ambiente, Corrado Clini

AREZZO – ”Forse bisognerebbe creare un’assicurazione obbligatoria per mettere in sicurezza i propri beni cosi’ come si fa con le auto: non per scaricare tutto sui cittadini ma per metterli in sicurezza”. Lo ha detto il ministro dell’Ambiente Corrado Clini parlando a margine di un convegno ad Arezzo.

Per risolvere i problemi causati dal maltempo, dalle alluvioni e dalle altre catastrofi naturali, ha aggiunto il ministro, ”dobbiamo cambiare i sistemi di prevenzione basati su vecchi strumenti non adeguati ai nuovi regimi climatici”.

Per quanto riguarda l’ondata di maltempo che colpito la Maremma, secondo il ministro, ”e’ una zona prevalentemente agricola dunque non si puo’ parlare di sfruttamento industriale.

Per le alluvioni dobbiamo semmai pensare ad un uso improprio in passato del territorio e tanto hanno inciso i condoni su abusi edilizi che hanno sanato situazioni a rischio ambientale”

gennaio 15, 2011

lo spostamento repentino del Polo magnetico manda in tilt aerei e uccelli. Chiusa una pista a Tampa.

La notizia della chiusura di una pista dell’aeroporto internazionale di Tampa per tenere conto del repentino spostamento del polo magnetico ha scatenato il solito delirio di ipotesi: sarà per questo che ci sono le morie di uccelli?  L’unica consolazione di questa mandria di bufale intorno alle notizie di animali morti è che si può cogliere l’occasione per imparare qualcosa di nuovo. Per esempio, che il polo nord magnetico terrestre si sposta di 80 chilometri ogni giorno tracciando un ovale.(Il disinformatico)
Intanto la NASA pubblica un video di sbufalamento ufficiale delle principali teorie di catastrofe intorno al 2012.

ottobre 14, 2010

A un anno dal nubifragio di Giampilieri nulla è cambiato e i vigili del fuoco sono senza stipendio.

Giampieri un anno dopo: i vigili de fuoco denza stipendio

Difesa del suolo. Per l’Italia è una parola vuota. La parola difesa in queste ore riecheggia per le bombe sui caccia, case ai Rom e accoglienza immigrati. Vogliamo parlare delle opere pubbliche? Bè certo, per il Governo ci sono la Tav in Val di Susa, il Ponte sullo Stretto (che approda su Messina guarda caso e su un territorio fragile come meringa); le centrali nucleari. Punto.

Ieri, un nuovo nubifragio e altro allarme che scatta a Giampilieri. La situazione è la medesima di un anno fa, quando persero la vita nove persone e nulla è cambiato nel comune della provincia di Messina. Le case non distrutte dal fango sono li e sono abitate nonostante l’allarme lanciato dai geologi.

I vigili del fuoco che parteciparono alle operazioni di soccorso a Giampilieri intanto annunciano sciopero per il 10 novembre prossimo: non hanno ancora ricevuto il pagamento degli straordinari fatti proprio quel 1 ottobre di un anno fa. Sono in 2700: la Regione ha proposto come contentino l’anticipo del 10%. Idea che li ha fatti infuriare ancora di più.(ecoblog)